Alle bombe del cannon…

Pubblicato: 30 novembre 2010 da Giannazzo in V8 Supercars
Tag:, , , , , , , ,

 

James Courtney a Sandown, fonte richardsf1.com

… pastasciutta e maccheron! Bim Bum Bom!

Anche il lunghissimo campionato V8 Supercars si appresta ad un arrivo al fotofinish. Dopo le due manches di Sandown ancora 53 punti dividono il capofila James Courtney e il campione uscente della categoria, Jamie Whincup, che si giocheranno il tutto per tutto sul cittadino di dell’Olympic Park di Sydney questo fine settimana. Per la matematica sarebbe della partita anche Mark Winterbottom, ma i suoi 203 punti di ritardo lasciano poco spazio alle speranze.

James Courtney, dopo il quarto posto nella gara del sabato che aveva assottigliato il suo vantaggio sul diretto inseguitore, non si è fatto prendere dal panico e ha sfruttato al meglio, come in tutta la stagione, le gomme a mescola morbida e una sospensione con bandiera rossa per vincere la gara della domenica, sorpassando prima Whincup ai box e poi Witerbottom in pista, al giro 46. Solo il week-end di Sydney lo separa dal primo titolo ma non potrà sbagliare nulla, specie sabato.

Jamie Whincup ottiene invece un secondo e un terzo posto che lo mantengo a distanza di tiro da Courtney. Il campione uscente della serie è apparso efficace come sempre ma non dominante e probabilmente sperava di ottenere qualcosa in più dal penultimo fine settimana di stagione. Il Team Vodafone ha comunque conquistato il trofeo riservato alle squadre, un traguardo importante conseguito dalla corazzata Triple Eight Engineering al primo anno sotto le insegne Holden.

Mark Winterbottom non è riuscito a riaprire le sorti del campionato, pur incassando a sua volta due podi, mentre Craig Lowndes (ottavo e undicesimo) non è mai apparso in corsa durante tutto il fine settimana e ha già dato l’arrivederci al 2011 alle sue chances per il titolo.

Dumbrell precede Whincup, fonte photobucket.com

L’eroe del fine settimana è stato senza dubbio Paul Dumbrell. Il pilota del Rod Nash Racing ha autorevolmente vinto gara-1, tenendosi alle spalle Whincup, Winterbottom e Courtney. E’ stato il primo successo in carriera, su 110 partenze e un solo altro podio, per il driver della Ford Falcon #55, che ha ricevuto i complimenti e gli attestati di stima di tutti i colleghi, degli addetti ai lavori e dei tifosi.

Altro fatto degno di nota da Sandown sono stati i due schianti violentissimi (260 Km/h) nello stesso punto del tracciato, nei due giorni successivi, dei piloti HRT Tander e Davison. Il primo ha forato l’anteriore destra in un contatto, mentre il secondo è stato toccato al posteriore da Caruso. Entrambi si sono schiantati contro le barriere di gomme, dopo una breve via di fuga in ghiaia e ne sono usciti illesi. Molto meno illese le vetture, per la felicità del team manager, che ha calcolato in 2 milioni di dollari l’ammontare dei danni finora sopportati dalla squadra durante l’anno.

Sabato e domenica gran finale da 500km a Sydney, su un circuito cittadino di 3,42 Km ricavato nell’Olympic Park, che a detta dei fratelli Kelly è uno dei più ostici del campionato. A conferma di ciò ci sono i risultati del 2009, con sole 16 e 20 vetture al traguardo delle due gare da 250 km. tanto per cambiare pazienza, strategia, sangue freddo e fortuna la faranno da padrone. Speriamo che non si trasformi nella conta che regala il titolo a questo post.

il tracciato di sydney

L’angolo della comare

Come anticipato, il segreto di Pulcinella è stato svelato: James Courtney nel 2011 si sposterà al team ufficiale Holden, dove sostituirà lo scaricato Will Davison. In settimana c’è stata un po’ di maretta attorno ad una presunta contro-offerta del team FPR, che avrebbe proposto al quasi-campione una Ford sponsorizzata Pepsi Max, presumibilmente con la licenza della #10 eventualmente comprata dal Walkinshaw racing ma a quanto pare non se ne è fatto nulla e Courtney andrà ad accasarsi alla Holden (anche lui!). Vedremo con la presentazione della entry list ufficiale, prevista per il 1 dicembre ma pare che l’intenzione dell’organizzatore sia quella di ritirare la licenza della #10 e ridurre il campo partenti a 28 auto.

Will Davison, appiedato da HRT, sarebbe in procinto di accaparrarsi il sedile di una Ford Falcon sponsorizzata dalla Trading Post e sempre supportata da Ford Performance Racing.

Tenetevi forte perché c’è da piangere, dal ridere:  quelli del Team Vodafone hanno pensato bene di commercializzare il loro profumo… Eau de Engine. Spero sia una burla perché è veramente abominevole! Eccovi una foto e il video di presentazione: http://vimeo.com/17310906

muahahah

Annunci
commenti
  1. […] This post was mentioned on Twitter by Riccardo Turcato, Riccardo Turcato and Riccardo Turcato, Gian Luca Guiglia. Gian Luca Guiglia said: #v8sc Alle bombe del cannon…: http://t.co/YoZIZec <– new post on @motorsportrants a blog by me and @Rturcato83 […]

  2. […] gara di sabato sul cittadino di Sydney, che avevamo già bollato come “rischioso” è stata una carneficina. 4 periodi di safety car nei primi 60 giri, poi i tre contendenti per il […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...