F1 GP CHINA: LE NOSTRE PAGELLE

Pubblicato: 17 aprile 2012 da Depailler on Tyrrell P34 in autosport, Autosprint, caterham, ferrari, fia, formula 1, FOTA, italia da corsa, Lotus, mazzoniadi, McLaren, MERCEDES, mercedes, pirelli, rai, REDBULL, renault, SAUBER, Varie, williams
Tag:, , , ,
FONTE PILOTOONS

FONTE PILOTOONS

Pagelle Depailler on Tyrrell p34

Vettel 7: la sua red bull vista dal camera car sembra più una force india che la vettura campione del mondo in carica,ma Seb lotta stringe i denti e raccoglie il massimo.

Webber 7,5: bella la gara di Mark che è stato per tutto il weekend più in palla del capo squadra…speriamo si sia scrollato di dosso un pessimo 2011

Button 8,5: è lui il più pericoloso per nico. Belle lotte in pista, perde forse la vittoria per il problema al cambio gomme ma, in pubblico,non si lamenta.

Hamilton 8: la penalità forse gli leva la vitoria…ma ragazzi…a lui kers e drs non servono,lui li ha incorporati nel piede destro…gaaasssss

Alonso6: ne carne ne pesce, forse un paio di posizioni dietro rispetto il vero valore della ferrari atuale ma di più non può chiedere. Consiglio…guardare gli specchietti quando si rientra in pista

Massa 5,5: timido risveglio,  poi scompare ancora…La sensazione che la rossa provi con lui assetti e strategie differenti orami è confutata.  Come sopporti il suo ingegnere di pista invece non so…possibile che abbia il tatto di un pachiderma in cristalleria ad ogni team radio?!

Rosberg 10: perfetto…l’avversi scrollato di dosso la sindrome di Amon lo aiuterà

molto nel proseguio della stagione.

Schumacher 8: in cuor suo,nonostante i sorrisi,son sicuro gli roda da morire non aver riportato lui la mercedes alla vittoria dopo fangio…

Raikkonen5: gestione gomme scellerata per la renault che partiva quarta…non capita spesso…

Grosjean 6: udite udite…finisce la gara…ed a punti…ben arrivato…o ben tornato

Kobayashi 6,5: grossa delusione da terzo in griglia,ma forse piu che lui,la sauber che si perde nella giornata in cui,la sua caratteristica,il mangiar meno le gomme, era essenziale. Il gpv in gara non era di un giapponese dal 1989…dai non sarà  l’ultimo per Kamui…

Perez: vorrei dargli10….ma anche3 perchè con un auto superiore di un secondo al giro devi dire al tuo ingegnere di tacere che tanto con il drs in rettilineo fai tempo a bere un bicchiere d’acqua mentre sorpassi il tuo avversario senza rischiare chissà che…A meno che non sia partito qualche ordine di squadra come purtroppo quel team radio inopportuno  fa pensare.

Di resta 6: non è facile gestire questa force india…di certo non l’inizio che si sperava…

Hulkenberg 6: vedi soora

Ricciardo 5: weekend no

Vergne 5.5: la toro rosso e lui latitano, in Bahrain bisogna tornare alla normalità…a poco serve il secondo giro più veloce in gara.

Maldonado 6,5: finalmente raccoglie il massimo da questa williams

Lalli Senna7: bruno sta stupendo,anche me sinceramente, meglio cosi. Non è un campionissimo ma al momento sta facendo il lavoro che era preventivato…raccogliere più punti possibili

Kovalainen5 :si sta perdendo…gli manca Jarno secondo me

Petrov 5: c’era?

Glock 1: è forte,se si vuole bene,lasci questo catorcio

Pic sv:

Kartikeyan sv:

De la rosa sv:

Pagelle di Peppe 191181

Vettel: 8. Reagisce ad una qualifica assai negativa (fuori dalla top ten dopo 43 gp e per la terza volta su tre  più lento di Webber) e ad una partenza non perfetta con una gara volitiva. Paga le gomme finite proprio negli ultimi giri perdendo via via posizioni e scivolando giù dal podio.

Webber: 8. Di nuovo più efficace di Vettel in qualifica, gli arriva davanti anche in gara (seppur di poco). Ma visto che il tedesco partiva assai più indietro e gli è arrivato vicino (anzi gli era anche davanti fino a pochi giri dalla fine), il buon Mark forse poteva fare un pò meglio.

Button: 9. In qualifica non sembra molto in palla, poi in gara come al solito esce fuori alla grande.

Gestisce la gara in modo intelligente e mostra ottima disinvoltura anche nel traffico. Il problema al pit stop gli impedisce di provare ad insidiare la leadership di Rosberg.

Hamilton: 9-. Oltremodo penalizzato in qualifica dall’arretramento di 5 posizioni, in gara forse perde un pochino di efficacia sul passo (o forse è Button che si trasforma, non lo sappiamo). Come al solito determinato nei duelli in pista guadagna il terzo gradino del podio (è la terza volta in tre gare), una costanza di risultati che lo premia con la testa del mondiale.

