TEAM PER TEAM SOTTO LA LENTE: FERRARI 3° puntata

Pubblicato: 12 dicembre 2011 da Depailler on Tyrrell P34 in ferrari, fia, formula 1, italia da corsa, segnalazioni
Tag:, , , , ,

Voti di Depailler on Tyrrell p34

Alonso voto 7,5: che la  Ferrari sia stata una pessima monoposto io,come già scritto, non ci credo. Perché se la ferrari fosse stata una pessima monoposto come descritta da tutti non avrebbero raggiunto tutti quei podii durante la stagione e nemmeno la vittoria di tappa a Silverstone, anche se ottenuta come ormai sappiamo tutti. Alonso ha dato spesso il meglio di se forse riuscendo anche a levare sangue dalle rape, ma deve cominciare a pretendere di più dai tecnici in rosso perché occasioni come il 2010 non succedono sempre, e vetture come quella del 2011 da Maranello è meglio se non ne fanno più uscire.

Massa voto 4: guida una Ferrari per dio…In questo periodo parlare di Massa è come sparare sulla croce rossa, ma ormai il suo tempo in quel di Maranello sembra essere finito e tira a campare tra un lamento e l’altro. Per quanto ancora la Ferrari può permettersi un pilota così ormai lontano dalle prestazioni del passato?

Analisi statistica di Peppe1981

Ferrari: conferma il terzo posto nella classifica costruttori, ma la stagione è nettamente negativa non solo perché viene fallito ancora una volta l’obiettivo della vittoria, ma perché in termini di rendimento globale c’è addirittura un passo indietro rispetto al 2010: meno punti (375 contro i 396 del 2010: -5.3%), meno vittorie (1 contro le 5 del 2010), meno pole (0 contro le 2 del 2010), meno partenze in prima fila (1 contro le 4 del 2010), meno giri più veloci in gara (3 contro i 4 del 2010), meno podi (10 contro i 15 di un anno prima), inoltre aumenta la forbice non solo rispetto alla Red Bull

( il distacco nei costruttori passa da 102 a 275, cioè aumenta del 169% !!, mentre nella classifica piloti il gap tra il pilota meglio piazzato di ambo le scuderie, cioè tra Vettel e Alonso, aumenta dai 4 punti del 2010 ai 135 del 2011,cioè di quasi 34 volte), ma anche rispetto alla McLaren (nel costruttori i punti distacco salgono da 58 a 122, cioè più che raddoppiano, nella classifica piloti nel 2010 Alonso era riuscito a superare entrambi i piloti Mc Laren, nel 2011 chiude dietro a Button).

Alonso: l’unico a salvarsi nella stagione negativa della Ferrari: guida decisamente meglio del 2010 e con una vettura meno competitiva riesce a fare più punti (257 contro 252), fa lo stesso numero di podi (10) , commette meno errori (l’unico se vogliamo è il contatto con Button in Canada, mentre nel 2010 aveva perso importanti con la partenza anticipata in Cina, il contatto alla prima curva in Australia con Button e Schumacher, l’incidente nelle libere a Monaco che gli impedi di partecipare alle qualifiche e con l’incidente in gara a Spa), dopo alcuni start difficoltosi nelle prime gare riesce a fare successivamente della partenza una freccia al suo arco, riuscendo a transitare primo alla prima curva partendo quarto sia in Spagna che a Monza e guadagnando in genere posizioni al via. In qualifica supera Massa 15 a 4 (lo stesso valore del 2010) e in gara per 15 volte su 19 gare si classifica in posizione migliore rispetto a quella di partenza (possibile spiegazione: Ferrari in grave difficoltà in qualifica dove non riesce a sfuttare la gomma non riuscendola a mandare subito in temperatura, ma poi “meno peggio” sul ritmo gara?). Specchio della minore competitività della vettura sono i dati sulle vittorie (1 contro le 5 del 2010), sulle pole (0 contro le 2 del 2010), sulle partenze in prima fila (1 contro le 3 del 2010), sui giri più veloci in gara (1 contro i 4 del 2010): in classifica generale scende dal secondo al quarto posto.

Massa: Al netto di una vettura meno competitiva rispetto al 2010, il rendimento del brasiliano è comunque in flessione rispetto all’anno precedente: nessuna vittoria (lo stesso che nel 2010 dove però Felipe aveva almeno la vittoria “morale” del Gp di Germania ceduta per ordine di scuderia ad Alonso), nessuna pole (come nel 2010), nessuna prima fila (nel 2010 ce n’era stata una), nessun podio ( record negativo per un pilota Ferrari che non si ripeteva dai tempi di Capelli nel 1992), mentre nel 2010 i podi erano stati 5, meno punti in classifica (dai 144 del 2010 ai 118 di quest’anno: meno 15.71%) , come lo scorso anno sesto ed ultimo dei piloti dei tre top-team (unico dei sei a non vincere almeno una gara e a non salire mai sul podio), ma quest’anno il distacco rispetto al quinto è aumentato (da 70 a 109 punti). Rispetto ad Alonso perde ancora il confronto in qualifica (15 a 4 come nel 2010), e la forbice di punti tra i due  aumenta dai 108 punti del 2010 ai 139 di quest’anno (+28.7%), unico dato i cui Massa fa meglio sono i giri più veloci in gara (2 a 1). Come per Hamilton anche per Massa va considerato il numero di punti persi che i vari contatti e incidenti.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...