Kyle Busch e Dale Earnhardt Jr. sono soddisfatti del risultato ottenuto a Fontana e puntano ad un’altra top-5 a Martinsville

Pubblicato: 30 marzo 2012 da nascar1993 in nascar
Tag:,

Robert Laberge/Getty Images for NASCAR

L’Auto Club 400 di domenica scorsa è stata una gara davvero particolare in tutti i sensi a causa dell’assenza di bandiere gialle prima dell’interruzione per pioggia, sfociata poi nella sospensione definitiva della quinta prova della Sprint Cup. Il punteggio, comunque, è stato pienamente attribuito, dato che la metà gara è stata raggiunta e passata abbondantemente. Infatti sono stati percorsi 129 giri su 200 cioè quasi due terzi di gara.
Due piloti che hanno fatto una buona impressione nella gara in Southern California, sono Kyle Busch e Dale Jr, i quali rilasciano le loro opinioni riguardo la gara.

Domanda: Benvenuto Dale, parlaci un po’ della gara di oggi. Cosa ne pensi a riguardo?

Risposta:“Abbiamo avuto una buona macchina, molto veloce fin dalle libere. Abbiamo adottato una buona strategia che ci ha permesso di guadagnare posizioni in gara… la macchina è stata molto stabile. Non ho niente di cui lamentarmi. Steve mi ha fatto fare un pit stop poco prima degli altri e ciò ci ha permesso di guadagnare molto tempo in pista dopo i green-flag pit stop. Prima che la pioggia arrivasse, eravamo in quinta posizione, infatti abbiamo guardato il radar meteo tutto il giorno e, semplicemente ,  abbiamo fatto le scelte giuste. Eccetto le qualifiche , è stato un weekend positivo”.

D: Hai avuto qualche dubbio sulle tue scelte,  in quel momento , mentre stava arrivando la pioggia? Siete rimasti sorpresi quando alcuni sono entrati nella pit road? Come è stato il rendimento della macchina durante tutta la gara?

R:  “Ho guardato e studiato il meteo la notte prima della gara e ho capito che , se avesse cominciato a piovere, non avrebbe più smesso per molto tempo. Comunque, sono rimasto molto sorpreso del fatto che alcuni siano entrati in pit road nonostante il tempo peggiorassi. La macchina si è comportata bene. Durante la gara abbiamo fatto qualche correzione all’assetto. Abbiamo regolato la track-bar di un quarto di pollice e sono rimasto molto soddisfatto, in generale, degli aggiustamenti che il mio team ha fatto.  Inoltre la macchina era molto veloce. Quando ho duellato con Carl, l’ho potuto battere facilmente perchè sapevo molto bene il limite che potevo raggiungere.”

Altro protagonista di giornata è stato senza dubbio Kyle Busch, finito in seconda posizione, il quale è stato a lungo in testa. Solo Tony Stewart è stato in grado di batterlo avendo una macchina a dir poco stabile, stando sempre a contatto con i leader, non deteriorando mai le gomme repentinamente e adottando una strategia perfetta. Decisiva è stata la strisciata a muro di Kyle che ne ha destabilizzato l’assetto per una decina gira permettendo a Tony di approfittarne.  E finalmente Kyle dà la sua opinione aggiungendosi a Dale nella conversazione.

D:  Kyle, come hai gareggiato oggi? Le tue impressioni a riguardo.

R:“Abbiamo fatto bene oggi.  Abbiamo avuto un buona macchina sin dalla partenza. Siamo stati in testa fin dal primo giro e ci siamo rimasti  a  lungo.   Purtroppo,  non abbiamo saputo mantenere la leadership per gli ultimi 30 giri decisivi, ma nel complesso è stata una grande giornata sia per me che per il team.”

D: E’ stato difficile fare modifiche all’assetto della macchina in assenza di bandiere gialle?

R: “ No, niente affatto. A inizio gara la macchina era perfetta. Non abbiamo fatto nessun cambiamento, mentre dopo il secondo pit avevamo un pò di sottosterzo e abbiamo avuto bisogno di fare qualche correzione, per rendere la macchina più guidabile.  Stewart era veramente veloce oggi… non potevamo competere con lui. Speravamo di avere un’altra opportunità ma è arrivata la pioggia e il tempo era scaduto”.

D: Quale è stata la tua strategia con l’avvicinarsi della pioggia?

R: “Fin dall’inizio sapevamo che la pioggia sarebbe arrivata prima o poi, quindi,  la nostra strategia era tutta in funzione del giro 100 (metà gara). Se fossi stato il leader dopo il giro 100, probabilmente avremmo vinto. Purtroppo non è stato così. Sicuramente, non essendoci state bandiere gialle, i pit stop sotto bandiera verde hanno giocato un ruolo importante. All’ultima sosta, avevamo cinque giri in più di carburante ma gli altri si stavano fermando e, per non perdere tempo, abbiamo deciso di fermarci anche noi.”

Dale identifica invece la chiave della sua rimonta dalla quattordicesima posizione di inizio gara, fino alla top-5 grazie ad una prima sosta anticipata, che gli ha consentito di scavalcare molti avversari ai box e non incappare nel traffico delle posizioni di rincalzo.

R: “ Abbiamo fatto un pit stop poco dopo l’inizio gara. E’ stata una sorta di scommessa. Non potevamo fare altro ,comunque, al di fuori di ciò che avevamo programmato prima della gara. Penso che abbia funzionato visto che siamo risaliti fino alla quinta posizione. Penso che,  se non avessimo fatto uno stop anticipato , non avremmo superato tutte quelle macchine e , anzi, saremmo stati imbottigliati nel traffico.”

D: Dale, puoi parlare di Martinsville? Pensi che ci fosse qualcuno in grado di competere con Tony oggi?

R: “Sicuramente Kyle lo sa meglio di me, Io non ho avuto modo di stargli vicino. Per quanto riguarda Martinsville, non vedo l’ora di correrci. Mi sono sempre divertito a correre lì e penso che a chiunque piaccia correre nello short track della Virginia. Spero di fare una buona gara e , come l’anno scorso, spero di battagliare per vincere”.

Domenica, i ragazzi della Sprint Cup, oltre a quelli della Truck Series,  si trasferiranno  ad Est per correre nel circuito forse più tortuoso dell’intera stagione, ovvero il Martinsville Speedway, short track di mezzo miglio, situato in  Virginia. Famosi del Martinsville Speedway sono sicuramente gli hot dog che, ad un prezzo non troppo esagerato di 2 dollari, spopolano tra i fan e sono un “must” per chi va nello short track della Virginia.  Ci sarà da divertirsi. Appuntamento Domenica 1 Aprile alle 19. Non mancate.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...