Posts contrassegnato dai tag ‘alesi’

A pochi giorni dall’inizio della stagione 2012 dell’IndyCar, vogliamo proporvi il film “Driven”: di e con Sylvester Stallone, regia di Renny Harlin, la pellicola, realizzata nel 2001, è ambientata nella ex Formula Cart e segue la sfida (in pista e fuori) tra il campione in carica Beau Brandenburg e la giovane promessa Jimmy Bly.
Stallone interpreta Joe Tanto, ex pilota richiamato a correre dal suo vecchio team manager Carl Henry (figura in parte ispirata a Frank Williams) per aiutare e sostenere il giovane Bly nella corsa al titolo.
Nel film compaiono brevemente per un cameo Jacques Villeneuve, Jean Alesi, Juan Pablo Montoya, Kenny Bräck, Max Papis, Tony Kanaan, Roberto Moreno, Mario e Michael Andretti.
Dopo il salto il video completo del film, caricato su Youtube dall’utente “SlyitalianMovie”,che ringraziamo. (altro…)

Annunci

Mazzoniadi twitteriane…epicfail

Pubblicato: 18 marzo 2012 da Depailler on Tyrrell P34 in fia, formula 1, FOTA, italia da corsa, mazzoniadi, rai
Tag:, , , , , , ,

Se fai una cosa…non puoi improvvisarla…specialmente a 5minuti dalla partenza del primo gran premio di f1 dell’anno. A cosa mi riferisco? All’account twitter della rai,che si è rilevato un boomerang nei loro confronti. Volevano solo domande per il post gara,ma non hanno tenuto conto che chi segue i gp da casa è stufo delle mazzoniadi ed ha avuto subito cosi la possibilità  di lamentarsi. Io adirittura sono stato accusato da loro di offenderli…andate a vedere la mia timeline e potete constatare che io in realtà  non ho offeso nessuno ma evidenziato problemi di telecronaca che abbiamo da anni. Poi logico non parliamo dei quei pochi twit che hanno scritto…solo sulla ferrari..da li si capiscono molte cose….benvenuti su twitter @f1rai…è  stato un epic fail clamoroso, e la cosa non migliorerà  occhio…la rete non potete zittirla a piacimento. Però l’idea male non è e va migliorata.
Che dire poi di Mazzoni & Co? Al solito ovvietà,errori e tifo pro ferrari…Ma il massimo è stato quando hanno detto che vettel non è abituato a guidare nel gruppo…che deve imparare a destreggiarsi nel traffico….cosa dire di più? Ah si..ora ci si mette anche boccafogli a parlare come fossimo tutti tifosi ferrari,alesi che da dell’imbranato a Maldonado perché  è uscito pizzicando l’erba…ma non dice lo stesso di alonso ieri..e poi alla fine…l’italiano di ricciardo che è meglio dell’inglese della bruno…Buon nuovo mondiale mazzoniadi..a domenica prossima

Neanche il tempo di festeggiare il secondo mondiale che tutti gli vanno contro. Vettel non mette d’accordo nessuno. Tutti li a rosicare e continuare a dire che non è forte, che ha l’auto super e vince per quello, che non è un leader, non è al pari di alonso, è un supererore debole ecc ecc ecc… bla bla bla

Chi continua a scagliarsi contro Vettel sono nell’rodine: Domenicali,Montezzemolo,Marchionne,Mazzoni,Bruno,Capelli,Allievi,Fiorio,Boccafogli,Alesi,Bortuzzo,il gruppo rai sport,De Adamich,Claudia Peroni dai box,Ronnie Mengo,Luca Budel,tutto il gruppo sportmediaset,tutto il gruppo della gazzetta dello sport,(guarda caso molti giornalisti italiani che devono parlare solo bene della ferrari e male degli altri, lo si è visto in tv domenica con Allievi che prendeva ordini su cosa dire da parte del portavoce della rossa Colajanni)il90%dei tifosi, i quaqquaraqquaquà, quello che passa per la strada….e oggi anche Ross Brawn…Deve vincere con auto inferiore, quando avrà un’auto inferiore vedremo le sue capacità ha sentenziato oggi il buon Ross. A parte che Vettel è andato veloce e ha vinto anche con la Toro Rosso che non era proprio da prime file…non è che Ross quando dice che Vettel deve dimostrare di andare veloce in un auto inferiore non sta per caso pensando di portarlo alla Mercedes?