Alonso: 7.5. Questa volta il “miracolo” non gli riesce, o almeno non fino in fondo. Ottimo protagonista per due terzi di gara, insidia monoposto ben più competitive e rimane attaccato ad Hamilton. Nell’ultimo stint, invece, una volta rientrato nel traffico commette un errore e rimane cristallizzato alle spalle delle Williams. A sua parziale scusante la Ferrari soffre col serbatoio leggero e non è molto rapida in rettilineo, ma lui forse è meno efficace di altre volte.

Massa: 5. Alcuni (timidi) segnali di miglioramento in qualifica e nella prima metà di gara, ma il suo score 2012 segna ancora uno sconfortante zero alla voce punti conquistati. Adotta una tattica diversa da Alonso e gli arriva non molto distante, ma a fine gara si lamenta proprio della strategia. Peccato che Senna e Maldonado (che gli partivano dietro) con la stessa tattica a due soste gli sono arrivati davanti.

Rosberg: 10. Pole, vittoria, gara condotta autorevolmente e gestione accorta delle gomme. Cosa volere di più? A cercare il pelo nell’uovo si può dire che ha tratto vantaggio dall’errore del box McLaren, ma molto probabilmente avrebbe vinto in ogni caso.

Schumacher: 7. Dopo aver regolato Rosberg nelle prime qualifiche dell’anno, le prende proprio quando conta di più. Anche nelle prime fasi di corsa sembra averne di meno del team mate, ma sarebbe pienamente in lotta per un podio se non fosse per un errore del box Mercedes al cambio gomme. Peccato, però se la macchina si confermerà competitiva avrà altre occasioni per riscattarsi.

Raikkonen: 6+. Grande qualifica, ottima prima parte di gara, poi problemi di gomme lo relegano addirittura fuori dai punti. Visti i problemi sulla distanza evidenziati nelle libere forse la tattica delle due soste non era la più indicata per lui. Nella lista dei giri più veloci in gara si colloca addirittura in diciottesima posizione.

Grosjean: 8.5. Finalmente al traguardo, finalmente non commette errori e arriva un ottimo sesto posto. A differenza del compagno di squadra riesce a salvare meglio le gomme e a condurre in porto la tattica delle due soste.

Kobayashi: 7-. Ad una grande qualifica non corrisponde purtroppo una gara allo stesso livello. Sbaglia la partenza e il suo ritmo non sembra irresistibile, anche se piazza l’acuto del giro più veloce in gara. Chiude la zona punti e precede il compagno di squadra.

Perez: 6+. Rientra un pochino nell’anonimato dopo l’exploit della Malesia. Le busca in qualifica da Kobayashi, si riprende abbastanza in gara dove prova (come spesso gli accade) la tattica della sosta in meno, strategia che però questa volta non gli consente di andare a punti.

Di resta: 6.5. Una buona qualifica, un promettente inizio di gara, non arriva lontano dalla top ten. Un week end positivo, anche se certe volte è meglio raccogliere i punti che i complimenti.

Hulkenberg:5.5. Meno efficace di Di Resta sia in qualifica che in gara, pur non demeritando dà l’impressione di poter fare di più.

Ricciardo: 5.5. Ancora una volta davanti a Vergne in qualifica, gli arriva alle spalle in gara: la scelta delle due soste non paga. La zona punti è abbastanza lontana e la Toro Rosso vista in Cina sembra aver fatto un passo indietro. Se ambisce al team ufficiale deve metterci del suo. A Shanghai non lo ha fatto.

Vergne: 6.5. Costretto a partire dai box sceglie le tre soste: arriva davanti a Ricciardo e in scia ad Hulkenberg. Il suo giro più veloce è secondo solo a quello di Kobayashi.

Maldonado e Senna: 8.5. Lo stesso voto per entrambi. Maldonado va più forte in qualifica, Senna lo precede (di poco) in gara. Tutti e due si comportano molto bene nell’ultimo stint riuscendo a conservare le rispettive posizioni nonostonte alle spalle premano piloti con gomme più fresche.

Bottino di punti importante per la Williams.

Kovalainen: 5. Gara sfortunata con problemi tecnici che lo costringono ad una sosta finale (la quarta) di quasi un minuto e mezzo.

Petrov: 5. Oltre ai soldi, alla Caterham finora ha portata davvero ben poco.

Glock: 6.5. Voto di incoraggiamento per lui: porta diligentemente al traguardo una Marussia che perde alettoni in rettilineo spedendolo a muro (episodio successo nelle libere).

Pic: 6. Vede la bandiera a scacchi proprio in scia al più esperto team mate.

Kartikeyan: 5. Va bene che guida l’Hrt, però arrivare ad un giro da De La Rosa…..

De la rosa: 6. Almeno prova ad impensierire le Marussia.

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...