Posts contrassegnato dai tag ‘jacques villenevue’

Il circuito, i precedenti e i record. L’IndyCar è in pista questo week end per il terzo appuntamento stagionale. Il calendario propone un vero e proprio “must”: il “Toyota Grand Prix of Long Beach”, giunto alla sua edizione numero 38. Long Beach, città della California situata nella parte meridionale della contea di Los Angeles e bagnata dall’Oceano Pacifico, ha ospitato negli anni prima la Formula 5000, poi la la F1 (dal 1976 al 1983), quindi la Cart/Champ Car (dal 1984 al 2008), infine l’Indycar (dal 2009 in poi).
Il circuito è un cittadino ricavato principalmente dalle strade che circondano il Long Beach Convention Center: caratteristico soprattutto l’ultimo settore con il tornantino finale che immette sul famoso “rettilineo curvilineo”. (altro…)

Annunci


N.B.: per visualizzare il video premere la scritta “Youtube” a destra nel menu a piè del riquadro del video.
Esattamente 12 anni fa, era il 31 ottobre 1999, veniva a mancare a soli 24 anni Greg Moore, uno dei talenti più cristallini nella storia delle corse americane.
Il pilota canadese prometteva di ripercorrere le orme di Jacques Villenevue e da tutti veniva indicato come un sicuro futuro campione, in grado di vincere nella Cart per proporsi poi all’attenzione della F1.
Vincitore del campionato nord-americano di kart nel 1989 e nel 1990,aveva vinto il titolo USAC Formula 2000 nel 1992 e si era laureato campione di Indy Lights nel 1995 (vincendo 10 gare su 12, un primato tutt’ora imbattuto).
Esordi’ nella Formula Cart nel 1996 con il team Forsythe nella caratteristica livrea Player’s: a fine anno fu nono in graduatoria generale e secondo nella speciale classifica dei rookie alle spalle di Alex Zanardi. (altro…)

immagine tratta dal sito indycar.com

Prende sempre più i contorni dell’ occasione persa la vicenda del superpremio di 5 milioni di dollari associato alla “IZOD IndyCar World Championship Presented by Honda”, nome ufficiale dell’ultima gara 2011 dell’IndyCar,che si svolgerà domenica 16 ottobre in quel di Las Vegas.
Alla stesura del calendario stagionale gli organizzatori avevano avuto l’idea molto interessante di rendere ancor più avvincente l’epilogo del campionato (che anche quest’anno rispetterà la tradizione che dal 2006 vede il titolo decidersi sempre all’ultimo appuntamento) creando un evento speciale: una gara su ovale (esclusa dalla classifica specifica che assegna il trofeo A.J. Foyt come a ribadire il carattere di sfida a sè stante) da svolgersi in quella che è universalmente riconosciuta come la capitale del gioco d’azzardo,Las Vegas appunto, mettendo a disposizione il favoloso jackpot di 5 milioni di dollari per il pilota non regular del campionato che fosse riuscito a vincere la gara.
La mossa era stata evidentemente pensata per attirare piloti celebri di altre serie,gente come Zanardi,Pastrana,Hornish,Montoya, o altre stelle della Nascar (quel fine settimana non impegnate di domenica visto che corrono di sabato a Charlotte) e perfino qualche ex-F1 desideroso di ritornare in pista (Villenevue,Raikkonen,….):una presenza chiaramente occasionale,ma di sicuro appeal sportivo e mediatico,che avrebbe sicuramente aggiunto interesse e attesa nei confronti di un campionato in crescita che ambiziosamente vuole tornare ai fasti della vecchia Cart,prima che la scissione e la crescita esponenziale della Nascar le sottraessero importanza e seguito. (altro…)