BACK TO THE FUTURE: Quando il 3 a Talladega era una giocata sicura

Pubblicato: 25 ottobre 2011 da Giannazzo in nascar
Tag:, , , ,

fonte immagine: msn.foxsports.com

Il Back To The Future di oggi è dedicato a tutti coloro che si stanno avvicinando al mondo delle gare NASCAR e non hanno avuto modo di vedere come si correva a Talladega e Daytona prima degli asfalti lisci come biliardi e del tandem drafting.

Nel 2000 le gare con i restrictor plates erano ancora caratterizzate da grupponi  di vetture che viaggiavano distanziate di pochi centimetri, su due o tre file, e da piloti molto poco inclini a giocare a nascondino.

Potete immaginare chi fosse considerato il padrone di casa in Alabama: Dale Earnhardt Sr.

The Intimidator quell’anno colse proprio a Talladega, nella Winston 500, il 15 ottobre, quella che sarebbe diventata l’ultima vittoria in Cup della sua carriera, recuperando qualcosa come 18 posizioni negli ultimi 5 giri.

Il video della gara, grazie all’utente NascarAllOut:

 

commenti
  1. Alexio scrive:

    Il fatto che non facessero bump-draft era per una questione di aerodinamica differente (non riuscivano ad avvicinarsi) oppure il pilota che seguiva doveva parzializzare per non spedire fuori quello davanti (musi più bassi che si infilavano sotto al posteriore? )

    Erano molto più belle in effetti

  2. Giannazzo scrive:

    Ciao Alexio e grazie del commento🙂

    Avvicinarsi non era un probema, tanto che la classica “paraurtata” in rettilineo era uno dei modi più diffusi per spingere una vettura al sorpasso, mentre in effetti i paraurti anteriori e posteriori non combaciavano, per cui un colpo troppo deciso scaricava il posteriore dell’auto davanti, destabilizzandola.
    Anche l’asfalto molto più mosso ci metteva del suo, di fatto impedendo di girare attaccati in tandem, perchè si sarebbe finiti tutti a muro in un batter d’occhio.
    La NASCAR ha reso uguali i paraurti anteriori e posteriori per impedire che le vetture venissero “sollevate”, finendo con il decollare.

  3. Alexio scrive:

    Ti “sfrutto” per un’altra info: con l’introduzione dell’iniezione elettronica dal prossimo anno, come verranno limitate le prestazioni nei superspeedway come Talladega? Non utilizzeranno più i restrictor plate ovviamente…

  4. Giannazzo scrive:

    Lo pensavo anch’io, invece a quanto pare useranno ancora i restrictor plates, ma applicati all’acceleratore, anche se ancora non ho avuto modo di capire come.

    Ti linko questo articolo di febbraio di USATODAY, è di febbraio ma è valido. Nei test di Talladega dei giorni scorsi hanno provato con i restrittori.

    http://www.usatoday.com/sports/motor/nascar/2011-02-11-nascar-fuel-injection_N.htm

  5. Giannazzo scrive:

    Certo che la NASCAR è parecchio cauta nell’adottare le novità.

  6. Alexio scrive:

    Grazie🙂

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...