Sprint Cup – Brad Keselowski vince una lunga battaglia con Matt Kenseth e va a vincere la Food City 500

Pubblicato: 18 marzo 2012 da Giannazzo in nascar
Tag:, , , , , , , , , , , , ,

Credit: Rainier Ehrhardt/Getty Images for NASCAR

Brad Keselowski ha portato in victory lane la Dodge Charger #2 del Penske Racing al termine di una lunga battaglia con Matt Kenseth, che ha caratterizzato gran parte dei 500 giri di gara.

La prima vittoria stagionale di Keselowski, che si era già imposto a Bristol lo scorso agosto, coincide anche con la prima affermazioni della Dodge, che diventa così il quarto costruttore diverso ad imporsi nelle prime quattro gare, nel giorno della quinto successo in carriera del pilota della Blue Deuce su appena 93 presenze nella massima serie.

Il banking variabile voluto dagli organizzatori in occasione dell’ultima riasfaltatura del Bristol Motor Speedwy ha in qualche modo cambiato il carattere del catino del Tennessee, portando quasi all’estinzione il “Bump’n’Run”, una volta utilizzato come unico mezzo per sorpassare e fonte di mille controversie ed incidenti. La 52esima edizione della Food City 500 è stata interrotta da appena 5 bandiere gialle per un totale di 49 tornate e si è disputata davanti ad un pubblico di 102.000 spettatori, ben lontano dai record degli scorsi anni anche a causa degli elevati costi da sostenere per soggiornare a Bristol nei giorni della gara e forse anche alle previsioni meteo incerte.

La prima gialla della giornata, sventolata ala 25esimo giro, ha segnato la fine delle ambizioni per diversi pretendenti alla vittoria. Regan Smith e Kasey Kahne procedevano affiancati con quest’ultimo all’esterno quando, in uscita da curva 4, Kahne ha acquisito un minimo vantaggio e il suo spotter gli ha erroneamente dato il via libera per occupare la parte destra della pista. A quel punto il pilota della Chevy #5 ha allargato la traiettoria, “trovando” la #78 di Regan Smith, che non ha potuto evitare un piccolo contatto, anche a causa di una leggera tamponata di Keselowski. La vettura di Kahne è partita in testacoda ed è stata immediatamente centrata da Marcos Ambrose, Carl Edwards, Kevin Harvick e Kyle Busch, che hanno rimediato tutti danni più o meno gravi. L’unico a riuscire a riprendere la via della pista in tempi accettabili è stato proprio Harvick, che con qualche colpo di fortuna è tornato in corsa per un buon risultato.

Mentre gran parte dei concorrenti, compreso Greg Biffle, poleman e leader della corsa fino a quel momento, decideva di approfittare dell’interruzione per effettuare la prima sosta ai box, alcuni, tra cui AJ Allmendinger, Brad Keselowski e Brian Vickers, sono rimasti in pista e hanno dettato il ritmo nelle fasi centrali della competizione. Allmendinger ha avuto improvvisi problemi di sovrasterzo poco dopo metà gara, mentre Vickers, al ritorno in Sprint Cup grazie ad un programma da 6 gare con il Michael Waltrip Racing, ha dettato il ritmo lavorando molto bene sulla traiettoria interna, mentre dalle retrovie risalivano bene Bowyer e Johnson, fino a quando non è salito in cattedra Keselowski.

Credit: Chris Trotman/Getty Images

Partito dalla quinta piazza, il 28enne di Rochester Hills è passato al comando per la prima volta al giro 217 ed ha impresso un ritmo indiavolato alla gara, impensierito soltanto dalla Ford Fusion #17 di Matt Kenseth. Il campione della Sprint Cup 2003 è stato molto incisivo soprattutto in restart, anche grazie all’inspiegabile scelta di Keselowski e Wolfe di ripartire sulla linea interna. Kenseth ha rischiato di essere sanzionato per partenza anticipata, ma è riuscito a portarsi al comando, salvo poi dover cedere, dopo qualche giro, all’incessante pressione di Keselowski.

Denny Hamlin, che era scattato dalla 20esima piazza, i progressi della giornata si sono fermati a causa di una ruota posteriore fissata male, che lo ha obbligato ad una sosta supplementare durante un lunghissimo stint in verde e gli ha fatto perdere due giri relegandolo in 20esima posizione finale.

