IndyCar, Indianapolis test day 1: Marco Andretti a 351.842 km/h di media.

Pubblicato: 5 aprile 2012 da peppe1981 in Indycar
Tag:, , , , , , , ,

Il catino di Indianapolis ospita in questi giorni una sessione di test collettivi in preparazione della 500 miglia: lo scopo è quello di consentire alle squadre (che per regolamento possono schierare un solo pilota) di scoprire il comportamento della nuova monoposto sull’ovale dell’Indiana, permettendo nello stesso momento alla Dallara di verificare la bontà delle modifiche aerodinamiche recentemente introdotte.
Le vetture sono in configurazione “Speedway”,quindi con alettone anteriore e posteriore differenti e anche un diverso schema delle nuove protezioni delle ruote posteriori, qui più alte e più leggere rispetto alla configurazione per gli stradali.
Impossibilitati a partecipare al test i team motorizzati Lotus: il ritardo rispetto alle scadenze originarie accumulato dal motorista già nella fase di progettazione ha determinato le sue ripercussioni anche nelle fasi di produzione e consegna dei propulsori.Dopo le rotture registrate da Servia e Tagliani a Barber (e la susseguente necessità di dover sostituire le due unità), la Lotus ha esaurito lo stock di motori a sua disposizione, non riuscendo ad assemblarne altri in tempo utile per questo test.
Molta la curiosità di addetti ai lavori ed appassionati circa le prestazioni del nuovo pacchetto tecnico: lo scorso anno Alex Tagliani fece segnare la pole alla media di 227.472 miglia orarie (cioè 366.08 Km/h) e gli organizzatori hanno previsto che quest’anno la media scenderà a 225 miglia orarie (cioè 362.1 Km/h).
Intanto il più veloce della prima giornata di test (Marco Andretti, al volante della Dallara-Chevrolet del team di famiglia) si è fermato a 218.625 miglia orarie di media (ovvero 351.842 Km/h). Perdippiù il nipote del grande Mario ha ammesso di aver usato una “mega” scia per ottenere quel crono e che viaggiando da solo il suo best lap era di 216 miglia orarie.
Inutile nascondersi dietro ad un dito: ci si aspettava di più. Ma a mettere le cose nella giusta prospettiva ci ha pensato Tony Kanaan, secondo nella lista dei tempi, che aveva avuto modo di provare qui già a Novembre.
Il brasiliano si è detto molto soddisfatto, dichiarando che da quel test ad oggi la macchina è molto migliorata come velocità (in effetti il miglior giro di quella sessione fu di 214 miglia all’ora di media), ma soprattutto come bilanciamento e guidabilità.
“So che le persone parlano sempre della velocità, ma la maggior parte di loro guardandoci correre non saprebbe dire se andiamo a 215 o a 230. Non sono preoccupato della velocità, quello che io mi chiedo è se sarà una bella gara. Questa è la cosa importante per me”
Gli ha fatto eco Andretti: “Come pilota è ovvio che mi piacerebbe andare a 240, ma la macchina è divertente da guidare ed è uguale per tutti, quindi va bene”.
Scott Dixon, terzo in graduatoria e primo degli “Hondisti”, ha sottolineato il fatto di aver girato con un motore già usato nelle prove pre-campionato di Sonoma e che dovrà essere usato anche a Long Beach e in Brasile: il neozelandese è convinto che quando ci sarà la possibilità e la necessità di dover spingere di più i tempi si abbasseranno.
Di seguito la lista dei tempi:

Rank, #, Chassis/Engine/Tire, Driver, Speed
1 26 Andretti, Marco D/C/F 218.625
2 11 Kanaan, Tony D/C/F 218.439
3 10 Dixon, Scott D/H/F 218.094
4 3 Castroneves, Helio D/C/F 216.942
5 4 Hildebrand, JR D/C/F 216.641
6 18 Wilson, Justin D/H/F 213.753
7 14 Conway, Mike D/H/F 212.767
8 15 Sato, Takuma D/H/F 212.573
9 20 Carpenter, Ed D/C/F 207.518

# : numero della vettura; D : Dallara, C: Chevrolet, H: Honda; F: Firestone;
N.b.: la velocità è espressa in miglia orarie.

commenti
  1. RN80 scrive:

    Se non ricordo male nel 94 la pole della penske-Mercedes di Unser era circa 400km/h e mi ricordo che Autosprint fece il poster e io lo avevo attaccato in camera da letto! Bei tempi (sia x indy che x me!!!)

