Posts contrassegnato dai tag ‘maldonado’

La vittoria di Pastor Maldonado e della Williams è stata meritatissima e ne daremo giusto merito e risalto nelle nostre consuete pagelle. Detto questo, senza voler togliere niente all’impresa del venezuelano, in questo post vi vogliamo dar conto di alcuni errori strategici commessi dalla Ferrari e dalla Lotus,errori che, a nostro avviso, hanno privato Alonso e Raikkonen della possibilità di vincere il Gp o quantomeno di impensierire maggiormente Maldonado. (altro…)

Annunci

Le quote. Pilota e scuderia vincente. Molto equilibrio nelle quotazioni del pilota vincente del Gp della Cina: secondo i bookmakers il favorito è il poleman Rosberg, quotato a 4.25 (per ogni euro scommesso si vincono 4 euro e 25 centesimi). Ma molto vicini sono Button (dato a 4.75), Hamilton (5.25), Schumacher (6.5) e Raikkonen (9.5).
Quote alte (indice di un evento considerato poco probabile) per la vittoria di Kobayashi (15), Webber (anche lui 15), Vettel (20) e Alonso (22).
Per quanto riguarda la scuderia vincente, Mercedes e McLaren sono vicinissime: la prima è quotata a 2.50, la seconda a 2.55. Molto equilibrio anche tra Lotus, Red Bull e Sauber, date, rispettivamente, a 8 , 8.55 e 9.
Una vittoria della Ferrari sarebbe pagata, invece, a 18.
Giro più veloce in gara. Qui i piloti McLaren sono dati per favoriti (Hamilton è quotato a 4, Button a 4.75), mentre la quotazione dei piloti Mercedes sale in maniera evidente (Rosberg e Schumacher entrambi a 8).
Evidentemente non c’è molta fiducia sulla capacità della Mercedes di preservare bene le gomme, visto che anche Vettel e Webber hanno una quotazione inferiore (rispettivamente 6 e 6.5) e Raikkonen è appaiato anche lui ad 8.
Alonso è quotato a 22, Grosjean a 25, non hanno una quotazione specifica i piloti Sauber, quindi chi intende puntare su uno dei due deve scommettere “Altro” (cioè pilota non compreso nelle quote): in quel caso vincerebbe 35 volte la posta.
Migliore gruppo. I piloti sono divisi in 5 gruppi: bisogna indicare all’interno del gruppo quale pilota si classificherà meglio. (altro…)

Le quote.Pilota e scuderia vincente L’esito del Gran premio d’Australia, in buona parte confermato dall’andamento delle qualifiche della Malesia, ha ribaltato le previsioni dei bookmakers: ora la McLaren e i suoi piloti ricoprono il ruolo di grandi favoriti, mentre si sono notevolmente alzate le quote di squadre che hanno deluso o hanno mostrato difficoltà come Red Bull e Ferrari.
Cosi’ il pilota che parte con i favori del pronostico è Lewis Hamilton, la cui vittoria domani è quotata a 2.25 (per ogni euro scommesso si vincono 2 euro e 25 centesimi), seguito a ruota dal team mate Button, dato a 2.9.
Interessante la quota di Vettel (6.5), poi si salta a Schumacher e Webber, entrambi quotati a 15.
Vengono considerate estremamente improbabili le vittorie di Rosberg, Raikkonen e Alonso (tutti quotati a 45) e di Grosjean (75).
Tra le scuderie una vittoria McLaren è data a 1.27 (una quota molto bassa sintomo di un evento considerato estremamente probabile), poi abbiamo Red Bull (4.5), Mercedes (10.5), Lotus (26) e Ferrari (30). (altro…)

Quella che vi presentiamo è un’analisi dagli esiti per certi versi attesi, per altri sorprendenti, per altri ancora preoccupanti,almeno per quanto riguarda Maranello e dintorni.
Abbiamo pensato di verificare eventuali progressi o passi indietro dei team di Formula 1 rispetto ad un anno fa, confrontando per ognuno di loro le prestazioni del Gp d’Australia 2012 con quelle della corsa di Melbourne del 2011: per ogni squadra abbiamo raffrontato il proprio giro più veloce in gara di quest’anno con quello dell’anno scorso e lo stesso abbiamo fatto per il miglior giro fatto segnare in qualifica.
In entrambi i casi nella nostra analisi abbiamo considerato come indicativa del potenziale di ogni squadra la miglior prestazione ottenuta dal più veloce dei due piloti di quel team in quel caso specifico: cosi’, per esempio, nel valutare la McLaren 2012 abbiamo tenuto conto in qualifica del tempo di Hamilton (migliore di quello di Button) e in gara del tempo di Button (migliore di quello di Hamilton).
Sempre avendo come obiettivo quello di raffrontare la prestazione assoluta del 2012 rispetto a quella del 2011, abbiamo utilizzato come dato della qualifica il miglior tempo assoluto fatto segnare da quel dato pilota: per esempio, Kobayashi si è qualificato tredicesimo nel Gp di quest’anno con il tempo di 1.26.590 (ottenuto in Q2), ma noi abbiamo usato come riferimento l’1.26.182 ottenuto dalla stesso giapponese in Q1, in quanto migliore.
Ebbene il risultato di questa analisi è che alcuni team hanno migliorato i loro crono rispetto allo scorso anno, altri hanno peggiorato (e lo vedremo in dettaglio) e tra questi la Ferrari è quella che ha fatto peggio. In altre parole la Ferrari è la squadra che da Melbourne 2011 a Melbourne 2012 ha compiuto più passi indietro, altro che presentare una vettura in grado di competere per la vittoria sin dalla prima gara come era nelle intenzioni (e nei proclami…) di Montezemolo, Domenicali e compagnia bella! (altro…)

