Sprint Cup – Greg Biffle: “Lavoreremo duramente per vincere come ha fatto Tony”

Pubblicato: 14 marzo 2012 da nascar1993 in nascar
Tag:, , , , , , , ,

Tom Pennington/Getty Images for NASCAR

La Kobalt Tools 400, terza prova della Sprint Cup, ha sancito un cambio di leadership in campionato. Arrivando a Las Vegas, al primo posto c’era Denny Hamlin, scavalcato da Greg Biffle, terzo sul traguardo di Las Vegas.

Domanda: Greg, sei il leader del campionato dopo 3 gare e, senza dubbio, hai fatto un buon inizio di stagione, cosa ne pensi?

Risposta: “Si, certamente abbiamo fatto un buon inizio di stagione e per questo devo ringraziare Matt Puccia, il mio crew chief, che ci ha dato competitività. Questo team aveva bisogno di un leader che prendesse in mano la situazione e fino ad ora Matt ci è riuscito pienamente. Siamo partiti noni e arrivati terzi quindi, tutto sommato, un buon weekend. Eravamo un po’ più veloci l’anno scorso qui e, comunque, sapevamo che sarebbe stata una battaglia dura oggi competere per la leadership. Sapevamo che c’erano macchine più veloci della nostra e ,quindi in definitiva, abbiamo cercato di conservare la nostra posizione ed è cio che è successo oggi, Era chiaro che Tony e Jimmie erano più veloci di noi e che Kenseth era un pò meglio messo di noi, quindi, sai, non mi lamento della terza posizione. Ma, comunque, lavoreremo duramente perchè vogliamo vincere come Tony ha fatto oggi”.

D: Greg, quando eri dietro Tony, al restart, a 30 giri dal termine, cosa hai pensato quando è uscito fuori ed è andato 3 wide per andare in testa?

R: “Vado con lui! Grazie per avermi creato dello spazio”.

“Sai, la differenza tra la mia e la sua macchina è che io sono stato capace di stargli dietro finchè non ho cominciato a sbandare, quindi ho dovuto smettere di dare gas finchè non sono stato in grado di nuovo di riprendere il controllo e stare side-by-side con Brad. In generale la macchina non ne voleva proprio a che sapere di sterzare correttamente oggi e quindi ho dovuto combattere tutto il giorno per contenere il sottosterzo. Per fortuna, siamo stati capaci di risolverlo negli ultimi giri di gara. Oggi ho lamentato tanto sottosterzo sin dalla bandiera verde… quando abbiamo cominciato a risolverlo, non sono stato aggressivo abbastanza. Ma in generale abbiamo fatto una buona gara anche se non sapevo se avevamo una macchina abbastanza veloce”.

Durante il restart finale, piuttosto concitato, le tre macchine di Roush si stavano letteralmente suicidando. Kenseth è andato a muro, stretto da Edwards e lo stesso Biffle, per poco, non è stato coinvolto anche lui.

D: Al restart finale, quando le tre macchine di Roush erano appaiate, avevi idea di cosa stava succedendo tra Carl Edwards e Matt Kenseth? E cosa accadrà nel team meeting di martedì?

R: “Secondo me, devi portare a casa il più possibile. Sfortunatamente, oggi, devi combattere singolarmente con ogni macchina per poterla sopravanzare quindi, devi fare il possibile per guadagnare più posizioni”.

“Non sapevo fossimo three-wide. Il mio spotter mi ha detto che Carl era accanto a me, sotto Matt, e mi sono sorpreso molto tanto da spostarmi sulla parte alta della pista per cercarmi dello spazio e ho mantenuto quella posizione finchè non siamo entrati in curva. Quando ho guardato allo specchietto, vedevo che Carl mi stava venendo addosso, allora ho cercato di muovermi per consentirgli di avere un po’ di spazio nella parte bassa della pista… in quella curva è successo di tutto, infatti, Matt mi stava arrivando da sopra e ho detto al mio spotter cos’altro può accadere in una sola curva?”.

D: Greg, durante la gara, hai cercato ti trovare le traiettorie ideali, di evitare il caos, l’isteria generale… cosa pensavi esattamente mentre eri alla guida?

R: “Stavo cercando di capire quale fosse la traiettoria migliore. Poi speravo che qualcuno mi spingesse per andare un pelino più veloce e cercare di raggiungere gli altri”.

“Era difficile passare, infatti, appena ci provavo ad andare all’esterno, il mio splitter strisciava sull’asfalto e di conseguenza tutta la stabilità della macchina ne risentiva. Durante la gara cerchi solamente di far avere più grip possibile alla macchina!”.

Biffle arriverà a Bristol primo in campionato e forte di un inizio di stagione davvero promettente.

Federico Floccari.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...