Il caso Massa.

Pubblicato: 3 agosto 2011 da peppe1981 in formula 1
Tag:, , , , , , ,

Entrati nella pausa agostana dopo aver superato il giro di boa del campionato,per la F1 è tempo di primi bilanci.
Tra le questioni aperte in casa Ferrari c’è sicuramente quella riguardante Felipe Massa.
Il brasiliano non è in scadenza essendo contrattualizzato fino al termine del 2012,eppure più volte Montezemolo e Domenicali hanno dovuto rinnovargli pubblicamente fiducia dopo che il nome di più piloti (Button,Webber,Rosberg,perfino Perez e Kobayashi) era stato accostato alla rossa per la prossima stagione.
Voci che,fondate o meno,rivelano comunque un comune denominatore:il giudizio negativo dell’ambiente (media e addetti ai lavori) circa il rendimento di Massa,giudizio inoppugnabile se guardiamo ai freddi numeri e che può essere generalizzato al dopo Ungheria 2009.
Gli inizi in F1. Campione italiano ed europeo di Formula Renault 2 litri nel 2000 e vincitore dell’Euro 3000 nel 2001,Felipe viene ingaggiato dalla Ferrari che gli sottopone un impegno a lungo termine.Il brasiliano fa il suo esordio in Sauber nel 2002 mostrando sprazzi di talento e velocità (in qualifica ,per esempio, rifila al più esperto Nick Heidefeld,suo compagno di squadra, mezzo secondo a Montecarlo e quattro decimi a Spa),ma anche una certa propensione all’errore che portano Peter Sauber a preferirgli il vecchio Frentzen prima per il gp di Indianapolis (dove Massa avrebbe dovuto scontare una penalità di dieci posizioni in griglia per un incidente con De la Rosa a Monza) e poi per il 2003.
Al Paulista non resta che tornare a Maranello in veste di collaudatore affiancando Badoer.E’proprio in questo periodo che si lega a Nicholas Todt,figlio del gran capo Ferrari.
Nel 2004 torna in Sauber disputando un’egregia stagione,ma perdendo globalmente il confronto col nuovo team mate Fisichella (le cui ambizioni da top driver saranno tarpate dal periodo successivo in Renault con Alonso) e dimostrando di essere ancora in fase di maturazione.
L’esplosione e i primi anni in Ferrari A partire dal 2005 inizia il periodo migliore di Massa.Nell’ultima stagione nel team elvetico,infatti,si dimostra nettamente più veloce di Villenevue e viene richiamato in Ferrari per sostituire il partente Barrichello.
Il 2006,stagione di esordio in rosso con al fianco sua maestà Schumacher,è tutto sommato positivo,con un finale di stagione in crescendo dove arrivano 2 vittorie:Turchia e Brasile (13 anni dopo il successo di Senna).
Ritiratosi Schumacher,per il brasiliano c’è un altro osso duro in squadra:Kimi Raikkonen.I due fanno squadra nel triennio 2007-2009.
Il primo anno il finnico è campione del mondo,ma dal confronto Felipe non è schiacchiato,anzi vince 3 gare e contribuisce in maniera preziosa alla vittoria di entrambi i titoli,aiutando e scortando il compagno di squadra nell’ultimo e decisivo gp.
Nel 2008 la prospettiva si inverte:Massa appare più efficace e determinato,conquista i galloni di capitano e perde il titolo solo a due curve dalla fine dell’ultimo gp (sempre in Brasile),scontando qualche sbavatura personale (Malesia),ma soprattutto errori a lui non imputabili (motore rotto a tre giri dalla fine di un gp dominato in Ungheria,pasticcio ai box in un gp di Singapore comunque inficiato nel suo svolgimento dal comportamento della Renault).
Nel 2009 Massa e Raikkonen si giocano la “bella” con una vettura questa volta non in grado di competere per il mondiale.Fino all’incidente dell’Ungheria il confronto è estremamente equilibrato:Felipe marca più punti,Kimi è più spesso davanti in prova e paga più ritiri.
Il ritornoMassa rientra dopo l’incidente direttamente nel 2010 trovando come nuovo compagno di squadra Fernando Alonso.
