Camping World Truck Series – Nelson Piquet si mangia le mani, a vincere è Kasey Kahne

Pubblicato: 16 aprile 2012 da Giannazzo in nascar
Tag:, , , , , , , , , , , , , , ,

credits: Getty Images For NASCAR

La gara del ritorno della NASCAR al Rockingham Speedway è andata a Kasey Kahne, abile a sfruttare al meglio il Silverado #4 del Turner Motorsports nelle fasi finali di una corsa dominata da Nelson Piquet Jr, ma segnata da un grossolano errore del brasiliano in pit road in occasione dell’ultima bandiera gialla.

La Good Sam Roadside Assistance 200, terza prova del calendario della Camping World Truck Series, si è svolta davanti ad un pubblico stimato in circa 27.500 unità, un deciso incremento rispetto alle 20.000 persone di Martinsville che testimonia ancora una volta la necessità per Truck Series di riscoprire la propria nicchia di pubblico.

La vivacità dell’azione in pista è stata favorita dal mix tra la conformazione dello storico circuito del North Carolina, noto mangia-gomme, e coperture Goodyear dal netto decadimento prestazionale nel corso del run, che hanno portato a continui traversi e molti sorpassi.

Le neutralizzazioni sono state quattro, per un totale di 25 giri dietro pace car, mentre gli avvicendamenti al vertice sono stati 7, tra quattro piloti.

credits: Getty Images For NASCAR

Il poleman Nelson Piquet Jr. ha letteralmente dominato la prima metà di gara, dimostrando di essere l’unico ad avere un truck dal comportamento neutro, accumulando anche 12 secondi di vantaggio sul resto del gruppo e lasciando appena 11 concorrenti a pieni giri dopo appena una sessantina di tornate.

La prima bandiera gialla è stata sventolata in occasione dell’uscita del vincitore di Daytona, John King, finito contro le barriere interne dopo quattro giri, mentre la seconda è arrivata per detriti al giro 60.

Intorno a metà gara, Matt Crafton, al volante del Toyota Tundra #88 del team ThorSport, è riuscito ad avvicinare le prestazioni di Piquet, dando vita ad un bel duello nel traffico, in cui è stato comunque il brasiliano a prevalere.

In occasione della terza bandiera gialla, sventolata  arrivata dopo un incidente tra David Reutimann e Bryan Silas al giro 60, Piquet ha effettuato una sosta più lunga per effettuare delle regolazioni al setup del Silverado #30 e si è trovato a dover recuperare dalla quinta posizione, mentre in testa al gruppo Kasey Kahne, partito dal fondo dello schieramento per aver sostituito Brian Sweet al volante del Silverado #4 e sceso in pista senza aver avuto modo di compiere nemmeno un giro, scavalcava Matt Crafton per la prima posizione.

L’ultima neutralizzazione della giornata, a  26 giri dal traguardo, ha visto tutto il gruppo fermarsi ai box e Kahne uscire dalla pit road per primo. Piquet è uscito in seconda posizione, ma ha gettato alle ortiche una probabile vittoria oltrepassando il limite di velocità in uscita dalla pit road, rimediando una penalità che lo ha retrocesso in tredicesima posizione e obbligato a ripartire dal fondo del gruppo, alle spalle anche dei tanti doppiati.

Al restart, Kahne si è involato verso la bandiera a scacchi, seguito dal compagno di squadra James Buescher e da Matt Crafton, mentre Nelson Piquet si è lanciato in una furiosa rimonta, culminata in un sorpasso da brividi all’ultimo giro ai danni di Ty Dillon per la settima piazza.

credits: Getty Images For NASCAR

Questa la top-10: Kahne, Buescher, Crafton, Sauter, Peters, Coulter, Piquet, Dillon, Kilngerman, Lofton.

Per Kahne si tratta della quarta vittoria su cinque gare disputate in Truck Series, un record impressionante, visto che l’unico risultato diverso dal successo è il secondo posto di Pocono, ottenuto nel 2010.

“Questo è stato probabilmente il mio miglior weekend da molto tempo a questa parte” ha detto Kahne, reduce da un settimo posto in Sprint Cup e da un terzo posto in Nationwide Series a Fort Worth. “Ho corso tre gare molto dure questo fine settimana e non ho avuto problemi, non ho fatto incidenti.. E’ stato un buon fine settimana, con molta energia e sono sicuro che dormirò bene stanotte, quando finalmente deciderò di andare a letto.”

“Avevamo perso posizioni durante un pit stop e stavo cercando di recuperarle in un altro pit stop” ha detto Piquet, che ha confessato di aver commesso un errore da principiante. “Ho cercato di avvicinarmi il più possibile al limite di velocità e sfortunatamente questa non era una gara in cui eravamo fuori dai giochi, perché non avrebbe fatto così male perderla in questo modo.”

Dopo tre gare, Timothy Peters guida la classifica con 121 punti, seguito da Justin Lofton (115), Ty Dillon (114), James Buescher (111), Parker  Klingerman (101) e Nelson Piquet Jr. (100).