Per l’ennesima volta quest’anno Hamilton e Massa sono stati protagonisti di un “incontro ravvicinato” in pista, nello specifico un contatto occorso al giro 21 del Gp del Giappone che per fortuna ha comportato danni minimi alle due vetture consentendo ad entambi i piloti di proseguire e portare a termine la gara.
I commissari di gara hanno approfondito l’episodio ritenendo di non prendere provvedimenti.
Se la decisione di non comminare sanzioni ci può stare, ciò che non convince chi scrive è la motivazione alla base della decisione stessa, motivazione che ricaviamo dal documento ufficiale FIA proposto dal nostro depaillerontyrrellp34 nel suo post precedente.
Nel documento leggiamo: “Avendo visto il video di prova relativo all’azione del pilota della vettura n.3 alla curva 16 e dopo aver raffrontato la traiettoria che Lewis Hamilton ha tenuto nel giro precedente e avendo notato che la vettura n.6 di Felipe Massa stava provando a superare sulla sinistra in una curva a destra gli Stewards decidono di non prendere provvedimenti.”
Sinceramente credo di non aver mai sentito tante sciocchezze in una sola frase e trovo estremamente grave che il tutto sia il frutto di una decisione presa (anche) da un pilota- Alan Jones- ex campione del mondo di F1. (altro…)

immagine tratta dal sito http://www.motorsport.com

I risvolti dell’annuncio. La notizia è di quelle destinate a far discutere: Jean Alesi sarà in pista ad Indianapolis per la 500 miglia del prossimo anno.
Il pilota di Avignone affronterà la classicissima americana al volante di una Dallara motorizzata Lotus,storico marchio di cui da quest’anno l’ex pilota Ferrari è divenuto consulente e ambasciatore.
L’annuncio,di per sè per certi versi clamoroso,pur proiettato verso il prossimo anno,presenta già degli effetti immediati,per comprendere i quali dobbiamo però fare un passo indietro.
Come noto da tempo,infatti, il prossimo anno in IndyCar ci sarà un nuovo telaio,sempre realizzato dalla Dallara,mentre come motoristi Chevrolet e Lotus andranno ad affiancare la Honda,che perderà la posizione di “monopolista”.
Il regolamento ha stabilito che un motorista può fornire massimo il 40% del parco partenti,precisando che i team interessati a partecipare al prossimo campionato dovevano annunciare il proprio fornitore entro il 31 agosto scorso.
I team principali (Penske,Ganassi,Andretti,KV,Panther,Newmann-Haas,Sam Schmidt,Foyt) si sono legati con Honda e Chevrolet,le quali hanno ormai raggiunto o quasi il limite massimo di forniture previsto dal regolamento.
Le squadre senza contratto con un motorista (Dreyer & Reinbold,Coyne,Conquest,Herta, Dragon,Rahal Letterman,Sarah Fisher Racing) si sono trovate in una posizione molto scomoda: impossibilitate a concludere con Honda e Chevrolet,si sono rivolte alla Lotus senza ottenere risposte concrete e il termine del 31 agosto è nel frattempo scaduto.
La deadline è stata spostata prima al 15 e poi al 30 settembre e lo stesso CEO dell’IndyCar,Randy Bernard si è mosso in prima persona volando in Inghilterra per incontrare il presidente Lotus Dany Bahar.
In effetti la mossa si è resa necessaria perchè il programma IndyCar della Lotus sembrava avvolto nel mistero più totale: il mancato accordo coi team e la separazione dalla KV di Jimmy Vasser,negli ultimi anni squadra ufficiale,avevano fatto sospettare a qualcuno che il programma stesso fosse in forte ritardo o potesse addirittura saltare.
Per fortuna forti rassicurazioni sono giunte sia da Lotus che da Bernard e i primi contratti di fornitura del marchio anglo-malese dovrebbero essere ufficializzati a breve.
Ora l’annuncio della partecipazione di Alesi come ufficiale Lotus alla prossima Indy 500 dirada le ombre e rende a questo punto certo l’approdo del costruttore come motorista per l’anno prossimo.
Un annuncio cosi anticipato (mancano ancora 8 mesi all’evento) e cosi chiacchierato (visto che coinvolge il personaggio Alesi),ha in effetti un sapore un pò politico e di immagine,come mossa ad effetto per rassicurare tutto l’ambiente,creando anche l’attesa. (altro…)

