Archivio per la categoria ‘tyrrell’

Ad undici anni da quel tragico 25 aprile 2001, tutta la redazione Motorsport Rants desidera ricordare così Michele Alboreto

Motorsportrants ha traslocato. Vi aspettiamo QUI

1981

Debutto in F1 al Gran Premio di San Marino 1981 con una Tyrrell 010-Ford

Al volante della Lancia Beta Montecarlo si classifica 8°, 2° di classe, al debutto nella 24 ore di Le Mans. Nel corso della gara divide l’auto con Facetti e Cheever

(altro…)

Un grazie sincero all’amico Baldi di gpx che ci ha regalato questa stupenda vignetta…Intramontabile tyrrell p34!

Consiglio a tutti di dare un occhi alle altre opere di Baldi cliccando su questo link http://www.gpx.it/index.php?option=com_wrapper&view=wrapper&Itemid=58

 

C’erano una volta, in un tempo neanche tanto lontano, le presentazioni delle F1 che si aspettavano con molta curiosita’  perché  ci si attendeva sempre qualcosa di nuovo. Era un  tempo in qui i regolamenti erano più liberi ed i progettisti erano liberi di sperimentare. Certo,non c’erano anche tutti i computer e le simulazioni attuali,quindi per vedere se un’idea funzionava o meno si doveva provarla per forza in pista…e questo ci ha dato la possibilità di vedere le soluzioni più disparate.Ora viviamo in un periodo di regole ferree,di restritezze economiche che vanno a rendere i regolamenti rigidi e vanno a bloccare certi voli pindarici dei progettisti, quindi alle presentazioni attuali non ci resta che parlare di musetti con lo scalino o come soffia questo o quello scarico. Chissà cosa potrebbero invetarsi ora i progettisti se i regolamenti fossero più aperti…A me resta il dubbio che molte idee non le vedremmo comunque, bloccate dalle simulazioni ai pc. Chissà  se mai avremmo visto e vedremmo in futuro presentazioni come quella qui sotto. Era il 1975 e la Tyrrell sorpese tutti con la sua sei ruote…che poesia…imaginatevi,in un tempo senza pc ed internet, di andare in edicola e di trovarvi in copertina una sei ruote…o una wing car,o un auto a turbina…Ora la sorpresa non è più  la stessa.

image

Ebbene si,niente contro la regina degli sport motoristici ci mancherebbe è la storia(almeno dal punto di vista europeo) , ma i numeri, se pur ristretti al nostro blog, parlano chiaro e sono spunto  per una riflessione veloce…
Come ognuno che gestisce un sito od un blog le visite ed i commenti alle news fanno capire l’andamento degli interessi di chi segue il motorsport. Ebbene possiamo dire che nell’ultima settimana le news sulla toyota le mans,il ritiro della peugeot ma anche la indycar e la Nascar (seguita al solito ottimamente dal nostro giannazzo) hanno portato una quantità elevata di visite al nostro blog in modo anche inatteso. Questo vuol dire che l’interesse e l’amore dei tifosi è ampio per tutte  le categorie del motorsport. Queste righe le scrivo più che per i tifosi, per i giornalisti di settore che seguono sempre le solite 2 news di f1 o moto gp sponda rossi…Cari “colleghi ” il Motorsport  è anche altro..possibile che il sito del quotidiano sportivo più importante d’italia nemmeno abbia accennato al ritiro peugeot o alla nuova toyota? Possibile che solo sportitalia faccia una trasmissione a più ampio respiro sul motorsport? Possibile che tutti si debba restringere solo alla F1? Ricordiamoci che prima che Ecclestone ad inizio anni 90 spazzasse  via tutti i campionati che davano fastidio alla F1 con il benestare delle Fia di Mosley,la situazione era ben diversa. Il mondiale rally,quello prototipi,il turismo erano ben altra cosa e seguiti in modo eccezzionale. Apriamo un po ‘ i nostri orrizzonti…allarghiamo i nostri confini…che magari non ce ne importa un fico secco se alonso divorzia dalla moglie…se hamilton si lascia con la pussycatdoll…o si parla di altre categorie solo quando ci scappa il morto…il motorsport è anche quello fuori dal circus dorato da pass al collo della f1…e non smettiamo mai di stufarci di parlare del passato e della storia…così  da insegnare ai più  giovani le radici del nostro amato Motorsport.