La quarta bandiera gialla di giornata, al giro 361, ha segnato l’uscita di scena di un ottimo Jeff Gordon, che era in lotta per la quinta posizione con dale Earnhardt Jr. Un leggerissimo contatto con la Chevrolet #88, che in quel momento viaggiava all’interno ed è andata ad impattare con gli scarichi sulla ruota posteriore sinistra della #24, ha causato la foratura della gomma di Gordon, con conseguente testacoda e scampagnata a muro. Il quattro volte campione, decisamente irritato, pur riconoscendo l’involontarietà della manovra, ha dichiarato che lui ed Earnhardt si sono toccati decisamente più di quanto dovrebbero fare due compagni di squadra.

Gli ultimi piloti tra i pochi rimasti a pieni giri, tra cui Kevin Harvick, Paul Menard, Tony Stewart e Martin truex Jr., hanno effettuato un rabbocco di carburante, mentre i primi hanno cercato di raggiungere la bandiera a scacchi risparmiando un po’ di benzina.

Keselowski ha nuovamente scavalcato Kenseth al giro 390, pur non riuscendo a scrollarsi del tutto di dosso la Ford #17. L’ultima occasione per Kenseth è arrivata con l’ultima neutralizzazione di giornata, occorsa al giro 479, quando Tony Stewart è finito a muro grazie ad una toccata di Brendan Gaughan, arrivato lungo in curva mentre la Chevy #14 lo doppiava all’esterno.

In restart Keselowski ha scelto finalmente la corsia esterna e Kenseth non ha potuto far altro che vederlo allungare, fino a transitare sotto la bandiera a scacchi con 7 decimi di secondo di margine. Keselowski è andato a vincere totalizzando anche il maggior numero di giri in testa, 232, e sul traguardo ha scherzato con il crew chief Paul Wolfe, chiedendogli: “Paul, sei nervoso?”.

Credit: Justin Edmonds/Getty Images for NASCAR

Alle spalle del duo di testa hanno chiuso Martin Truex Jr, Clint Bowyer e Brian Vickers, che hanno messo a segno una grandissima prestazione collettiva per il Michael Waltrip racing. Jeff Burton, Jamie McMurray, Juan Pablo Montoya, Jimmie Johnson e Paul Menard hanno completato la top-10, leggendo la quale finalmente Chip Ganassi avrà trovato qualcosa per cui sorridere.

“Questa macchina, un nuovo telaio costruito dal Penske Racing, è stata fantastica! Tutti in fabbrica hanno fatto un lavoro fenomenale” ha dichiarato Keselowski. “Siamo andati molto bene nelle ultime gare e sapevo di poterne vincere una. Matt non mi ha reso la vita facile”.

 “Sì, ha fatto un casino” ha scherzato Kenseth. “Avrebbe dovuto scegliere di partire all’interno all’ultimo restart per me! Sfortunatamente non l’ha fatto. Non ero veloce all’interno, mentre Brad lo era, soprattutto in curva 1 e 2. Pensavo di affiancarlo all’esterno in restart, ma era così veloce che non ne avrei mai avuto l’occasione. Ha fatto la cosa giusta per sè, ovvero scegliere l’esterno e lasciarmi l’interno”.

Dopo quattro dei 26 appuntamenti che conducono alla Chase For The Cup, la classifica è ben lontana dall’avere una fisionomia definita. al comando rimane  Greg Biffle, con 157 punti, seguito da Kevin Harvick (148) Matt Kenseth (145), Martin Truex Jr. (139), Denny Hamlin (137), Dale Earnhardt Jr. (137), Tony Stewart (130) Clint Bowyer (126), Joey Logano (126), Paul Menard (123), Jeff Burton (120) e Ryan Newman (118).

