IndyCar, due pesi e due misure e “lamentino” Bourdais.

Pubblicato: 31 agosto 2011 da peppe1981 in formula 1, Indycar
Tag:, , , , , , , , , , , , ,

Due pesi e due misure. Vi abbiamo già raccontato nei giorni scorsi lo sviluppo della gara IndyCar di Sonoma (che vi proponiamo nei video precedenti in versione quasi integrale con commento italiano,rigraziando l’utente Luca Narduzzi che l’ha pubblicata su dailymotion),gara che ha lasciato,purtroppo,come strascico la penalizzazione giunta nel dopo-gara a carico di Giorgio Pantano, retrocesso in diciassettesima posizione,vanificandone il risultato,ma non la prestazione, che resta ampiamente positiva.
Ricordiamo che il pilota italiano è stato sanzionato perchè all’ultima curva dell’ultimo giro ha commesso una manovra non consentita ai danni di Bourdais,il cosiddetto blocking (in IndyCar chi precede un avversario non può difendere la posizione chiudendo la traiettoria interna).
Nell’episodio specifico avevamo scritto che la dinamica ci sembrava passibile di più interpretazioni e che comunque, a nostro avviso, nel momento in cui si era deciso di valutare come scorretta la manovra di Giorgio, la sanzione comminata (retrocessione in ultima posizione tra i non doppiati,anzichè il classico aggravio in secondi corrispondente al drive through) appariva eccessivamente severa.
Ora nello sport si può essere d’accordo o meno sulla valutazione di un episodio (regolarità o meno dell’azione “incriminata”,congruità o meno della sanzione disciplinare),ma una volta che la decisione è stata presa questa va accettata.
Ciò che si fa fatica ad accettare è, invece,la disparità di trattamento,che si manifesta nel giudicare in maniera opposta situazioni uguali tradendo il principio cardine dell’uniformità di giudizio.
Nel particolare ci riferiamo,per esempio,ad una situazione di gara che abbiamo notato nel corso del primo giro: nel primo video (dal minuto 3.52) è chiaramente visibile una manovra di blocking di Ho-Pin Tung ai danni di Saavedra,il quale,uscito più forte dalla curva precedente, si prepara ad attaccare l’avversario,che gli chiude l’interno in maniera vistosa.
Potete voi stessi raffrontare l’episodio Ho-Pin Tung/Saavedra con quello Pantano/Bourdais visibile al termine di questo video http://www.youtube.com/watch?v=5_P-Q4b5kBQ :stessa curva,stessa dinamica ,ma il pilota cinese non ha ricevuto neanche un richiamo,le conclusioni le lascio trarre a voi.

“Lamentino” Bourdais.. Se ci avete seguito nei post precedenti sapete che chi scrive ha in diverse occasioni lodato il francese, autore di prestazioni ottime e consistenti massimizzando il potenziale di una vettura schierata da una squadra,il team Coyne, chiaramente lontana non solo dalle superpotenze Ganassi e Penske,ma anche da team quali Lotus e Andretti.
Abbiamo riportato anche la sensazione che l’ex Toro Rosso sarebbe a giocarsi vittorie di gara e campionato se fosse schierato full time da una squadra più competitiva.
Qui,però,ci sia consentito, vogliamo criticarne un’ attitudine.
Domenica appena sceso dalla macchina dichiarava: “Giorgio Pantano blocked me at the end. I don’t know what the officials are going to say. I was going to dive in and he just blocked me. He pushed me over the rumble strip to finish the job.”,invocando l’intervento della direzione gara proprio come quei calciatori che chiedono l’ammonizione dell’avversario dopo aver subito un fallo.
Il tutto mi ha fatto ritornare alla memoria un episodio del 2007, quando nell’ultima stagione dell’ormai defunta Champ-Car,Bourdais fu battuto da Robert Doornbos in una spettacolare gara sull’affascinante circuito canadese del Mont-Tremblant.
Il francese nel dopo gara,prima si lamentò che l’olandese lo aveva ostacolato con manovre di blocking (ancora!) -ricevendo la disapprovvazione e i fischi del pubblico- e poi, come ciliegina sulla torta, rifiutò di stringere la mano all’avversario con Will Power, terzo incomodo, che nel frattempo si ammazzava dalle risate (come potete vedere dai video in basso).
Orsù un pò più di sportività Sebastien!

commenti
  1. Fabio83 scrive:

    la storia delle penalizzazioni in Indy Car meriterebbe un sito tutto suo… basta pensare a quello che è successo a Toronto con nessuna penalizzazione data ai colpevoli e poi passare ad altre gare dove si esagera per comportamenti di certo meno pericolosi o che hanno portato a risultati diversi (confronto semplicemente quanto successo tra il francese e Pantano e le botte che ha ricevuto Power in Canada da Franchitti e, se non sbaglio, Tagliani che lo ha messo ko).
    comunque, a parte essere contento per Power che si prende una bella rivincita e Pantano che, penalizzazione a parte, ha fatto una gran gara, credo che Bourdais sia davvero un ottimo pilota, ma che molto molto molto spesso pecca di presunzione e alcuni dicono che questo sia un motivo del suo mancato successo in F1 (sarà vero? boh).
    bellissima la scena con Doornbos che cerca di dargli la mano, lui rifiuta e il terzo che se la ride da matti… che figura del menga che ha fatto.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...