Sprint Cup – La corsa al titolo si decide in Florida nella Ford 400

Pubblicato: 20 novembre 2011 da Giannazzo in nascar
Tag:, , , , ,

Partito a Febbraio dalle spiagge di Daytona Beach, il circo della NASCAR Sprint Cup  torna sulle sponde del Golfo del Messico per la gara che deciderà chi succederà a Jimmie Johnson  nell’albo d’oro del più importate sport motoristico americano. Carl Edwards e Tony Stewart si giocano tutto in 400,5 miglia, dopo una stagione lunghissima ed equilibrata come poche in passato.

IL CIRCUITO

L’Homestead-Miami Speedway è stato costruito a partire dal 1993 come progetto di recupero dela zona dopo l’uragano Andrew, ed ha aperto i battenti nel 1995 ospitando la Nationwide Series. Il layout originale prevedeva una forma simile a quella dell’Indianapolis Motor Speedway, ma le difficoltà di sorpasso e i problemi di sicurezza dati dalle curve troppo “chiuse” hanno obbligato gli organizzatori a due interventi che hanno trasformato le quattro curve iniziali in due “semicerchi” con poco banking.

Nel 2003 il circuito è stato nuovamente rivisto per adottare nu banking variabile nelle curve ed il layout attuale prevede una lunghezza di 1,5 miglia, rettilinei da 1760 piedi e curve con un’inclinazione compresa tra i 18 e i 20 gradi.

Il record del circuito nell’attuale configurazione appartiene aJamie McMurray, che ha percorso un giro in qualifica ad una velocità di 181,111 miglia orarie di media.

Greg Biffle si è aggiudicato il maggior numero di vittorie sul tracciato, che dal 2002 ospita l’ultima prova del campionato. L’ultima vittoria di “The Biff” risale al 2006.

Carl Edwards e Tony Stewart hanno trionfato due volte a testa, ma i due successi di Stewart risalgono al 1999 e al 2000, mentre Edwards si è imposto nel 2008 e nel 2010. Denny Hamlin è transitato per primo sotto la bandiera a scacchi per primo nel 2009.

IL SETUP

Il banking variabile consente di affrontare le curve mantenendo velocità elevate, tanto che Homestead è uno dei tracciati preferiti di molti piloti, anche perché si può aggredire molto la traiettoria, controllando poi il sovrasterzo in uscita di curva, come si è visto nella Nationwide Series.

Durante un run, tendenzialmente si parte utilizzando il groove interno, per spostarsi progressivamente verso quello più esterno mano a mano che le gomme si consumano e la benzina diminuisce.

LA STRATEGIA

I 267 giri di gara, pari a 400,5 miglia saranno sicuramente tiratissimi e mantenersi nelle prime posizioni sarà fondamentale, soprattutto con vetture aerodinamicamente molto sensibili come le attuali.

La possibilità di andare a cercare il grip spostandosi su più traiettorie aiuterà un po’ i piloti a controbilanciare eventuali problemi di setup. Di contro però, chi potrà essere veloce su più groove, potrà gestire al meglio il traffico e sfruttare più situazioni, sia per compiere sorpassi che per difendere la propria posizione.

Come per gran parte degli ovali da 1,5 miglia in questa stagione, anche le strategie e il consumo di carburante potrebbero rivelarsi determinanti, specie nelle fasi conclusive di gara, quando potrebbe essere utile anche una certa aggressività in restart.

Le soste ai box in regime di bandiera verde dovrebbero avvenire ogni 48-52 giri a seconda del consumo di carburante dei singoli piloti.

I FAVORITI

Le Ford del Roush Fenway Racing, ed in particolare quella di Carl Edwards, dovrebbero trovarsi a proprio agio a Miami. Edwards, che partirà dalla pole position, può vantare due vittorie ed un driver rating di 117,5, il migliore del lotto.

Anche Matt Kenseth ha ottimi numeri e può contare su una vittoria, mentre Kevin Harvick ha una posizione media al traguardo di 7,9 e un rating di 102,8.

Tra gli outsiders, Martin Truex Jr. potrebbe riservare sorprese, visto che si trova molto bene sul circuito (rating di 107,4), così come Kasey Kahne, che parte in terza posizione ed è in forma smagliante.

Stay Tuned!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...