Lo spagnolo lo sovrasta non solo e non tanto in termini numerici (252 punti a 144,2 pole a 0,10 podi a 4,qualificandosi meglio 15 volte su 19,vincendo 5 gare contro 0 -senza l’ordine della germania sarebbero state comunque 4-1),ma anche soprattutto a livello caratteriale imponendosi subito come leader della squadra,trascinandola,continuando a crederci in un momento no della stagione,sfiorando la vittoria finale.
Il fatto che in molti ricordino solo l’errore del muretto nell’ultimo gp (errore per cui Dyer ha pagato di persona) e in pochi le diverse sbavature dello spagnolo (Montecarlo,Spa per esempio) la dice lunga sull’abilità anche “politica” dell’asturiano.
Il pilota di Oviedo ha conquistato squadra e meggioranza dei tifosi,volente o nolente la Ferrari è lui (lo dimostra anche il recente rinnovo a lungo termine),il team e i sostenitori sanno che se si può ambire a vincere o a cogliere un buon risultato,le speranze non vanno che riposte in lui.
La sua determinazione e il suo ottimismo anche nel poter credere di ribaltare le situazioni più complicate fanno si che gli vengano perdonati con più indulgenza anche gli errori (vedi ultima gara proprio in Ungheria).
Massa,invece,ha dimostrato di subire lo spagnolo sia punto di vista velocistico che dal punto di vista caratteriale,cosa che non era successa (o almeno non in maniera cosi evidente) ai tempi della convivenza con Schumacher e Raikkonen.
Dopo il fattaccio del gp di Germania 2010,dove era stato costretto a cedere la vittoria al compagno,il brasiliano anzichè mettere in pista una reazione rabbiosa è sembrato nel resto della stagione quasi demotivato,più in difficoltà e più distante dalle prestazioni di Alonso rispetto alla prima parte di stagione.
Felipe aspettava con impazienza il 2011 per rifarsi e soprattutto attendeva speranzoso le nuove Pirelli.
Come nel caso di Schumacher,infatti,le prestazioni inferiori alle attese erano state imputate in buona parte alla difficoltà di adattarsi all’ultima versione delle gomme anteriori della Bridgestone,per regolamento di larghezza inferiore rispetto al passato.
E come nel caso del tedesco,anche per Massa il passaggio alle nuove coperture Pirelli
non sembra aver migliorato i risultati.
Anzi se confrontiamo la situazione attuale di classifica con quella dello scorso anno dopo 11 gare vediamo che mentre Alonso migliora il suo rendimento (1 vittoria in meno,ma 2 podi e 22 punti in più rispetto a sè stesso un anno fa),Massa addirittura peggiora (15 punti e 3 podi in meno).Lo scorso anno il brasiliano aveva concluso la stagione ultimo dei piloti dei tre top team e con soli 2 punti in più di Rosberg con la meno competitiva Mercedes,quest’anno a metà campionato o poco più,la situazione è la stessa (almeno i punti di vantaggio su Rosberg sono di più),resta comunque lampante il dato che Felipe ha meno della metà dei punti di Fernando e non è mai andato neanche a podio con un quinto posto come miglior risultato.
In Ungheria per la prima volta si è qualificato meglio dello spagnolo,ma nonostante i diversi errori di quest’ultimo lui-commettendone di peggiori- gli è arrivato a quasi un minuto e a poco vale la soddisfazione del giro più veloce in gara.
A Silverstone era riuscito a tenersi bene dietro Vettel perdendo la posizione per un errore dei box,ma anche in quella occasione ha preso un distacco eloquente da Alonso.
Tutto questo mentre in Mclaren beneficiano dell’apporto di due piloti che si completano a vicenda componendo una coppia fortissima e al tempo stesso coesa e gestibile.
Tralasciando questa stagione che a meno di cataclismi vede di fatto i titoli già assegnati,è chiaro che se in Ferrari si vuole lottare per il vertice in entrambe le classifiche urge un cambio di passo.
Quale che siano le difficoltà di Massa (le gomme?non è più lui dopo l’incidente?è tornato lo stesso di prima ma Alonso è troppo più forte velocisticamente,caratterialmente e politicamente all’interno del team?),deve dimostrare in questa seconda parte di campionato una vigorosa inversione di tendenza,altrimenti spiace dirlo ma a Maranello farebbero bene a pensare seriamente di sostituirlo.