La gara australiana che ha aperto il mondiale 2012 è l’occasione per noi di Motorsportrants di inaugurare una nuova rubrica nel nostro (vostro) blog: le pagelle del Gran Premio.
A dare i voti ai piloti (con un occhio anche alle scuderie) saranno i nostri depaillerontyrrellp34 e peppe1981, ognuno dei quali redigerà la propria valutazione personale. Questo in modo da presentare un’analisi il più possibile completa ed eterogenea, portatrice di punti di vista diversi e -perchè no- talvolta anche opposti, com’è nel nostro spirito di punto d’incontro e di confronto tra appassionati di motorsport.
E proprio in virtù di questo spirito vi invitiamo a commentare e a dirci la vostra.
Dopo il salto le nostre pagelle. (altro…)

Premessa: è solo la prima gara, le monoposto sono solo all’inizio del loro sviluppo, ci sono stati pochi test, la pioggia di venerdi ha disturbato il lavoro delle squadre, il circuito di Melbourne ha caratteristiche particolari e tali per cui i valori in campo potrebbero cambiare, almeno in parte, già dal prossimo Gp in Malesia domenica prossima.
Nel frattempo vogliamo cercare di capire qualcosa di più analizzando i cronologici della gara australiana, concentrandoci sul passo di Vettel e Alonso in modo da provare ad interpretare potenzialità e criticità di RedBull e Ferrari, avendo come metro di paragone la McLaren, che a Melbourne si è presa pole (Hamilton), vittoria e giro più veloce (Button). (altro…)

Melbourne 2012…il bicchiere è mezzo pieno?

image

Mazzoni in telecronaca ha detto di aver capito tutto su come sarà  l’andamento della stagione. Io sinceramente qualche dubbio me lo pongo,anzi se non fosse stato per delle qualifiche movimentate a me sembra che non sia poi cambiato molto.
Ferrari. La rossa soffre da morire in qualifica,ma lo faceva anche lo scorso anno no?certo forse ora anche peggio,ma è il primo round,ed alonso al solito in gara è riuscito a raddrizzare una situazione al limite dell’imbarazzo…imbarazzo che massa non ha fatto nulla per evitarlo…Nando via twitter vede il bicchiere mezzo pieno..beato lui, in molti a maranello in queste ore rischiano di annegare in quella poca acqua. Quando ieri ho detto che alonso non doveva strafare in qualifica per dimostrarlo di averlo più lungo,era proprio perché forse entrando in q3, anche come decimo,oggi magari un podio poteva scapparci.
Vettel…lui invece capita l’antifona che non era aria in qualifica,si è adeguato ed in gara,anche aiutato dalla safety car alla fine,è riuscito a strappare un secondo posto che vale oro per la redbull di oggi…redbull che fa un piccolo passo indietro ma dalla malesia sarà  diverso…Webber invece sembra essersi fermato al 2011….forse anche in lui la sindrome di massa si sta insinuando.
Mclaren forte e costante,come alla fine dello scorso anno e brava a sfruttare il momento no redbull…sembra migliorata molto…occhio che Button ed Hamilton se possono lottare non sono secondi a nessuno, e loro due sono gli unici compagni di scuderia alla pari, alonso e vettel al momento hanno delle olografie come seconde guide.
Mercedes. Sembravano in palla più del solito, e probabilmente lo sono,ma…la gara sembrava da 2010 e 2011con gomme consumate in modo troppo veloce…la malesia diventa già decisiva per capire se possiamo inserirli nella lotta al titolo come loro vorrebbero…e come devono fare se non vogliono che in germania chiudano baracca e burattini.
Poi abbiamo un maldonado che finalmente sembrava consolidare il suo talento con una gara solidissima,invece poi rovina tutto a pochi km dal traguardo…saranno punti pesantissimi che mancheranno al vecchio Frank. Senna ha voluto un anno di contratto solo per valutare la williams …da capire a quale williams si riferisce…quella di pastor…o quella imbarazzante sua…se almeno non avesse quel casco con quelle strisce farebbe meno male vederlo la dietro. La force india è la più grande delusione,ma anche lo scorso anno non cominciarono bene…mentre lotus sauber e toro rosso sono dove ci aspettavamo…a metà  gruppo sauber e toro rosso, fuori pista grosjean…in difficoltà kimi, ma comunque uscito alla grande nella distanza.
Che dire di caterham,marussia ed hrt…nulla, a parte che i soldi non fanno la velocità  e nemmeno i servosterzi…vero Caterham? Trulli oggi una risate se la sarà  fatta.

