Nationwide Series – Kyle Busch precede logano di un soffio e stabilisce il record di 50 vittorie nella categoria

Pubblicato: 27 agosto 2011 da Giannazzo in nascar
Tag:, , , , , , , , , , , , ,

Tom Pennington/Getty Images for NASCAR

19 millesimi di secondo sono bastati a Kyle Busch per precedere, in un finale concitatissimo, il compagno di squadra Logano sul traguardo della Food City 250, 25esima prova della Nationwide Series disputatasi sul catino di Bristol, Tennessee. Il risicatissimo margine di vantaggio del vincitore è il più ridotto dal 1993, anno in cui è stato introdotto il cronometraggio elettronico.

Busch si è assicurato la settima vittoria della stagione, la quarta su 15 presenze a Bristol e soprattutto al 50esima in carriera nella Nationwide Series, che gli consente di scavalcare Mark Martin, fermo a 49, in vetta alla classifica dei pluri-vittoriosi.

Davanti ad un pubblico di oltre 100.000 persone, la Toyota Camry #18 dell’uomo di Las Vegas è partita dalla pole position e ha dominato gran parte (186 giri in testa su 250) di una gara interrotta da 5 bandiere gialle, l’ultima delle quali ad una cinquantina di tornate dalla bandiera a scacchi.

Oltre ad un impressionante Kyle Busch, sono transitati al comando anche Clint Bowyer, che a tratti è parso avere un passo sufficiente ad imporsi, e Joey Logano, che sfruttando una diversa strategia si è portato al comando al giro 188, per essere nuovamente scavalcato dal compagno di team al giro 193. Logano a quel punto ha cercato di preservare la propria vettura e, sfruttando il traffico dei doppiati, si è rifatto sotto, cercando il sorpasso all’interno della Toyota #18 in più occasioni ed arrivando al contatto un paio di volte.

Nel corso dell’ultimo giro Logano ha affiancato per l’ennesima volta Busch, che per un attimo ha visto sfumare il 50esimo successo in carriera, salvo sfruttare nel migliore dei modi l’abbrivio concessogli dal groove esterno e sopravanzare nuovamente l’avversario proprio sul rettilineo finale, transitando sotto la bandiera a scacchi con con nemmeno un paraurti di vantaggio.

Jason Smith/Getty Images for NASCAR

Alle spalle del duo del Joe Gibbs Racing è arrivato Clint Bowyer, che ha sperato fino all’ultimo che Busch e Logano si mettessero KO a vicenda. Quarto si è piazzato Carl Edwards, che ha preceduto Aric Almirola, Michael Annett, Jason Leffler, Elliott Sadler, Parker Kilngerman e Brian Scott. Undicesimo il leader della generale, Ricky Stenhouse Jr., che ha commentato così la sua performance:

“E’ stato orrendo. E’ stata la nostra peggiore performance dell’anno. Abbiamo faticato fin da quando abbiamo scaricato la macchina da camion. L’abbiamo completamente sbagliata. C’erano auto davanti a noi che non dovrebbero batterci. Dobbiamo lavorare. Non possiamo presentarci con auto come queste. Dobbiamo far meglio, abbiamo molto potenziale se schieriamo macchine come quelle che abbiamo avuto a metà estate, possiamo vincere il campionato. (Andando avanti) in questo modo non ce la faremmo”.

“Non so da dove sia sbucato, se devo essere onesto” ha detto Kyle Busch a proposito di Logano. “Era un missile alla fine. Io ho continuato ad avere sempre un po’ più di sovrasterzo mano a mano che giravamo. Riusciva a stare basso. Lo voleva. Ho pensato che stando alto potevo vincere, magari spingendolo un pochino in basso. Sapevo che il spotter gli avrebbe detto ‘tienilo alto in curva 3 e 4′. Così ho elaborato la mia tattica e sapevo che sarebbe arrivato. Speravo solo che la traiettoria esterna, con la sua maggior velocità, mi avrebbe aiutato sul rettilineo fino alla linea d’arrivo per batterlo. L’abbiamo battuto di pochissimo, quel poco che è tutto quello che conta.[…] Ci sono un sacco di traguardi da raggiungere ed è difficile stabilire quanto siano importanti, ma di certo quello di stasera è parecchio importante.[…] Di sicuro è stato fantastico avere Mark Martin con noi in victory lane a Loudon (dove Busch ha eguagliato il record di Martin) e fare alcune foto insieme per il record eguagliato. Stavolta è stata la nostra serata. Essere in grado di batterlo e piazzarsi in testa alla classifica dei vincitori di tutti i tempi nella Nationwide Series è stato molto speciale per tutti noi come team e per me come pilota e anche per mia moglie Samantha. E’ stato bello e spero di potermi ripetere domani sera.”

Ecco invece il commento di Logano:

“C’è mancato un pelo. E’ tutto quello che si può dire. Avevamo una Toyota GameStop molto buona. Kyle andava più forte a gomme nuove. Noi avevamo gomme usurate. Lui aveva sovrasterzo. Sono riuscito a riprenderlo nel traffico e all’ultimo giro ho fatto bene curva 1 e curva 2, l’ho affiancato all’interno e ho fatto di tutto per passarlo tranne buttarlo fuori e cavolo, ci siamo andati così vicini. E’ frustrante quando vai verso la linea del traguardo e guardi il muso della sua macchina e pensi ‘Agh’, per tre pollici. E’ frustrante, ma che giornata per il team JGR. Una doppietta così ravvicinata sulla linea del traguardo, con le portiere una contro l’altra. E’ bello. Vorrei solo essere quello che festeggia sul rettilineo ora”.

La classifica di campionato vede Stenhouse Jr. in vetta con 5 punti di vantaggio su Elliott Sadler e 10 su Reed Sorenson. Più staccato Aric Almirola, che sale al quarto posto a 58 lunghezze dal primo. Scende in quinta piazza Justin Allgaier.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...