Kenseth “Brad ha avuto qualcosa in più oggi” ; Truex Jr. ” … sono soddisfatto del lavoro che stiamo facendo”

Pubblicato: 21 marzo 2012 da nascar1993 in nascar
Tag:, , , ,

Photo by Geoff Burke/Getty Images for NASCAR

La Food City 500 di domenica è stata una gara in cui lo spettacolo non è certo mancato. Questa corsa verrà ricordata per il duello infinito tra Brad Keselowski, il vincitore, e Matt Kenseth, arrivato secondo, che ha infiammato una gara con poche bandiere gialle, una rarità per Bristol, diventata abitudine dopo il reconfig del 2007. Sarà proprio Matt Kenseth a dare la sua versione della gara esprimendo le sue impressioni.

Domanda: Matt, parla della tua performance odierna. Sia tu che Brad sembravate irraggiungibili in pista. Cosa ne pensi?

Risposta: “Si, infatti sono molto contento di come ho corso oggi. La macchina è stata affidabile per tutta la gara. Non ho nulla di cui lamentarmi. Dopo la competition caution, sono risalito di un bel pò di posizioni e mi sono attestato sulla terza, quarta posizione. Nel complesso abbiamo fatto fatica a trovare un compromesso ottimale per tutta la durata della gara.  In generale, devo dire che abbiamo avuto problemi con la trazione. Infatti, penso che sia stata proprio la trazione a
tradirci nella battaglia con Brad”.

D: Matt, quanto è stato difficile trovare la linea ottimale in pista, quando sapevi benissimo che c’erà qualcuno che era sempre al tuo interno o viceversa?

R: “Si, voglio dire, cerchi sempre di guardare nello specchietto… poi lo spotter , con il suo grande lavoro, ti aiuta ulteriormente a trovare una buona linea da seguire durante tutto il giro. Ma, sai, si va talmente veloci a Bristol che il tempo per rispondere alle richieste dello spotter è davvero minimo. Quindi, devi inventarti la linea che, secondo te, è la migliore per la tua macchina e stare lì il più possibile.
Certamente, all’ultimo restart, non volevo assolutamente Brad all’esterno per il semplice fatto che non ero così tanto veloce all’interno mentre, al contrario, ero molto veloce ,appunto, all’esterno. Ho cercato di preservare le gomme e speravo che Brad le “bruciasse” ma ,sfortunatamente, lui è stato abile a non cadere nel
mio inganno. Alla fine mi è scivolato via e niente più”.


D: Matt, c’è stata una discussione, prima dell’ultimo restart, su quale traiettoria prendere. Avrebbe fatto la differenza se Brad avesse scelto la linea interna invece di quella esterna?

R: “Si, avrebbe fatto certamente la differenza se lui fosse partito all’interno. Noi eravamo nettamente migliori all’esterno. Ma ,sfortunatamente, Brad non lo ha fatto.
Brad era molto veloce sulla parte bassa. Io non lo ero affatto. Brad ha avuto qualcosa in più oggi”.

Justin Edmonds/Getty Images for NASCAR

Ecco che alla discussione con Matt, si aggiunge anche Martin Truex Jr, altro protagonista di giornata, finito terzo, dopo aver  fatto una gara con i contro fiocchi.

D: Martin, Cosa ne pensi della gara di oggi? Ma, in generale, vedo che il tuo team sta constantemente migliorando. Cosa ne pensi?

R: “Abbiamo cominciato a costruire nuove macchine. Abbiamo ricominciato letteralmente da capo e ci siamo promessi di continuare a lavorare duramente anche se le cose sarebbero andate male. Ma, fortunatamente, tutto, fin dall’anno scorso, è lentamente migliorato e sono molto contento e felice sull’inizio di stagione che abbiamo intrapreso. Comunque, ci è voluto molto affinchè i nuovi pezzi, la nuova macchina, è il nostro team raccogliesse i primi frutti. All’inizio è stato difficile ma ,con buona volontà e molta pazienza, abbiamo conseguito i primi risultati alla fine della scorsa stagione. Infatti, abbiamo cominciato ad avere consistenza, costanza nei risultati e l’inizio di stagione di quest’anno ne è la prova. Penso che abbiamo avuto una svolta quando Chad è entrato come Crew Chief nel nostro team. Ci ha dato sicurezza e ci ha spronati a dovere. Dobbiamo molto a lui. Infatti, abbiamo lavorato duramente nella off-season e abbiamo ingaggiato gente che sa fare il proprio mestiere a dovere. Quindi, tutto sommato, sono soddisfatto del lavoro che stiamo facendo… dobbiamo solo continuare a farlo senza mai fermarci!”


D: Martin, Brian Vickers è un gran pilota ovviamente. Cosa ne pensi del suo rendimento all’interno del Michael Waltrip  Racing?

R: “Brian è senza dubbio un gran pilota. Prima di arrivare nella Sprint Cup, ha vinto il campionato Nationwide. Quando ha dovuto rimpiazzare Mark Martin e lo stesso Michael Waltrip, per sei gare, io ero a favore, senza ombra di dubbio. Sapevo che Brian aveva un gran feeling con le macchine che guidava e ha avuto un gran bella esperienza con David Reutimann nel passato ed è arrivato molto vicino a vincere più di una volta. Non sono rimasto sorpreso quando ho visto che Brian è stato in testa per un lungo periodo durante la gara di oggi”.

Dopo Bristol, la NASCAR tornerà nella west coast, precisamente in Southern California, ad una decina di miglia da Los Angeles, per disputare la quinta gara stagionale . L’Auto Club Speedway, ovale da 2 miglia, molto veloce e tecnico, sarà un ottimo banco di prova sia per Kenseth, già vincitore un paio di volte, e Truex Jr. per dimostrare la loro competitività. Biffle ha conservato la leadership in classifica anche dopo Bristol.

Federico Floccari

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...