Lista dei migliori tempi al termine della seconda giornata di test a Jerez:

Pos Pilota Team Tempo Giri
1 Schumacher Mercedes 1m18.561s 132
2 Webber Red Bull 1m19.184s +0.623 97
3 Ricciardo Toro Rosso 1m19.587s +1.026 100
4 Bianchi Force India 1m20.221s +1.660 46
5 Raikkonen Lotus 1m20.239s +1.678 117
6 Di Resta Force India 1m20.272s +1.711 69
7 Massa Ferrari 1m20.454s +1.893 95
8 Button McLaren 1m20.688s +2.127 85
9 Perez Sauber 1m20.711s +2.150 67
10 Maldonado Williams 1m21.197s +2.636 96
11 Kovalainen Caterham 1m21.518s +2.957 139
12 De la Rosa HRT 1m22.128s +3.567 64

Lista dei tempi del secondo giorno di test a Jerez aggiornata alle ore 13.00.
Ricordiamo che la Mercedes gira con la vettura 2011.

Pos Pilota Team Tempo Giri
1 Schumacher Mercedes 1m18.561s 53
2 Webber Red Bull 1m19.184s +0.623 58
3 Ricciardo Toro Rosso 1m19.587s +1.026 41
4 Bianchi Force India 1m20.221s +1.660 46
5 Raikkonen Lotus 1m20.239s +1.678 26
6 Button McLaren 1m20.688s +2.127 25
7 Massa Ferrari 1m21.060s +2.499 38
8 Maldonado Williams 1m21.197s +2.636 60
9 Perez Sauber 1m21.289s +2.728 35
10 Kovalainen Caterham 1m21.518s +2.957 78
11 De la Rosa HRT 1m23.468s +4.907 21

Pos Driver Team Time Laps
1. Kimi Raikkonen Lotus-Renault 1m19.670s 73
2. Paul di Resta Force India-Mercedes 1m19.772s + 0.102 101
3. Nico Rosberg Mercedes 1m20.219s + 0.549 56
4. Mark Webber Red Bull-Renault 1m20.496s + 0.826 53
5. Daniel Ricciardo Toro Rosso-Ferrari 1m20.694s + 1.024 57
6. Michael Schumacher Mercedes 1m20.794s + 1.124 41
7. Kamui Kobayashi Sauber-Ferrari 1m21.353s + 1.683 106
8. Jenson Button McLaren-Mercedes 1m21.530s + 1.860 60
9. Felipe Massa Ferrari 1m22.815s + 3.145 69
10. Heikki Kovalainen Caterham-Renault 1m23.178s + 3.508 28
11. Pastor Maldonado Williams-Renault 1m23.371s + 3.701 25
11. Pedro de la Rosa HRT-Cosworth 1m23.676s + 4.006 44

Ecco la lista dei tempi aggiornata alle ore 14.00,i test riprenderanno questo pomeriggio dopo la pausa pranzo per le squadre che hanno preferito fermarsi, mentre altri team hanno scelto di proseguire per massimizzare il tempo a disposizione.
Alle 17.00 il semaforo rosso di questa prima sessione 2012.

Pos Pilota Team Tempo distacco Giri
1 Raikkonen Lotus 1m19.670s 50
2 Di Resta Force India 1m19.772s +0.102 52
3 Rosberg Mercedes 1m20.219s +0.549 56
4 Ricciardo Toro Rosso 1m20.694s +1.024 40
5 Kobayashi Sauber 1m21.353s +1.683 48
6 Webber Red Bull 1m21.474s +1.804 17
7 Button McLaren 1m22.366s +2.696 22
8 Massa Ferrari 1m22.815s +3.145 51
9 Kovalainen Caterham 1m23.178s +3.508 28
10 Maldonado Williams 1m23.371s +3.701 25
11 De la Rosa HRT 1m24.209s +4.539 32

(altro…)

