Quella che vi presentiamo è un’analisi dagli esiti per certi versi attesi, per altri sorprendenti, per altri ancora preoccupanti,almeno per quanto riguarda Maranello e dintorni.
Abbiamo pensato di verificare eventuali progressi o passi indietro dei team di Formula 1 rispetto ad un anno fa, confrontando per ognuno di loro le prestazioni del Gp d’Australia 2012 con quelle della corsa di Melbourne del 2011: per ogni squadra abbiamo raffrontato il proprio giro più veloce in gara di quest’anno con quello dell’anno scorso e lo stesso abbiamo fatto per il miglior giro fatto segnare in qualifica.
In entrambi i casi nella nostra analisi abbiamo considerato come indicativa del potenziale di ogni squadra la miglior prestazione ottenuta dal più veloce dei due piloti di quel team in quel caso specifico: cosi’, per esempio, nel valutare la McLaren 2012 abbiamo tenuto conto in qualifica del tempo di Hamilton (migliore di quello di Button) e in gara del tempo di Button (migliore di quello di Hamilton).
Sempre avendo come obiettivo quello di raffrontare la prestazione assoluta del 2012 rispetto a quella del 2011, abbiamo utilizzato come dato della qualifica il miglior tempo assoluto fatto segnare da quel dato pilota: per esempio, Kobayashi si è qualificato tredicesimo nel Gp di quest’anno con il tempo di 1.26.590 (ottenuto in Q2), ma noi abbiamo usato come riferimento l’1.26.182 ottenuto dalla stesso giapponese in Q1, in quanto migliore.
Ebbene il risultato di questa analisi è che alcuni team hanno migliorato i loro crono rispetto allo scorso anno, altri hanno peggiorato (e lo vedremo in dettaglio) e tra questi la Ferrari è quella che ha fatto peggio. In altre parole la Ferrari è la squadra che da Melbourne 2011 a Melbourne 2012 ha compiuto più passi indietro, altro che presentare una vettura in grado di competere per la vittoria sin dalla prima gara come era nelle intenzioni (e nei proclami…) di Montezemolo, Domenicali e compagnia bella!
Ma procediamo con ordine e cominciamo col dire che quest’anno la F1 ha abbandonato gli scarichi soffiati, col risultato di una perdita evidente di carico aerodinamico e quindi di prestazione.
D’altro canto la Pirelli (che esordiva come monofornitore proprio nel Gp d’Australia 2011 dopo una lunga assenza dalla F1) nel frattempo ha maturato esperienza e migliorato il proprio prodotto, come pure le squadre hanno accumulato dati e “know-to-use” sui nuovi pneumatici.
Mettendo sul piatto della bilancia questi due aspetti, il confronto cronometrico ci dice che la pole 2012 è più lenta di quella 2011 (1.24.922 di Hamilton quest’anno contro l’1.23.529 di Vettel la scorsa stagione , +1.393 secondi), mentre la differenza si assottiglia in gara (1.29.187 di Button nel 2012 contro l’1.28.947 di Massa nel 2011, +0.240 decimi).
Scendendo in dettaglio la maggior parte dei team ha peggiorato in qualifica (Red Bull: +2.122; Ferrari +1,520; Marussia +1.065; Sauber +0.777, McLaren +0.615; Hrt +0.517; Toro Rosso +0.417; Force India +0.206; Lotus +0.055), mentre solo tre hanno migliorato (Caterham -0.575, Williams -0.362; Mercedes -0.085).
Nel giro più veloce in gara,invece, hanno peggiorato solo Ferrari (+1.330), Lotus (+0.695),Caterham (+0.664) e Sauber (+0.658), mentre tutti gli altri hanno migliorato: Williams (-1.150); Force India (-0.921); McLaren (-0.696); Marussia (-0.270); Toro Rosso (-0.193);e Red Bull (-0.183).
L’Hrt esattamente come l’hanno scorso non ha partecipato alla gara, mentre abbiamo escluso dalla nostra analisi sui giri più veloci in gara la Mercedes: numeri alla mano la vettura della stella a tre punte ha migliorato il proprio riferimento in gara abbassandolo di ben 2.572 secondi (sarebbe il progresso maggiore in assoluto di tutta la F1), ma si tratta di un dato di cui abbiamo scelto di non tener conto in quanto “drogato” (nel 2011, infatti, al giro 22 entrambe le Mercedes erano fuori gara, questo ha impedito loro di far segnare un giro più veloce presumibilmente assai più basso visto che nelle fasi finali della gara la pista è più gommata,ma soprattutto la macchina è molto più leggera).
Ora, per ogni squadra abbiamo sommato algebricamente il miglioramento (o peggioramento) della qualifica con il miglioramento (o peggioramento) del giro più veloce in gara in modo da ottenere un indice prestazionale globale.
Come anticipato in precedenza, ne risulta che la Ferrari è la squadra che ha globalmente peggiorato di più a Melbourne rispetto alla stessa gara del 2011 (+2.850), seguita a distanza dalla Red Bull (+1.939), dalla Sauber (1.435), dalla Marussia (+0.795), dalla Lotus (+0.750), da Toro Rosso (+0.244) e infine Caterham (+0.085).
Mentre per la Ferrari si tratta della conferma di timori e perplessità già emersi nei test invernali (che a questo punto si sono concretizzati in maniera addirittura peggiore rispetto alle già pessimistiche previsioni), sorprende trovare “dietro la lavagna” Red Bull, Lotus e Sauber.
Il team campione del mondo in carica era accreditato dei favori del pronostico dalla totalità o quasi degli addetti ai lavori, invece ha perso (soprattutto in prova) gran parte del vantaggio tecnico dello scorso anno.
Anche la Lotus aveva ben impressionato nei test, quindi fa specie trovarla tra i “cattivi”, ma qui occorre considerare che mentre la scorsa stagione Petrov riusci’ addirittura a salire sul podio, quest’anno il ritiro di Grosjean e la brutta qualifica di Raikkonen hanno in parte compromesso il risultato finale, per cui il vero potenziale attuale del team è probabilmente molto più alto.
Può destare sorpresa anche constatare come la Sauber sia tra le squadre che più hanno fatto il passo del gambero in termini di prestazioni, soprattutto se consideriamo che la compagine elvetica è stata l’unico non top team a portare entrambe le vetture a punti domenica scorsa.
Probabilmente in questo caso il risultato di squadra sovrastima il reale potenziale della vettura ed è stato reso possibile da condizioni particolari (ritiri, contatti al via e nell’ultimo giro, safety car che ha ricompattato il gruppo, scelta premiamente di Perez -unico ad adottare la tattica dell’unica sosta-) o comunque la vettura stessa ha il suo punto di forza nel ritmo piuttosto che nella prestazione assoluta.
Detto che per l’Hrt non è stato possibile determinare l’indice globale (perchè manca il riferimento del giro più veloce in gara in quanto le vetture spagnole non hanno partecipato al Gran Premio) e ricordato che quello della Mercedes non è indicativo per i motivi detti prima, veniamo alle squadre che hanno migliorato in base al dato combinato qualifica+gara: la Williams è quella che ha fatto il balzo in avanti maggiore (-1.512), seguita dalla Force India (- 0.715) e dalla McLaren (-0.081).
Di seguito riportiamo lo schema completo corredato dalle opportune precisazioni:

Red Bull: qualifiche: +2.122; gara: -0.183; Somma algebrica: +1.939;
McLaren: qualifiche :+ 0.615; gara : -0.696; Somma algebrica: -0.081;
Ferrari: qualifiche : +1.520; gara : +1.330; Somma algebrica: +2.850;
Mercedes: qualifiche : -0.085; gara: -2.572; Somma algebrica: -2. 657 ;
n.b. il dato della Mercedes della gara è drogato dal fatto che nel 2011 le 2 vetture
erano fuori dopo appena 22 giri, quindi il loro giro più veloce in gara non era indicativo in quanto ottenuto a serbatoio carico, ciò si ripercuote ovviamente anche sulla somma algebrica.
Lotus: qualifiche: +0.055; gara:+0.695; Somma algebrica: +0.750;
Force India: qualifiche : +0.206; gara: -0.921; Somma algebrica: -0.715;
N.b. per il confronto in qualifica abbiamo tenuto conto per il 2011 del tempo ottenuto da Sutil in Q1, migliore di quello ottenuto da Di Resta in Q2.
Sauber: qualifiche: +0.777; gara:+0.658; Somma algebrica: +1.435 ;
N.b.: per il confronto in qualifica per il 2011 abbiamo tenuto conto del tempo ottenuto da Kobayashi in Q2, più veloce di quello fatto segnare dallo stesso giapponese nella successiva Q3 , per il 2012 del tempo ottenuto da Kobayashi in Q1 più rapido di quello ottenuto in Q2, ricordiamo che le Sauber furono squalificate al termine della gara 2011 per irregolarità tecnica.
Toro Rosso: qualifiche: +0.437; gara: -0.193, Somma algebrica : +0.244.
N.b: per confrontare le prestazioni in qualifica abbiamo tenuto conto per il 2011 del tempo ottenuto da Buemi in Q2, migliore di quello fatto segnare in Q3, e per il 2012 del tempo ottenuto da Ricciardo in Q2, dato che l’australiano non ha fatto segnare tempi cronometrati in Q3;
Williams: qualifiche: -0.362; gara: -1.150; Somma algebrica: -1.512;
n.b per confrontare le prestazioni in qualifica per il 2011 abbiamo tenuto conto del tempo ottenuto da Barrichello in Q1, migliore di quello fatto segnare da Maldonado in Q2.
Caterham: qualifiche: -0.575; gara: +0.664; Somma algebrica: +0.089;
Marussia: qualifiche: +1.065; gara: -0.270 ; Somma algebrica: +0.795;
Hrt: qualifiche: +0.517

