SuperStars, Imola: gran spettacolo e tribune chiuse al pubblico, che vergogna!

Pubblicato: 23 aprile 2012 da Giannazzo in superstars
Tag:, , , , , ,

credits: Gian Luca Guiglia

La domenica di Imola ha sicuramente visto delle gare interessanti, soprattutto per quanto riguarda la SuperStars, impreziosite dai numeri di giovani talenti e vecchie volpi delle ruote coperte.

Motorsportrants ha traslocato. Vi aspettiamo QUI

 

Krstoffersson e Boffo hanno dato spettacolo, mentre Morbidelli ha messo in pista tutta la grinta di chi non vede altro che la prima posizione, andando sempre al limite e a volte anche oltre, senza guardare in faccia a nessuno.

Le vetture sono molto belle, tecnicamente varie e molto “vive” nel comportamento, risultando interessanti anche nei passaggi in solitaria grazie a sovrasterzi di potenza e qualche nervosismo in ingresso di curva, soprattutto in discesa. Alle Acque Minerali poi, si notava chiaramente la differenza di comportamento tra l’Audi a trazione integrale e le altre auto impegnate, tanto che il “Morbido” ha potuto azzardare anche tre sorpassi, uno dei quali gli costato una penalità.

credits: Gian Luca Guiglia

Il paddock era pervaso da una bella atmosfera e bisogna dire che sia il Paddock Show, con i suoi eventi aperti al pubblico, che la collocazione dei tendoni delle squadre, che permetteva di vedere i meccanici all’opera tra una gara e l’altra, sono tutte ottime idee, ma le note positive, ahimè finiscono qui!

Domenica, in una delle piste più belle del mondo, dove correva una delle poche serie in progresso di popolarità in Europa, sebbene ancora afflitta da problemi di stabilità dell’elenco partenti, abbiamo trovato le tribune clamorosamente CHIUSE, tranne quella centrale, da cui non si vede praticamente nulla, se non un continuo sfrecciare di vetture a gas spalancato in rettilineo!

In mattinata, all’arrivo alla Tosa abbiamo capito perché il free ticket riportava la scritta “valido per la tribuna centrale”, perché abbiamo trovato i cancelli desolatamente sbarrati. Stesso discorso alle Acque Minerali nel pomeriggio: tutto chiuso.

In entrambi i casi, però, il pubblico sulle tribune ci è arrivato lo stesso, con il caro vecchio metodo dello scavalcamento, piazzando legni a fare da gradino oppure trovando  il punto più favorevole per issarsi sugli spalti pur di assistere alle corse, con buona pace di chi aveva magari pagato il biglietto e, soprattutto, della sicurezza.

credits: Gian Luca Guiglia

Già, la sicurezza, perché nel malaugurato caso di un malore o di una caduta si sarebbe dovuto sperare nella buona volontà dei commissari e dei ragazzi della CEA, dato che ovviamente a sorvegliare le tribune non c’era nessuno. E forse sarebbe anche il caso di chiedersi di chi sarebbe stata la responsabilità in caso di infortuni gravi. Ad ogni modo, non solo non c’era nessuno ad aprire le tribune, ma nessuno è passato a mandare via gli “abusivi”, tra cui c’erano anche mamme, bambini e anziani.

Nel paddock poi abbiamo scoperto che non era nemmeno la prima volta che questo accadeva e ci hanno indicato l’Autodromo come principale responsabile della vergognosa chiusura delle tribune, ragion per cui nel nostro piccolo abbiamo chiesto sia a FG Group che all’Autodromo di Imola di prendere una posizione ufficiale in merito, che stiamo aspettando e a cui non mancheremo di dare il dovuto risalto, perché non ci interessa tanto capire di chi sia la “colpa” di questo scempio, quanto piuttosto fare in modo  che non si ripeta e che i responsabili chiedano scusa agli appassionati, perché Imola e gli italiani non si meritano un trattamento simile.

Lamentarsi che il pubblico non viene in circuito e poi, quando si presenta, confinarlo in tribuna centrale con l’unica alternativa dell’illegalità e non fare nulla per evitarla non è certo il modo di gestire un evento, motoristico o meno. Con questo andazzo non stupiamoci poi se Imola finirà con lo sparire da tutti  i calendari: anche gli innamorati più persi del bellissimo circuito sulle rive del Santerno finiranno con lo stancarsi, e le nuove leve preferiranno andare godersi le domeniche altrove, e non potremo certo biasimarli.

In fiduciosa attesa della risposta di FG Group e Autodromo di Imola,

Stay Tuned!

Gian Luca Guiglia
twitter: gian_138

commenti
  1. RN80 scrive:

    E’ un problema annoso, siamo passati dalle tribune sempre aperte come se non ci fosse il cancello (era Sagis) a tribune sempre chiuse. Hai perfettamente ragione, sono proprio curioso di sapere la risposta. Certo che la prassi consolidata dello scavalcamento dovrebbe fare riflettere i vertici dell’ autodromo.

  2. depaillerontyrrellp34 scrive:

    guardate che pista…e la chiudiamo

    • RN80 scrive:

      Per me in Italia c’e’ :
      Imola
      Mugello
      Monza
      in questo ordine.
      Non vorrei essere pessimista ma fra 10 anni non ci sara’ +. Certo che contano di + 100 persone di un fantomatico comitato contro l’autodromo che un’ intera cittadinanza e oltre ma favorevol
      Pero’ mi auguro vivamente di essere smentito!!

  3. RN80 scrive:

    Non sono riuscito ad andare ma c’era un sacco di gente!

  4. […] (più) croce (ch)e delizia degli appassionatiF1: dopo il Baharin l'unica certezza è l'incertezza.SuperStars, Imola: gran spettacolo e tribune chiuse al pubblico, che vergogna!SuperStars, Imola: istruzioni per l'uso.SuperStars, Imola: Kristoffersson uber alles!SuperStars, […]

  5. Roberto scrive:

    Io sono uno dei circa 350 abusivi che hanno visto la gara dalla Rivazza, anche li grande spettacolo. Purtroppo sono ben 4 anni che frequento Imola annualmente e tutte le volte trovo cancelli chiusi pronti per essere scavalcati, l’unica eccezione fu il WTCC al suo ultimo anno all’Enzo e Dino Ferrari dove sia la Tosa che le A.Minerali erano regolarmente aperte. Per GT Open e GP2 purtroppo ho dovuto improvvisarmi Spiderman e non mi è piaciuto per niente…

    • Giannazzo scrive:

      Ciao Roberto, grazie del tuo intervento, che ci conferma che a Imola c’è questa bruttissima abitudine. Io, DepaillerontyrrellP34 e Lemans2003 siamo stati sul Santerno per la 6 ore WEC dello scorso anno ed era tutto aperto.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...