Ordine d’arrivo della Good Sam Roadside Assistance 200

1 5 4 Kasey Kahne(i) Rockwell Tools Chevrolet 200 0 124.9 $29,000 Running 1 46
2 16 31 James Buescher Koike.com Chevrolet 200 42 111.9 $23,840 Running
3 8 88 Matt Crafton Menards / Ideal Door Toyota 200 42 1 127.8 $17,285 Running 3 40
4 10 13 Johnny Sauter Hot Honeys / Curb Records Toyota 200 40 107.5 $17,400 Running
5 3 17 Timothy Peters Strutmasters.com Toyota 200 40 1 113.0 $12,200 Running 1 7
6 17 22 Joey Coulter Strutmasters.com / RCR Chevrolet 200 38 93.3 $10,450 Running
7 1 30 Nelson Piquet Jr. Qualcomm / AutoTrac Chevrolet 200 39 2 132.7 $14,500 Running 3 107
8 12 3 Ty Dillon # Bass Pro Shops / Tracker Boats Chevrolet 200 36 96.5 $11,250 Running
9 6 29 Parker Kligerman Draw-Tite / MOPAR RAM 200 35 98.6 $10,200 Running
10 19 6 Justin Lofton CollegeComplete.com Chevrolet 200 34 87.2 $11,425 Running
11 27 27 Jeb Burton # State Water Heaters Chevrolet 200 33 85.3 $10,100 Running
12 22 9 Ron Hornaday Jr. Joe Denette Motorsports Chevrolet 200 32 81.8 $7,725 Running
13 21 81 David Starr Zachry Toyota 200 31 76.0 $7,675 Running
14 11 98 Dakoda Armstrong # EverFi.com Toyota 199 30 74.3 $7,625 Running
15 23 32 Miguel Paludo Duroline Brakes Chevrolet 198 29 58.0 $10,850 Running
16 29 2 Timothy George Jr. Applebee’s Chevrolet 198 28 65.6 $9,700 Running
17 13 33 Cale Gale # Rheem Chevrolet 197 27 71.4 $9,650 Running
18 15 24 Max Gresham # Made in USA Brand Chevrolet 197 26 64.6 $9,600 Running
19 18 92 David Reutimann(i) FleetHQ.com / BTS Tire / QMI Chevrolet 197 0 57.6 $7,300 Running
20 20 09 John Wes Townley # RAB Racing Toyota 197 24 62.4 $7,750 Running
21 24 75 Caleb Holman # Food Country USA / Wise Snack Foods Chevrolet 197 23 51.5 $7,350 Running
22 32 39 Ryan Sieg RSS Racing Chevrolet 197 22 48.1 $9,450 Running
23 30 14 Brennan Newberry Ironclad Performance Wear Chevrolet 197 21 46.9 $7,175 Running
24 28 23 Jason White GunBroker.com Ford 196 20 63.9 $9,400 Running
25 14 08 Ross Chastain # Florida Watermelon Association Toyota 196 19 51.3 $9,500 Running
26 2 5 Paulie Harraka # Send a Soldier to the Rock / Wauters Motorsports Ford 195 18 61.0 $9,325 Running
27 36 70 Jeff Agnew Team 7 Motorsports Chevrolet 195 17 38.0 $7,000 Running
28 26 02 Tyler Young Young’s Building Systems Chevrolet 193 16 39.6 $6,975 Running
29 33 93 Chris Cockrum RSS Racing / Advanced Communications Chevrolet 193 15 31.1 $7,925 Running
30 35 57 Norm Benning Ladybug Cleaning / G.L. Hubbard & Sons Trucking 189 14 32.8 $8,400 Running
31 7 11 Todd Bodine Toyota Care Toyota 135 13 68.0 $6,855 Running
32 31 99 Bryan Silas # Rockingham Speedway Ford 119 12 46.3 $6,800 Accident
33 25 7 John King # Consol Energy Toyota 56 11 25.8 $6,775 Accident
34 4 18 Jason Leffler Dollar General Toyota 19 10 47.9 $6,750 Engine
35 34 07 Johnny Chapman ASI Limited Toyota 13 9 28.6 $6,725 Clutch
36 9 60 Grant Enfinger Turn One Racing Chevrolet 12 8 29.1 $6,702 Transmission

Stay tuned!

Gian Luca Guiglia
twitter: gian_138

commenti
  1. emanueleandrea scrive:

    lo posso dire? è un deficente! si sarà fatto si e no 120 giri in testa, roba da record, aveva undici secondi di distacco dal secondo! come puoi fare una stronzata simile?poteva vincere e dimostrare ancora di essere un buon pilota..

  2. Giannazzo scrive:

    Aahahaha, ma no dai, capita anche ai migliori diverse volte, vedasi Johnson a Martinsville🙂

    Secondo me non aveva nessuna necessità di spingere in uscita dai box, perché con la macchina che aveva, ripartire secondo o terzo sarebbe stato uguale, ma è un errore che ci sta ancora, almeno per il momento.

    A sua parziale scusa c’è da dire che di solito chi occupa la prima piazzola, come nel suo caso, riesce a ripartire a razzo senza superare il limite perché è vicino all’uscita box, ma in questo caso la prima piazzola era occupata dalla TV, per cui lui aveva effettivamente la seconda, che davanti avrà quel tot di spazio sufficiente a sorpassare il limite.

    Nelsinho mi ha stupito, anche considerando che si può indubbiamente permettere il materiale migliore sulla piazza, per quanto va forte e se continua così lo vedremo vincere presto😉

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...