Ventata di aria fresca…riconciliazione con il motorpsort in tv…ecco cosa ho provato ieri notte collegandomi su Sportitalia per la telecronaca Nascar della Brickyard400. Ad affiancare il solito  bravo commentatore di Sportitalia Pelizzari, ieri sera collegato dall’America c’era il nostro Mad Max Papis. La sua telecronaca è stata ricca di entusiasmo, passione e tecnica fino dei minimi dettagli senza annoiare mai. Ho imparato di più sulla Nascar in 3 ore di gara con Max ieri notte, che in tutti questi anni che seguivo la categoria regina USA. Traduzioni dei team radio impeccabili, inglese impeccabile (vero Stella Bruno?), mai una sbavatura, racconto di come vivono i piloti la gara giro dopo giro le 3 ore di competizione, racconto secondo per secondo quello che succede dentro l’abitacolo al momento del pitstop, nei pre gara, le varie vicende di corsa, pressioni di pneumatici, tutto a 360° dal dettaglio meno importante al più essenziale…Grazie Max…hai dimostrato che si possono avere ancora telecronache non di parte, non aziendaliste, ma fatte con la passione vera per il motorsport e che parla chiaro a tutti i tifosi. Telecronache che vogliono insegnare e far capire cosa succede ai telespettatori….Telecronaca ricca di contenuti tecnici e non ma mai difficile da seguire, mai banale…e con 43 vetture in pista! Aria fresca…non la solita aria pesante aziendalista lecchina a cui noi tifosi di F1 siamo abituati ogni domenica. Cosa possiamo pretendere di più da uno come Mazzoni che passa tutto il a seguire solo Alonso (e Massa quando è nei primi 5) innalzandolo sempre e comunque a pilota superiore? Vero Mazzoni & co.?Cosa cavolo ce ne frega a noi dove andranno in ferie i piloti?  Ieri con 24 macchine (non 43 come nella Nascar) avranno sbagliato non so quante volte a riconoscere i piloti…adirittura in un on board che faceva vedere Massa che stava attaccando Rosberg sono riusciti a dire Alonso che attacca Schumacher…(perchè alonso lo vedono ovunque)…no è Massa che attacca Schumacher…no è Massa che attacca Rosberg…o è Alonso che attacca Rosberg? O quando con una sola Renault rimasta in pista hanno avuto dei dubbi su chi fosse uscito fuori pista…Ma dai, ma basta, ma finiamola. Consiglio a Mazzoni & Co. : andatevi a procurare la telecronaca della nascar da Indy di ieri sera e ripassate un pò. Che siamo stufi di telecronache ad uso e consumo di una macchina rossa e del suo pilota che chissà perchè veniva odiato quando correva contro la rossa ed ora è osannato a furor di popolo.

Chiediamo troppo? Non penso, la telecronaca di Papis di ieri sera ci dimostra che non siamo per nulla lamentosi o troppo pretenziosi…siamo appassionati di motorsport e vogliamo sentire parlare di motorsport con passione e competenza.Punto.

Divanati belli comodi anche questo gp di Cina è passato. Super Lewis Hamilton rompe l’egemonia Red Bull e mentre si ritrova un po’ la Mercedes, solo con Rosberg, sprofonda la Ferrari che non approfitta nemmeno del passo falso delle Renault. I nostri prodi trasmettono dal pese più popoloso al mondo e nonostante vogliano farci credere,(vero Bernie?), che in Cina siano pazzi per la F1 scopriamo che solo 30 milioni di telespettatori seguono i gp, mentre il ping pong viene visto da 100milioni…Per fortuna Pino Allievi, questa volta presente perché non soffre dell’umidità come in Malesia, ci rassicura tutti dicendo che ci sono centinaia e centinaia di milionari in Cina quindi alla F1 e alle case questo basta….Avete capito voi,io stesso, tifosi col cuore da corsa di F1, a 1000euro al mese,  che sognate di rivedere i saliscendi di Brands Hatch, la Rivazza, il rettifilo del Mistral, che è ora di smetterla con questi sogni che non siamo più bambini? Noi possiamo accontentarci dei dvd dell’opera omnia Ferrari che il buon “Gianfranco Mastrota Mazzoni” vuole propinarci da2settimane…mettetevi il cuore in pace, sono quindici uscite e quindi ho come l’impressione che ne sentiremo ancora parlare…che poi nella pubblicità in 30 secondi si vede Alonso per 25 e Gilles vs Arnoux per i restanti 5, mah. Per il resto il gp è spesso commentanto in modo confusionale, e si perdono attimi importanti come Rosberg che passa primo, Button ai box e la solita difficoltà nel riconoscere Petrov ed Heidfled…spero che la renault faccia qualcosa dal punto di vista grafico per aiutare i nostri prodi visto che loro non cambiano di certo. Mazzoni poi quando commenta lascia sempre trasparire un odio, un astio, verso Hamilton, anche quando fa gare stupende come ieri. Adirittura invita Lewis ad accontentarsi del secondo posto. Quasi infartano tutti in cabina di commento quando Lewis e Jenson lottano per la posizione…si sa, i nostri sono abituati alla Ferrari e a certi ordini che arrivano via radio 😉