Il rischio c’è ed è elevato. Tra qualche anno l’Europa perderà parte dei suoi gp nel calendario della F1. Bernie l’ha detto più volte che a lui, teams e FIA del vecchio continente interessa poco o nulla e nononostante le parole di Montezzemolo contro queste idea, che parla parla da anni ai tifosi ma non combina mai niente, vedi voce riduzione de biglietti, sappiamo tutti che finirà così. Ad oggi solo Montecarlo ,Silverstone,Ungheria e Monza sono al sicuro. E’ uno scandalo che una pista come SPA,l’università delle corse, sia sempre messa in discussione e che rischi di sparire dal calendario…e con essa il gp di Germania, d’Europa, di non vedere mai più un altro gp di Francia o di sognare di vedere ritornare in calendario locations storiche come Zeltweg o Brands.Io non vorrei vedere un alternanza Belgio/Francia…le vorrei entrambi. Ovvio che i mercati finanziari la fanno da padrone e dettano legge…ovvio che non siamo noi a decidere e tanto meno possiamo far cambiare idea a loro signori potenti, ma per una volta almeno facciamo sentire la nostra voce unita e dimostriamo il nostro disagio. Per questo abbiamo pensato ad un logo da condividere con voi amici tifosi e con chi come noi scrive in blog e siti. Un logo silenzioso, non urlato ma che dimostri che comunque noi non siamo indifferenti a quello che succede e alla storia che stanno cancellando…perchè parliamo di F1 ma lo stesso discorso potrebbe essere fatto per  il futuro mondiale endurance. Mettetelo pure nelle bacheche di facebook, nel vostro blog o sito, condividetelo e fatelo girare su Twitter…basta poco…non servirà? Almeno ci abbiamo provato e potremmo dire che noi non siamo stati a guardare, ma per una volta tutti uniti.
Contattatemi se volete il logo al mio indirizzo internet. rturcato@motorsportrants.com

Here below the article in english

(altro…)

Piccolo regalo di natale da condividere con voi appassionati di motori. Alcune pagine di Autosprint dell’anno 1976 in cui si parlava della rivoluzione delle 6 ruote in F1. Davanti,dietro o gemellate.

pag1/3

(altro…)

Grande news per gli amici amanti del motorsport. Il famoso regista Ron Howard ha iniziato a girare il film sulla stagione 1976 di F1. La lotta tra Hunt e Lauda farà da cornice al film. Di sicuro si sa che Howard (l’ex Ricky Cunningham di Happy Days) sta collaborando con Niki Lauda per la storia del film e ci saranno immagini di repertorio e immagini riprodotte.  Ogni tanto Ron posta qualche immagine nel suo profilo twitter http://twitter.com/#!/RealRonHoward.

(altro…)

500articoli…un anno da quando io (Depailler on Tyrrell p34) e Giannazzo abbiamo deciso di intraprendere la strada del blog per parlare, o meglio provare a parlare, di motorsport a 360°. La passione per le 4 ruote unita dalla voglia di condividere con altri appassionati pensieri, foto, video ed articoli del presente e del passato.Lungo il tracciato ci hanno raggiunto e si sono uniti Andrea (lemans2003) peppe1981 e davide (davidpillgrim) portando molto in contenuti al sito. Un grazie agli amici appassionati di motorsport che passano per il nostro blog, lo legge e lo commenta…senza di voi non saremo qui a continuare. Presto ci staccheremo da wordpress per passare al nostro sito internet www.motorpsortrants.com e ci saranno molte sorprese perché abbiamo molte idee in cantiere…stay tuned!

 

Suzuka, oltre ad essere uno dei tracciati più belli del mondiale, e del mondo, è famosissimo per tutte le sfide epiche che ci ha offerto in questi anni. Il duello Senna vs Prost ha vissuto momenti epici/tragici tra il 1988 ed il 1990, passando per il tanto contestato aggancio alla triangle chicane (ex casio) del 1989. Ma se molti filmati e video di quegli anni si sono visti e rivisti, proviamo a rivivere il preambolo all’incidente della prima curva del 1990…ecco le qualifiche con commento della fuji tv…E’ in giapponese ma le immagini parlano da sole! buona visione! Sono 8 parti complessive.

(altro…)

Esploso della tyrrell 6 ruote versione 1976 e sezione della ruota anteriore.

Il bellissimo documentario di Oscar Orefici con storie ed immagini a cavallo del 1976 e 1977…da non perdere per l’incedibile quantità di video ed interviste ai protagonisti della F1 di quell’epoca!

(altro…)

Un grazie immenso al nostro amico Alexf65 (lo trovate su twitter) che ieri era alla riunione fota e ci ha spedito questo bellissimo resoconto che vogliamo condividere con voi!

