Sprint Cup – Jimmie Johnson è ansioso di avere un’altra possibilità di vincere, Mark Martin è entusiasto dei progressi del Michael Waltrip Racing

Pubblicato: 18 aprile 2012 da nascar1993 in nascar
Tag:, , , , ,

credits: Getty Images For NASCAR

La Samsung Mobile 500 del 2012 verrà ricordata negli annali  come la gara più veloce mai svolta al Texas Motor Speedway con una media di circa 160 miglia orarie, cioè 500 miglia in poco più di 3 ore.  Solo due bandiere gialle nei primi 100 giri,  poi solo green flag racing. Biffle ha vinto ma ha dovuto scontrarsi con Jimmie Johnson , che ha disputato un ottima gara, piazzandosi al secondo posto. Altro protagonista è stato Mark Martin, piazzatosi terzo, dopo una gara solida e costante nella top 10. Proprio Johnson e Martin, ex compagni di squadra all’Hendrick Motorsports, ci raccontano la gara dal loro punto di vista.

Domanda: Jimmie, è la quinta volta che finisci in seconda posizione al Texas Motor Speedway, cosa ci puoi raccontare di questa gara?

Risposta:  “Esatto! Finire secondi non fa tanto piacere! Speravo che potessimo vincere dato che avevamo una buona macchina e abbiamo fatto dei grandi stop ma , purtroppo, prima dell’ultimo pit ho incontrato molto traffico davanti a me e ho perso molto tempo permettendo a Biffle di raggiungermi.  Facevamo tempi identici ma,  quando sono incappato di nuovo nel traffico, qualcuno , per mancanza di rispetto nei confronti del leader, mi ha reso  la vita più difficile.  Avevamo lo stesso passo di Biffle finchè non ho commesso un errore in curva 3 , strisciando a muro e  a quel punto ho pensato solo a portare la macchina sana e salva al traguardo. Comunque, abbiamo fatto una buona gara e spero di tornare presto in victory lane”.

D: Invece tu, Mark, sei stato la migliore Toyota all’arrivo. Come hai interpretato la gara?

R: “Abbiamo fatto un eccellente lavoro. Ringrazio tutto il team del MWR per avermi dato una macchina competitiva. Sono molto orgoglioso del mio team.  E’ molto divertente guidare , a questo punto della mia carriera , una macchina per questo team straordinario. Per quanto riguarda la gara, devo dire che non sono mai stato troppo distante dal leader. Abbiamo avuto alti e bassi durante la corsa ma , per la maggior parte del tempo,  abbiamo saputo mantenere il ritmo di quelli davanti a noi. Abbiamo compiuto passi da gigante in questi weekend assieme a Rodney, il mio crew chief, che ci hanno permesso di ottenere risultati soddisfacenti”.

Hendrick è ancora alla ricerca della vittoria numero 200 in Sprint Cup.  Jimmie e compagni sembrano essere lì per vincere, ma nel finale di corsa accade sempre qualcosa che impedisce loro di portare la macchina in victory lane. Cosa ne pensa Jimmie?

D: Jimmie, con la vittoria numero 200 lì ad attendervi,  cos’è stato più frustrante: stasera o Martinsville?

R:  “Martinsville,  perchè eravamo lì lì per vincere, ma entrambe sono frustranti. Il  corridore che è in me vuole vincere. Siamo stati molto vicini ma non siamo mai stati concreti verso la fine di ogni corsa per agguantare la vittoria. Va bene correre al meglio per tutta la gara, ma è la fine ciò che conta”.

D: La prossima gara sarà in Kansas, ha visto la tua ultima vittoria, lo scorso anno, e Hendrick è coinvolto in molti affari in quella zona.  Cosa significherebbe per te vincere nel Kansas?

R: “Sinceramente non mi importa dove arriverà la vittoria perchè ovunque accada sarà comunque speciale per il team in ogni caso.  Abbiamo ancora molte chance di vincere quest’anno e , ripeto, non mi importa dove arriverà basta che arrivi. L’importante è vincere.  A Martinsville ci siamo andati molto vicini”.

D:  Martin, tu e Truex siete una coppia affiatata.  Ma come potete lavorare insieme per trovare una soluzione che vi permetta di migliorare entrambi?

R:  “Truex è stato fenomenale! Il team in cui mi trovo ora non è secondo a nessun’altro con i quali ho lavorato in carriera. Truex lavora sempre duramente per migliorarsi e per migliorare il progetto a cui sta lavorando.  Stiamo correndo entrambi per entrare nella Chase e per vincere le gare. Sono molto orgoglioso dei risultati che stiamo ottenendo e stiamo lavorando bene con ogni membro del nostro team”.

Ora la NASCAR si trasferisce di un centinaio di miglia a Nord per andare nel Kansas. Il Kansas Speedway è un ovale da 1.5 miglia che garantisce alte velocità, intorno alle 170 miglia orarie. La partenza della gara della Sprint Cup, una 400 miglia,  è fissata per le 19 ora italiana di domenica 22 aprile mentre, al sabato, i Truck correranno una 200 miglia con partenza alle 20 italiane. Di sicuro non mancherà lo spettacolo.  Infine, ricordo che il weekend del Kansas è stato spostato da giugno, data fino all’anno scorso,  ad aprile.

Federico Floccari

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...