Che Mazzoni abbia occhi tutti per Fernando si sa, ma trovo scandaloso che arrivi a definire egregia la gara di Massa che ieri è stato superiore ad Alonso. Ma Alonso deve stare attento, un nuovo amore sta entrando nel cuore di Mazzoni…Perez…pilota Messicano Sauber del Ferrari drive Accademy…lo sapevate già? L’oscar “Guido Meda” della conduzione imparziale  va a Capelli…che ammette chiaramente di non aver detto di aver visto Massa tagliare la corsia di uscita box sperando non lo vedesse nessuno. Mettiamo il caso fosse stato Vettel a farlo…sarebbe come minimo andato in direzione gara diretto. Alla fine con i duelli ancora in atto in pista Mazzoni vuole dare la linea alla regia, ma poi decide di non farlo, ma solo perché Domenicali deve dirci quello che ci dice di solito…cioè niente, solo aria fritta, come in Malesia che parlava di possibile vittoria sfuggita per Alonso. Prima della fine c’è il tempo di sentire Boccafogli che descrive come osè la gara della Ferrari (ma forse si riferiva a Michelle Ferrari, cercate su google e capirete perchè), e di dire che le gomme Pirelli che si sfaldano dopo 2 giri si vedono molto bene in HD! Alla prossima, nella terra di Ataturk…ricordatevi questo nome capirete il perché a tempo debito! Ciao

Squillino le trombe..rullino i tamburi…E’ con un cordiale saluto, come ci ha insegnato lui, il maestro Gianfranco Mazzoni, che inauguriamo una nuova rubrica: LE MAZZONIADI per tenere d’occhio, dal comodo divano di casa, gli inviati Rai nei circuiti di tutto il mondo. La squadra sarà la stessa con la novità di poter gustare le gare in HD nel canale dedicato Rai nel digitale terrestre. Mazzoni, Capelli, ing. Bruno alla cabina di commento, Bortuzzo nel pre e post gara, Stella Bruno e Giovanelli dai box, Fiorio ed Alesi ai commenti, Boccafogli alla moviola (e per fortuna non c’è Biscardi altrimenti la vorrebbe in pista), l’innominato traduttore che non sa nulla di motorsport eppure è li che traduce a caso (ed è pure in moto gp ora) e per massimizzare il tutto  la tecnica 3D di Vandone.Il nostro prode Mazzoni dovrà districarsi tra problemi nuovi e vecchi.

Vecchi temi:

  • Il cordiale saluto iniziale che ci accoglie ormai da anni;
  • La dislessia di Capelli;
  • L’interrompere i sempre puntuali ed interessanti argomenti dell’ing. Bruno per parlarci di argomenti che poco a che fare hanno con la gara;
  • Invitare Ivan Capelli, pilota di F1 della Ferrari ricordiamo, ad introdurci ai segreti del circuito;
  • Cercare di interpretare le domande ed informazioni che arrivano da Stellina Bruno che ancora nessuno ha capito come mai sia li…forse Nico Rosberg prima o poi la manda a quel paese a nome di tutti visto che ormai ogni volta che la vede pare sempre più sconsolato;
  • Le origini di italiane di Buemi;
  • Il kamikaze Kobayashi che tanto lo fa divertire;
  • Urlare quando vince la Ferrari e suonare il requiem quando perdere;
  • Stracciarsi sempre e comunque le vesti a favore di quello che dice Luca Cordero di Montezemolo;
  • I soldi che ha ricevuto Mark Webber dal campione di rugby australiano David Campese per iniziare la sua carriera;
  • La curva 8 in Turchia che è la curva più impegantiva;
  • La curva più lenta e veloce dle mondiale a Montecarlo
  • La forma del tracciato di Shangai che è la forma della prima lettera del nome della città in cinese;
  • I gossip utilissimi per capire le gare sui piloti di F1 che solo lui sa dove vanno in vacanza e con chi;
  • Rubens Barrichello che da piccolo vedeva le gare lungo il circuito di San Paolo;
  • L’amore per il piano di Sutil;
  • Le compagne dei piloti;
  • Il papà di Hamilton che non è più suo manager;
  • Spa il circuito più amato da tutti i piloti del mondiale;
  • Il Ferrari world ad Abu Dhabi e l’hotel che cambia di colore lungo il tracciato;
  • L’interpretazione delle parole di Luca bugia Colajanni;
  • I commissari di gara aiutati dai ex piloti di F1;
  • Ross Brawn e la banana;
  • La molla che colpì Massa in Ungheria.

Nuovi Temi che probabilmente affronterà (c’è da preoccuparsi):

  • I due team Lotus! Aspettiamoci fuochi d’artificio, della gran confusione e delle tesi diverse ad ogni gran premio, specialmente in questo periodo che le parti andranno in tribunale..io ho i Moment pronti;
  • Il ritorno del Kers;
  • I tanti pulsanti che i piloti devono premere al volante e l’appoggio su questo a Fernando Alonso…guarda caso andrà così;
  • L’ala mobile….già immagino le peripezie nel spiegarci dove, come e quando la useranno di tracciato in tracciato;
  • I colori differenti delle gomme Pirelli e l’usura che costringerà i piloti a 10 soste ai box;
  • Il push rod ed il pull rod;
  • 5 campioni del mondo al via;
  • Le diecimila configurazioni di scarichi delle varie monoposto;
  • La Ferrari F150 Italia e l’omaggio di Montezemolo alla nostra nazione;
  • Gettare fango a priori in continuazione ai nuovi 3 teams entrati lo scorso anno solo perchè è Luca Cordero che vuole così..e sia fatta la sua volontà;
  • La Renault che con Kubica starebbe lottando per il mondiale invece è costretta ad affidarsi ad un pilota che non ha mai vinto un gp in 250mila corse ed ad un Russo;
  • La continua denigrazione di Schumacher, ora nemico del popolo, osannato fino a 4anni fa;
  • L’osannazione continua di Alonso, nemico del popolo fino a 4 anni fa;
  • La Virgin unica monoposto fatta al computer;
  • I capitali venezuelani che permettono di essere in F1 a Pastor Maldonado;
  • I soldi della Telmex che permettono di essere in F1 a Perez;
  • Le origini italiane di Di Resta ed Ambrosio;
  • Massa che soffre Alonso e ( aggiungo io:quel raccomandato) di  Bianchi che è tester dal futuro brillante (già in gp2 dallo scorso anno lo stanno spingendo da matti);
  • La lettura monotematica del Twitter della Ferrari come se gli altri non esistessero;
  • Le interviste in inglese maccheronico al muretto Mclaren con Martin;
  • I colori john player special della Renault come quelli della vecchia Lotus.

Noi osserveremo e commenteremo al bisogno,sempre con il sorriso ed in modo sarcastico,  consapevoli che comunque dal divano di casa è tutto più semplice…

Dichiaro aperte le Mazzoniadi 2011…amici se avete anche voi qualcosa da dire e condividere non esitate a lasciare un vostro commento 😉 e seguiteci su twitter  @rturcato83 e @gian_138

