Sprint Cup – Johnson riuscirà a cogliere il primo successo a Chicago?

Pubblicato: 18 settembre 2011 da Giannazzo in nascar
Tag:, , , , , , , , , ,

Todd Warshaw/Getty Images for NASCAR

IL CIRCUITO

Nato da un Joint Venture tra la Indianapolis Motor Speedway Corporation e la International Speedway Corporation con il preciso intento di fare breccia in un mercato ricco di potenziale come quello della zona di Chicago, il Chicagoland Speedway è stato costruito a partire dal 1999 a Joliet, una quarantina di miglia a sud-est dal centro della “Windy City”.

Lo Speedway da 1.5 miglia di lunghezza, ha una configurazione tipica delle “Cookie Cutter”, simile a quella del Kansas Speedway, con un rettilineo principale caratterizzato da una leggera piega a sinistra, sede stradale ampia e curve dal banking non elevatissimo: 18°. Il frontstretch misura 2400 piedi ed è inclinato di 11°, mentre il backstretch misura 1700 piedi ed ha un baking di 5°.

Le velocità medie sul giro sono piuttosto alte, tanto che il record in qualifica, stabilito da Jimmie Johnson nel 2005, è di 188.147 miglia orarie, mentre la pole position in questa stagione è andata a Matt Kenseth con un giro a 183.243 miglia orarie.

Si sono disputate 10 gare di Sprint Cup sul tracciato dell’Illinois. Kevin Harvick e Tony Stewart si sono aggidicati due vittorie a testa e conducono la classifica dei pluri-vittoriosi, mentre il Joe Gibbs Racing guida quella dei teams.

Nel 2008 Kyle Busch ha vinto dalla Pole Position, mentre Kevin Harvick detiene il record per la vittoria ottenuta partendo più indietro, avendo conquistato il primo gradino del podio dalla 32esima posizione nel 2002.

I vincitori recenti a Chicago sono David Reutimann, nel 2010 e Mark Martin, nel 2009.

IL SETUP

La conformazione del circuito fa sì che ci siano due traiettorie percorribili in modo redditizio e la difficoltà principale che i piloti devono affrontare è la presenza di moltissimi avvallamenti, che tendono destabilizzare la vettura, alleggerendo lo sterzo e causando sovrasterzo soprattuto in uscita da curva 4, quando è fondamentale non disperdere velocità per affrontare nel migliore dei modi il rettilineo principale.

Come per tutte le piste di questo tipo, l’efficenza aerodinamica è fondamentale per ottenere buoni tempi, per cui occorre viaggiare il più possibile vicino all’asfalto, assorbendo al meglio le asperità per conservare un assetto stabile e generare la maggior quantità di downforce possibile.

LA STRATEGIA

L’importanza dell’aerodinamica e quanto successo nella gara della Truck Series lasciano pensare che molto dell’esito finale dipenderà dalla posizione in pista dei vari piloti dopo l’ultima sosta. Aspettiamoci quindi qualche azzardo come la sostituzione di due gomme invece di quattro per recuperare poszioni, specie nelle ultime fasi di gara.

Se le bandiere gialle fossero poche, come successo nella Nationwide, allora diventerebbe fondamentale anche il consumo di benzina, importante per anticipare al massimo l’ultimo pit stop.

I FAVORITI

Le statistiche vedono come favorito Jimmie johnson, detentore del miglior driver rating sul tracciato (112.0), pur se il Chicagoland Speedway è una delle piste su cui non ha mai vinto. Anche Jeff Gordon può vantare una costanza di rendimento invidiabile, avendo una posizione media al traguardo di 8.6 nelle ultime 10 gare sul tracciato.

Le Ford, tendenzialmente date per favorite sui tracciati intermedi, sono emerse dalle qualifiche come molto veloci, soprattutto quella di Matt Kenseth. Attenzione anche a Carl Edwards, al sempre pericolosissimo Kyle Busch e alla Dodge di Kurt Busch, che potrebbe riprendere il discorso cominciato in Kentucky.

Per quanto riguarda gli outsiders, Chicago potrebbe anche rappresentare un’ottima occasione per Tony Stewart, decisamente a suo agio nell’Illinois per dare una svolta alla propria stagione, così come potrebbe rappresentare una bella chance per David Reutimann, vincitore nel 2010 e molto veloce nelle libere, e Clint Bowyer, anche lui decisamente in palla venerdì.

Stay Tuned!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...