commenti
  1. andrea scrive:

    Nei primi 10 giri del gp Massa ha rallentato 3 volte per far passare il compagno, è una politica degli ordini di scuderia troppo spinta che umilia il secondo pilota, basta vedere come è migliorato barri e quanti sassolini si è tolto.
    L’analisi 2009 è sbagliata, Massa ha umiliato Raikkonen e prima dell’incidente aveva 22 punti contro i 9 di iceman.
    Il fatto è che il 2° sedile della ferrari scotta, ma le buone prestazioni di Massa le possiamo vedere anche con il distacco che ha lasciato ai suoi sostituti del 2009, che non erano dei campionissimi ma neanche dei fermi, non si sono mai staccati dal fondo classifica.
    La differenza di punteggio con le altre 2° guide top è dovuta principalmente alla differenza di gestione, nelle altre squadre i piloti non vengono trattati con così differenza.

  2. peppe1981 scrive:

    andrea,premesso che il tuo commento è ben accetto e la tua opinione rispettabilissima volevo precisare alcune cose (ovviamente tu sei libero di non condividerle e di controreplicare).
    Riguardo al 2009 io ho scritto:” Nel 2009 Massa e Raikkonen si giocano la “bella” con una vettura questa volta non in grado di competere per il mondiale.Fino all’incidente dell’Ungheria il confronto è estremamente equilibrato:Felipe marca più punti,Kimi è più spesso davanti in prova e paga più ritiri.”
    Quindi il fatto che Massa avesse segnato più punti l’ho segnalato (peraltro 22 a 10:se vogliamo essere precisi, meglio esserlo fino in fondo),tenendo anche a precisare che per un’analisa più completa bisognava però anche considerare che il finlandese si era qualificato meglio 5 volte su 9 (conquistando anche l’unica prima fila dell’anno di tutto il team a montecarlo) e che Iceman scontava nella sua classifica un maggior numero di ritiri (i quali incidono negativamente sulla classifica,credo che questo sia pacifico).Anche nei podi il bilancio era pari:uno per parte.Questo io non lo chiamo umiliare,semmai confronto aperto.Se volessi dar conto alle tesi “complottistiche” (cui sembri accennare nell’ultima parte nel tuo commento),potrei anche ricordare quello che si disse circa la rifioritura di Raikkonen,il quale proprio dopo l’incidente di Massa ebbe i risultati migliori,e cioè che il finlandese dava il meglio di sè dal momento che era seguito con l’attenzione che meritava,un’attenzione che prima era riservata al “raccomandato” Massa.Io questo non lo credo assolutamente,come pure non credo che un team come la Ferrari decida scientemente di penalizzare un proprio pilota riservandogli un trattamento NETTAMENTE inferiore rispetto ad un altro,alcune differenze ci potranno essere ma non in grado di giustificare un divario di questo genere.Del resto in questo momento che motivo avrebbe la Ferrari di agire in questo modo?Alla Ferrari dal punto di vista sportivo ed economico conviene arrivare più in alto possibile nei 2 mondiali:nel costruttori ciò non è possibile se decidi di darti la zappa sui piedi penalizzando oltremodo uno dei due piloti,nel conduttori alla Ferrari conviene che Massa arrivi magari si dietro ad Alonso,ma DAVANTI ai red bull e mclaren in modo da sottrarre loro più punti possibile,in altre parole anche in una squadra orientata verso Alonso conviene che Massa gli stia il più vicino possibile,ripeto magari dietro,ma il più vicino possibile,non a 30 secondi a gara e 2 o 3 posizioni dietro.Seguendo il tuo ragionamento allora lo scorso anno alla Mercedes hanno spudoratamente favorito Rosberg e maltrattato Schumacher visto che il primo ha fatto circa il doppio dei punti!Forse sarebbe il caso di riconoscere meriti,demeriti,difficoltà,rendimenti positivi e negativi,invece di presunti alibi e cospirazioni malefiche.Del resto scusa in cosa sarebbe migliorato Barrichello e quali grandi soddisfazioni si sarebbe tolto?A me pare che in Brawn nel 2009 gli sia capitato nè piu nè meno il solito che avveniva in Ferrari:tra le mani aveva la macchina migliore del lotto,il mondiale lo ha vinto lui?no il compagno di squadra,con l’aggravante che in questo caso era Jenson Button,un pilota intelligente e veloce certo,ma forse prenderle da Button ci stà meno che prenderle da Schumacher,o no?E in Williams in molteplici occasioni le ha prese da due debuttanti,piloti interessanti si,ma non certo marziani!Veniamo poi ai presunti 3 rallentamenti nei primi 10 giri di Massa,io sinceramente ho visto solo un sorpasso di Massa ad Alonso che ha fatto un errore e un controsorpasso,ci stà che il brasiliano in quell’occasione abbia rallentato,ma le altre 2 volte?del resto immagini tv,resoconti della gara,e cronologici (questi li puoi consultare sul sito della FIA) non mi pare ne facciano cenno,però, e lo dico sinceramente,può darsi che mi sbagli,nel caso mi piacerebbe esserne documentato.Poi una cosa non mi torna:se Massa era tanto più veloce di Alonso tanto da dovergli dar strada tre volte,com’è che gli è arrivato cosi distante?mi sarei aspettato che gli fosse stato agevolmente vicino,certo non di vedergli per esempio rovinare l’alettone posteriore in un fuoripista compromettendo la possibilità di un risultato migliore!