Con l’inizio del campionato di GP2 Asia è ricominciato anche per la Rai la stagione del motorsport in tv e sarà confermata la formazione d’assalto della scorsa stagione… Per nostra grande “gioia” anche Stella Bruno, che ancora non si sa perchè sia li tra strafalcioni, inglese da scuola elementare e domande innapropiate. Avremmo tempo tutta la stagione per parlare delle avventure dei nostri prodi per i circuiti di tutto il mondo, ma ora vorrei dare un consiglio al buon Mazzoni. Caro Gianfranco, speriamo che quest’anno lascerai alle spalle certi tuoi commenti “campanilistici” pro ferrari,pro Alonso e contro chi non veste di rosso. Troppo spesso abbiamo sentito spezzare lancie a favore di Montezemolo e company, telecronache urlate a favore della rossa e telecronache tipo funerale quando le cose per il team rosso non girano bene. Tutti hanno sentito la scorsa stagione frecciatine e battutine contro Schumacher che solo qualche anno fa era osannato..tutti hanno sentito lodi all’asturiano quando che fino all’anno scorso era il nemico giurato di Maranello e tuo. Noi tifosi non chiediamo molto, solo una telecronaca imparziale sopra le parti perchè in Italia non ci sono solo tifosi della rossa…Già durante le gare di Gp2 si sono sprecati gli aggettivi positivi e buone parole solo per Jules Bianchi…Jules Bianchi che guarda caso è il terzo pilota della rossa.

Forse urge andare su youtube a cercare qualche telecronaca del buon vecchio Murray Walker…

Da parte mia sento la mancanza di Poltronieri e De Adamich, mentre sempre ottimi ed apprezzati sono gli interventi di Capelli, l’ing. Bruno e Giovanelli dai box.

Sarà una lunga stagione…ed il 13 Marzo ormai è dietro l’angolo e noi li terremmo d’occhio 😉

LA LOGICA “ALESINIANA”

Pubblicato: 10 ottobre 2010 da Depailler on Tyrrell P34 in formula 1
Tag:, , , , , , ,

La garadi Suzuka è appena finita, i nostri inviati Rai dal paese del sol levante e da studio cominciano a snocciolare e commentare la gara. Stendiamo un velo pietoso, al solito, sulla disastrosa Stella Bruno. Sembra una casalinga che non capisce nulla di motori che si trova li nel paddock per caso cercando di porre qualche domanda…in un inglese pietoso tra l’altro. Il come e perchè sia ancora li è un mistero che forse non ci verrà mai svelato.

Vorrei però soffermarmi su Alesi…Se ne esce con un indottrinamento ai giornalisti rai, che bollano la gara come noisa, perfetto e che merita tutta la nostra ammirazione. In poche parole dice,giustamente, che, non perchè i primi 3 non si siano sorpassati la gara sia stata noiosa, in quanto in una pista difficile come Suzuka arrivare a solo 3 secondi uno dall’altro al traguardo vuol dire aver fatto una gara perfetta senza sbavature. Bravo Jean, giusto insegnare e far capire anche questo, che a volte le gare sono belle anche sotto questo aspetto e che i ragazzi negli abitacoli vanno apprezzati per questo… quando sorpassano,ma anche quando vincono una gara senza sbavature. Addirittura successivamente ,ancora giustamente, fa notare come i meccanici oggi non si possono lamentare perchè arrivati alle 6.30 in pista, quando, fino a 10anni fa, con il warm up da affrontare si arrivava anche prima…

Poi…poi cade nella retorica aziendalistica pro ferrari al solito (avrà imparato da Mazzoni),che può piacere all’appassionato della domenica, ma che sinceramente è di gusto bruttino.

Mi riferisco alle frasi sugli ordini di squadra. Dice che apprezza red bull per il fatto di non dare ordini di squadra tra Mark Webber e Vettel, perchè altrimenti se favorirebbe Webber farebbe una cosa brutta nei confronti del mondiale,tifosi e di Alonso in lotta per il campionato…Ma come Jean…spiegaci bene, se gli ordini di squadra li da la Ferrari tutto ok, invece se li dovessero fare altri sarebbe una mancanza di rispetto al mondiale? Certe frasi, anche se corte e buttate li, fanno capire molte cose e che in Italia continueremo sempre e comunque a biasimare altri e a giustificare a prescindere la rossa…

Ultima cosa uscendo dall’argomento Alesi…i miei complimenti a Kamui Kobaiashi. autore di un’ottima gara sempre all’attacco. Smettiamola però in telecronaca e nelle interviste di chiamarlo Kamikaze,Samurai,Manga,Funny driver (Stella Bruno in Ungheria) e godiamoci questo Giapponese che sembra molto forte ed il primo in grado di portare in alto una nazione da sempre legata al motorsport.