IndyCar, St. Petersburg: L’esordio di Barrichello.

Pubblicato: 27 marzo 2012 da peppe1981 in Indycar
Tag:, , , , , , ,

“Mi sono divertito”. Questo il primo commento di Rubens Barrichello dopo il suo esordio in IndyCar.
Era lui -il pilota recordman di presenze in F1- il volto nuovo più atteso e chiacchierato a St. Petersburg, il nome che, nei progetti e nelle speranze degli organizzatori, dovrebbe attirare interesse e seguito internazionale, bilanciando nel frattempo la partenza di Danica Patrick.
In verità il suo è stato un battesimo non privo di difficoltà, soprattutto di natura tecnica. Il brasiliano, infatti, ha vissuto prove libere tribolate a causa di problemi di affidabilità che non gli hanno consentito di girare molto, tanto che il buon Rubens in tre turni non è riuscito a fare meglio del ventesimo posto.
Poi in qualifica l’ex pilota della Williams ha dato segni di miglioramento piazzandosi tredicesimo.
In gara Barrichello ha provato a trarre vantaggio dalle bandiere gialle, effettuando le prime due soste in occasione di altrettante situazioni di caution, ma negli ultimi giri, complice una seconda metà di gara senza ulteriori interruzioni, si è trovato in debito di carburante finendo per rimanere a secco a due giri dal termine: alla fine è stato comunque classificato in diciassettesima posizione.
Proprio l’aspetto strategico,in particolare quello della gestione del carburante, ha particolarmente impressionato il brasiliano: “Mi è piaciuta molto la gara, anche se mi sarebbe piaciuto poter spingere di più. Ho corso in modalità fuel-saving (cioè il settaggio che consente di risparmiare carburante,ndr) la maggior parte della gara.
Io sono il tipo di pilota cui piace spingere sempre e andare il più forte possibile, ma qui in IndyCar la strategia dipende da fattori chiave come le bandiere gialle e la gestione del carburante. E’ qualcosa cui dovrò abituarmi: devo imparare ad essere paziente e a controllare queste fasi. Purtroppo alla fine, pur cercando di risparmiare carburante per quasi tutta la gara, siamo rimasti a secco a causa di un errore di calcolo dovuto al cattivo funzionamento di un sensore. E’ un peccato,ma ho imparato molto in questo week end e non vedo l’ora di scendere in pista tra qualche giorno a Barber.”
L’IndyCar, infatti, è di scena questo fine settimana in Alabama per il secondo appuntamento stagionale: qui Barrichello partirà leggermente avvantaggiato rispetto a St. Petersburg, visto che ha avuto già modo di familiarizzare con la pista e con gli assetti in un test pre-campionato.

commenti
  1. Fangio43 scrive:

    “Mi sono divertito”….! Mi sarei divertita anche di più….. ma in fondo (we have all the time in the world)….. ho solo 70 anni………! RESISTERE RESISTERE RESISTERE …….. ocio che fra un po’ ti arriva Massa (o Trulli o Liuzzi)! FILIPPI ha già confermato la prenotazione……. sicchè…. VALEUUU!

  2. 27rosso scrive:

    Paperino era in F1 e paperino sarà anche nel monotelaio più costoso del mondo.
    La sfiga non lo mollerà MAI.

  3. palumbomax scrive:

    ma quando è rimasto benzina in che posizione era^?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...