commenti
  1. Stew scrive:

    Interessante come spunto, ma i tempi in gara sono troppo condizionati dalla strategia e dal traffico al momento, tranne i primi, gli altri sono spesso “ingarellati” in trenini, (specie su circuiti dove è difficile sorpassare come questo) che condizionano molto le possibilità cronometriche di chi sta dietro.

    • Dany_M scrive:

      Beh sui tempi in gara della Ferrari c’è poco da dire, Alonso nell’ultimo stint, dopo la Safety Car aveva praticamente pista libera davanti visto che chi lo precedeva l’ha subito staccato di un bel pò di secondi, quindi il peggioramento c’è tutto.

      Cmq lo scorso anno criticai la scelta di mandar via Aldo Costa perchè a mio parere non aveva svolto un cattivo lavoro. Non dico che non abbia sbagliato nulla, però c’è da considerare che la vettura 2010 progettata sempre da lui si è giocata il titolo. Non ho mai capito perchè far pagare lui dopo 4 gare del 2011 quando i responsabili della sconfitta mondiale del 2010 sono ancora tutti al loro posto… e i risultati si vedono!

      Da quando si è ritirato Schumi il problema grosso della Ferrari sta proprio negli uomini.
      Abbiamo visto:
      – disastri strategici in qualifica(Un giro di Q2 e poi tutti fermi ai box. Oh no non siamo entrati in Q1 per un soffio),
      – disastri strategici con la pioggia(Silverstone 2008 Raikkonen Primo, Hamilton Secondo ai box con la pioggia, Kimi tiene le stesse gomme Lewis no, mezzo giro e viene giù un monsone. Lewis vince facile, ma le previsioni Ferrari davano sole dopo il primo pit stop)
      – disastri nei rifornimenti(Massa che parte con la luce verde dai box ma stavano ancora facendo benzina. Non ha funzionato il sensore? No, non ha funzionato il capo meccanico che per quella gara doveva premere il pulsante del verde al momento giusto. Bye bye mondiale, altro che Glock)
      – disastri strategici nei cambi gomme, Abu Dhabi 2011 su tutti

      E questi son solo i più clamorosi.
      Aggiungeteci tutto il resto e ponetevi la domanda fatidica: Ma non è che il quartetto Michael-Rory-Jean-Ross non è stato sostituito a dovere?
      L’unico che hanno sostituito adeguatamente è stato Barrichello

  2. tylermets scrive:

    bella analisi.

    non mi stupisce la red bull che peggiora, lo scorso anno era andata molto bene è difficile migliorarsi. quindi ci sta.

    per la ferrari invece è un baratro perchè l’anno scorso erano scarsi quest’anno di più..

    peccato.

  3. marco scrive:

    in ferrari hanno bianchi e rigon che credo farebbero decisamente meglio di massa, anche se hanno poca esperienza…non capisco perchè montezemolo non prenda posizione in merito, ne va dei suoi affari e accordi commerciali…bella analisi comunque, sarebbe ottimo farla x ogni gara e vedere man mano anche i miglioramenti o peggioramenti dalla gara prima oltre che dall’anno prima, ma mi rendo conto del lavoraccio che sta sotto…dovrebbe darci una letta anche domenicali

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...