    • peppe1981 scrive:

      I record, tutt’ora imbattuti, relativi alle qualifiche furono stabiliti nel 1996.
      Scott Brayton stabili’ la pole (la qualifica si disputa su 4 giri) alla media di 233.718 miglia orarie (cioè 376.132 km/h), Arie Luyendyk fu secondo e Tony Stewart terzo.
      Brayton,però, mori’ 5 giorni dopo in un incidente durante una sessione di libere, la vettura di Luyendyk fu squalificata perchè sottopeso, quindi in pole avanzò Stewart, che aveva girato alla media di 233.1 miglia orarie (cioè 375.138 km/h).
      Arie Luyendyk,allora, fu costretto a qualificarsi nella seconda sessione, dove girò (sui 4 giri) alla media di 236.986 miglia orarie (ovvero 381.391 km/h) e nel suo passaggio più veloce fece segnare la media di 237.498 miglia orarie (cioè 382.215 Km/h): pur avendo fatto segnare un tempo più rapido della stessa pole position, Luyendyk dovette però partire in ventesima posizione, perchè,per regolamento, dovette schierarsi dietro a tutti i piloti che si erano qualificati nella prima sessione.
      Ma non è finita qui: lo stesso Luyendyk nelle prove libere fece un giro alla media di 239.260 miglia orarie (385.051 km/h): è questo il giro più veloce mai realizzato nella centeneria storia di Indianapolis.
      Al Unser jr ottenne la pole nel 1994 alla media di 228.011 miglia orarie, cioè 366.948 km/h.

  2. Mick83 scrive:

    Forse RN80 si confonde con il giro più veloce mai ottenuto da una vettura in circuito siglato da Gil de Ferran a 241.428 mph ovvero 388.541 km/h ma a Fontana al California Speedway nel 2001.
    Certo che confrontate con quelle velocità le medie fatte dalla Dallara DW12 non sono proprio il massimo. Comunque la macchina in versione superspeedway anche se un bel po’ lenta e molto bella e assomiglia alle formula 1 degli anni con vetture ad effetto suolo

  3. RN80 scrive:

    Probabilmente mi ricordavo male, cmq x me non e’ neanche tanto negli ovali quanto negli stradali dove sarebbe da intervenire
    Ci vorrebbero 100cv in +, tagliabili quando gareggiano in ovale. Un po come la nascar, 800 cv che tagliano a 600 a daytona e talladega. Sarebbe la soluzione ideale. A proposito non mi sembra di averlo visto ma a Barber come sono a tempi 2011/2012? Si sono un po’ migliorati? Ormai il logo THE FASTEST DRIVER OF THE WORLD potrebbero toglierlo. Certo che con 350km/h al pelo a indy si potrebbe fare un pensiero su daytona se lo lasciassero usare, anche solo con le varianti x la 24h

  4. RN80 scrive:

    Brayton che incidente assurdo! Non sembra che abbia dato neanche chissa’ che botta, un po come D.E.se a daytona nel 2001, la decelerazione ha fatto tutto. In fondo Piquet sr e’ stato davvero fortunato. Invece di Renna non c’ e’ traccia di niente in rete, hanno insabbiato tutto come x Kato?

    • peppe1981 scrive:

      Renna mori’ in un incidente durante una sessione di prove libere a fine 2003: Ganassi lo aveva ingaggiato per il 2004 per prendere il posto di Tomas Scheckter e il team era impegnato ad Indianapolis.
      Era fine ottobre (il 22) e la temperatura, sia dell’aria che dell’asfalto, era bassa (intorno ai 10 gradi). Al quarto giro, quindi a gomme ancora abbastanza fredde, andò in testacoda alla curva 3, la sua sfortuna fu che il vortice d’aria sotto la vettura proiettò quest’ ultima in volo contro le barriere di protezione che sono poste al di sopra del muro (le cosiddette catch fence) e per Renna non ci fu niente da fare, mori’ sul colpo.
      Essendo una sessione privata di test non ci sono immagini nè video dell’incidente, comunque giusto per avere un’idea la dinamica è simile a quella dell’incidente che Wheldon ebbe nell’edizione della indy 500 proprio del 2003: anche Dan ando’ a muro alla curva 3 e la sua vettura fu proiettata in volo, però nel suo caso l’angolo e la violenza dell’impatto furono diversi.
      Questo il link di quell’incidente : http://www.youtube.com/watch?v=iFNTAkN5FgA .
      Quanto al confronto prestazionale, prossimamente proporremo un’analisi sulla base di quanto visto a St. Petersburg e Barber.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...