  3. RN80 scrive:

    Sinceramente vari piloti hanno esaurito il loro tempo in F1, non posso accettare l’occupazione di un sedile x anni e anni senza produrre niente di buono, 3 o 4 stagioni al massimo e poi o diventi un top driver o via x sempre.
    Ecco la lista:
    Schumacher (è stato il migliore ma è ora di lasciare, non fare come Maldini…)
    Button (ora no di certo ma se non vinceva nel 2009 era fra quelli da tagliare)
    Massa
    Heidfeld (dopo 10 anni non ha vinto niente e avrà fatto 10 podi e qualcuno si affida a lui?)
    Barrichello (20 anni di F1? E lui sarebbe il recordman?)
    trulli (1 gara vinta in 15 anni?)
    Da questa lista in un paio di anni dovrebbero aggiungersi:
    Webber (sarà forse già andato in pensione ma se continua come nel 2011 non vale puntare ancora su di lui)
    Rosberg (eterna promessao giàpromessa non mantenuta?)
    Buemi/Algersuari/Kovalainen/Glock (x arrivare ogni tanto a punti ce ne sono che ce ne sono…)

    Usando questo metro a parte i top (Vettel,Alonso,Hamilton, Kubica) gli altri 3 o 4 anni e via, o si dimostrano top a loro volta o via al cambiamento, di Barrichelli ce ne sono troppi! E non venitemiadire che il pilota esperto serve x sviluppare la macchina, Barrichello e heidfeldlodimostrano a loro spese…

  4. atti scrive:

    Massa era da tagliare gia’ l’anno scorso.Probabilmente per un discorso di riconoscenza/riparazione x l’incidente occorsogli e’ stato riconfermato.
    Purtroppo dopo il fattaccio ha perso molto.Ora subisce anche la pressione di un compagno che gli da mezzo secondo di distacco medio.E’ un pilota che trova notevoli difficolta’ a superare,gli manca il pelo sullo stomaco.
    Il mistero e’ con quale logica a Maranello l’abbiano riconfermato x il 2012.
    Alla Ferrari,se vogliono vincere il campionato costruttori,farebbero meglio a trovarsi un pilota migliore:Button,Hamilton,Perez,Rosberg..tutti piloti migliori del brasiliano.

  5. depaillerontyrrellp34 scrive:

    kovalainen rn80 sta facendo benissimo alla lotus..lascia stare che è a 3 sec dai primi, quello non dipende da lui…anche glock con la virgin…Sul duo toro rosso ho gli stessi dubbi

  6. RN80 scrive:

    Sono daccordo Patrick, inoltre x me si è adattato meglio di Trulli alla Lotus e lo batte regolarmente, e è x questo che l’ho messo nella lista di quelli “fra un paio d’anni”. Cioè quando avrà 7 stagioni alle spalle(nel 2011 è alla 5°) se il trend sarà l’attuale x me sarebbe il caso di cambiare aria. Ad esempio anche Fisichella, xchè 13 anni di F1? Ha vinto 1/2 corse se non ricordo male, cioè ci vuole il ricambio! Io dico questo alla luce di certi campioni tipo Hill che hanno corso solo 6/7 stagioni, cioè Trulli 15 e Hill 7? E io sono fra quelli (come tu se non ho frainteso in giro x la rete) che pensa che Hill sia ampiamente sottovalutato. Ma anche Frentzen ha avuto poche occasioni, sicuramente meritava + di Massa o Barrichello.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...