Ieri ho partecipato al FOTA Fans Forum dove ero stato invitato a seguito della registrazione fatta sul sito della FOTA e dopo aver sottoposto una domanda necessaria per la selezione degli invitati. Il Forum si è svolto nella sede della Pirelli alla Bicocca a Milano, in un contesto molto bello perchè l’auditorium è posto all’interno di una vecchia fornace di raffreddamento che è all’interno di un palazzo moderno, una cornice sicuramente suggestiva.
Erano presenti Stefano Domenicali, responsabile sportivo Ferrari, Paul Hembery, responsabile delle competizioni Pirelli, Nico Rosberg e Jarno Trulli in rappresentanza dei piloti F1, Giampaolo Dall’Ara della Sauber e Nicolo’ Petrucci della Toro Rosso in rappresentanza degli ingegneri. L’incontro era moderato da Pino Allievi della Gazzetta dello Sport. Presenti in sala molti giornalisti stranieri e l’ex pilota di F1 Renzo Zorzi, inoltre anche Tronchetti Provera ha fatto una fugace apparizione rimanendo defilato tra il pubblico.

Grande disponibilità dei piloti che prima dell’inizio si sono mescolati agli invitati e si sono fatti fare molte foto con gli appassionati.

Qui non voglio fare un resoconto dettagliato dell’ora e mezza di domande e risposte, le potete leggere su molti altri siti, ma fare una riflessione più approfondita sulla finalità del FOTA Fans Forum rispetto a quanto visto ieri pomeriggio.

(altro…)

Questo fine settimana ho avuto la fortuna di assistere alla coppa intereuropa a monza. C’erano auto storiche della categoria gt, f1, indianapolis, can-am,f2, prototipi e ogni cosa a motore con quattro ruote che fanno parte di un passato lontano ma ancora attualissimo. La bellezza di passare una giornata tra una march di Peterson, una ferrari di phil hill, una alfa romeo di Nuvolari, non ha pari.

Per soli 14 euro è stato possibile vedere, toccare, fotografare auto stupende, alcune anche molto rare, tipo la Shadow can am, la Connough, un paio di lotus di Elio de Angelis. É stato possibile incontrare piloti come Gabbiani, sempre pronto alla battuta, Merzario, che scendeva e saliva da una vettura all’altra, Pirro che anche in una gara storica era concentrato ai box a leggere i vari intermedi nei settori del tracciato. Io ho avuto la fortuna di parlare con Lord Dryson seduto sulle vecchie sopraelevate. Una bellissima chiaccherata su come , purtroppo, siano ridotte male e malconce le vecchie sopraelevate, lasciate li senza che nessuno faccia niente per recuperarle. Lui che era li con il mito di Monza visto da piccolo sul film Grand Prix, affiancava lo stupore per l’opera e il rispetto per i piloti che affrontava l’anello di alta velocità, alla delusione di vedere com’è ridotto. Proprio i miei stessi sentimenti. Bisognerebbe fare qualcosa per ristrutturale. Mi diceva che l’unico pezzo rimasto di sopraelevata del circuito di Brooklands in Inghilterra è tenuto benissimo. Tutto questo mi ha portato a fare una piccola riflessione su monza. Su come poco sia stata pubblicizzato un evento come questo, erano di più appassionati inglesi e tedeschi che italiani, su come si poteva attendere la fine delle prove delle varie categorie per chiudere mercatini e negozi…Alle 18.30 quando le ultime F1 stavano concludendo le qualifiche era già tutto chiuso e i tanti tifosi che erano nelle tribune sono andati a casa subito invece di avere la possibilità di rimanere in autodromo alla ricerca di qualche memorabilia. Inoltre sarebbe ora di dotare Monza di un museo della velocità per portare i tifosi anche in circuito quando non ci sono le gare. Siamo il paese della Ferrari, dell’Alfa Romeo, di Ascari, di Agostini, della Mv Augusta e di tanto altro della storia delle quattro ruote…cosa ci vuole per fare un museo tipo Donington? Per che cavolo devono avere la collezione completa di Ferrari ad Abu Dhabi al Ferrari World (grazie Montezzemolo) e noi in italia a fatica abbiamo visto una ferrari in pista questo fine settimana? Quando ci sveglieremo? Quando cominceremo a coinvolgere di più gli appassionati?Ci pensino a Monza, è tra gli ultimi tempi della Velocità al mondo. Le Mans, Indianapolis hanno un proprio museo , perchè qui da noi no?