Ecco l’ordine d’arrivo completo della Food City 500

1 5 2 Brad Keselowski Miller Lite Dodge 500 48 5 Running 4 232
2 21 17 Matt Kenseth Best Buy Ford 500 43 1 Running 2 45
3 15 56 Martin Truex Jr. NAPA Auto Parts Toyota 500 41 Running
4 16 15 Clint Bowyer 5-hour Energy Toyota 500 40 Running
5 25 55 Brian Vickers Aaron’s Toyota 500 40 1 Running 3 125
6 33 31 Jeff Burton BB&T Chevrolet 500 38 Running
7 17 1 Jamie McMurray McDonald’s Chevrolet 500 37 Running
8 30 42 Juan Pablo Montoya Target Chevrolet 500 36 Running
9 22 48 Jimmie Johnson Lowe’s / Kobalt Tools Chevrolet 500 35 Running
10 11 27 Paul Menard Menards / MOEN Chevrolet 500 34 Running
11 14 29 Kevin Harvick Budweiser Chevrolet 500 33 Running
12 3 39 Ryan Newman Quicken Loans Chevrolet 500 32 Running
13 1 16 Greg Biffle 811 / 3M Ford 500 32 1 Running 1 41
14 23 14 Tony Stewart Office Depot / Mobil 1 Chevrolet 500 30 Running
15 18 88 Dale Earnhardt Jr. National Guard / Diet Mountain Dew Chevrolet 500 30 1 Running 2 2
16 9 20 Joey Logano The Home Depot Toyota 498 28 Running
17 2 22 AJ Allmendinger Shell Pennzoil Dodge 498 28 1 Running 1 54
18 27 51 Kurt Busch Hendrickcars.com Chevrolet 498 26 Running
19 7 43 Aric Almirola Charter Communications Ford 498 25 Running
20 20 11 Denny Hamlin FedEx Ground Toyota 498 24 Running
21 19 10 David Reutimann TRADEBANK Chevrolet 497 23 Running
22 32 33 Brendan Gaughan South Point Hotel & Casino Chevrolet 496 22 Running
23 31 34 David Ragan Long John Silver’s Ford 496 21 Running
24 6 78 Regan Smith Furniture Row Racing / CSX Play It Safe Chevrolet 496 20 Running
25 24 13 Casey Mears GEICO Ford 496 19 Running
26 26 38 David Gilliland Taco Bell Ford 496 18 Running
27 34 93 Travis Kvapil Burger King / Dr. Pepper Toyota 496 17 Running
28 36 47 Bobby Labonte Clorox / Scott Products Toyota 495 16 Running
29 29 83 Landon Cassill Burger King / Dr. Pepper Toyota 495 15 Running
30 40 49 JJ Yeley JPO Absorbents Toyota 493 14 Running
31 39 98 Michael McDowell K LOVE – Let It Start With Me Ford 492 13 Running
32 13 18 Kyle Busch Wrigley Doublemint Toyota 423 12 Running
33 42 32 Ken Schrader We Drive Sales – TMone.com Ford 420 11 Running
34 35 36 Dave Blaney Seal Wrap / Widow Wax Chevrolet 417 10 Running
35 4 24 Jeff Gordon Drive to End Hunger Chevrolet 395 10 1 Running 1 1
36 12 9 Marcos Ambrose MAC Tools Ford 389 8 Running
37 10 5 Kasey Kahne Farmers Insurance Chevrolet 366 7 Running
38 28 30 David Stremme Food Country USA / Inception Motorsports Toyota 334 6 Accident
39 8 99 Carl Edwards Kellogg’s / Cheez-It Ford 245 5 Running
40 41 87 Joe Nemechek(i) AM/FM Energy Wood & Pellet Stoves Toyota 57 0 Brakes
41 43 23 Scott Riggs North Texas Pipe Chevrolet 26 3 Vibration
42 38 74 Reed Sorenson Carnegie Hotel / Turn One Racing Chevrolet 17 0 Vibration
43 37 26 Josh Wise # Morristown Drivers Service Ford 16 1 Spindle

Stay tuned!

Gian Luca Guiglia

commenti
  1. mfabio83 scrive:

    quanto son contento per Dodge!!!
    non vedo l’ora di vedermi la gara anche se, per sbaglio, ora so già il vincitore, ma c’è comunque tutto il resto che mi leggerò a gara vista.

  2. […] il video integrale della quarta tappa della Sprint Cup, disputatasi domenica a Bristol e vinta da Brad Keselowski davanti a Matt Kenseth e Martin Truex […]

  3. […] la penuria di spettatori registrata in occasione della gara del 18 marzo scorso, in cui il pubblico è stato decisamente lontano dalle 102.000 unità “ufficiali”, […]

  4. […] l’ottima prestazione sfoggiata a Bristol dal pilota del North Carolina, culminata in un ottimo quinto posto, la stagione di Brian Vickers […]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...