L’annuncio della Williams, che ha deciso di affiancare Bruno Senna a Maldonado, a meno di clamorose sorprese estromette di fatto dalla F1 Rubens Barrichello dopo ben 19 stagioni di militanza e 323 Gp (record assoluto nella storia della F1).
Per la nostra rubrica Back to the Future vi vogliamo riproporre le emozioni del primo successo di Rubens in F1 nel Gp di Germania del 2000: nel primo video il (pazzo) andamento della gara, nel secondo, che trovate dopo il salto, le immagini del podio con le lacrime di un commosso Barrichello. (altro…)

Williams: annata disastrosa: scende dal sesto al nono posto nel costruttori (con tutte le perdite economiche che ciò comporta in termini di minori introiti andando a peggiorare la situazione di un team già non molto florido), conseguisce appena 5 punti contro i 69 dello scorso anno (circa 14 volte in meno), va a punti solo 3 volte contro le 17 del 2010, circa 6 volte in meno), ottiene come miglior risultato in gara il nono posto (lo scorso anno aveva ottenuto un quarto), come migliore qualifica un settimo posto (lo scorso anno c’era stata una pole), è entrata nella top ten in qualifica solo 3 volte (a fronte delle 21 dello scorso anno: 7 volte in meno), è stata eliminata in q3 6 volte mentre nel 2010 non era mai successo, aumentano i ririri che passano da 6 a 9 (cioè aumentano di un terzo).

Barrichello: ottiene solo 4 punti a fronte dei 47 dell’anno scorso (circa 12 volte in meno), anche se contribuisce all’80% al bottino totale del team (lo scorso anno lo aveva fatto per il 68.12%), vince 10 a 9 il confronto in qualifica con Maldonado, ma  a differenza del compagno non arriva mai in q1.

Maldonado: stagione d’esordio: porta 1 solo punto al team (20% del totale, Hulkenberg lo scorso anno aveva contribuito per il 31.88%), entra 3 volte in qualifica in q1, l’incidente di Montecarlo lo priva di punti preziosi.

Lotus: 0 punti come nel 2010 e ancora decimo posto nei costruttori (l’ultimo che prende i soldi da Ecclestone) in virtù di un tredicesimo posto come risultato migliore –risultato ottenuto 3 volte-(l’anno scorso il miglior risultato in gara era stato un dodicesimo posto) , in qualifica ottiene un quindicesimo posto come risultato migliore (come nel 2010) e supera la q3 3 volte contro le 2 del 2010 (+33.33%).
Per verificare eventuali progressi  rispetto alle vecchie squadre calcoliamo il distacco medio del suo pilota meglio piazzato in q3 rispetto all’ultimo pilota piazzato in q2 in 4 gp esemplificativi (Montercarlo,la  pista più lenta, Monza, la pista più veloce, Australia,la  prima o una delle prime gare dell’anno, e Abu dhabi,l’ ultima o una delle ultime gare dell’anno) nel 2010 e poi nel 2011: nel 2010 questo distacco medio era 1.725 secondi, nel 2011 questo distacco medio era di 1.706 secondi, quindi sostanzialmente inalterato.
Per verificare eventuali progressi  rispetto alle squadre di vertice  calcoliamo il distacco medio del suo pilota
meglio piazzato in q3 rispetto alla pole sempre negli stessi 4 gp prima nel 2010 e poi nel 2011: nel 2010 questo distacco medio era di 3.962 secondi, mentre nel 2011 è stato di 4.596 secondi: oltre sei decimi in più.
Se l’obiettivo del 2011 era fare un salto di qualità in modo da poter battagliare nel gruppone delle squadre di seconda fascia, beh è stato fallito.

Trulli si piazza meglio in classifica in virtù di migliori piazzamenti, ma perde nettamente il confronto in qualifica 16 a 2 (lo scorso anno il confronto era stato molto più equilibrato terminando 10 a 9 per Jarno).
Impresentabile Chandock che nell’unica gara effettuata si è preso due giri di distacco da Kovalainen e uno dalle Virgin.

immagine tratta dal sito http://www.motorsport.com

Lewis Hamilton e Sergio Perez sono stati penalizzati di tre posizioni sullo schieramento di partenza del Gp di India in quanto hanno ottenuto la loro miglior prestazione nella prima sessione di libere non rispettando le bandiere gialle sventolate alla curva 16 per la presenza della Williams di Maldonado, ferma per un problema tecnico e in attesa di essere recuperata dai commissari che si trovavano già in prossimità della pista al passaggio dei due piloti penalizzati.
Ricordiamo che anche Petrov dovrà scontare una penalizzazione in griglia (5 posizioni per il tamponamento a Schumacher in Corea) e che in questa occasione l’ex pilota facente parte del collegio giudicante è l’inglese Johnny Herbert.

immagine tratta dal sito http://www.motorsport.com

Se esistesse un ipotetico titolo riservato alla sparata più grossa dell’anno, Rubens Barrichello sarebbe prepotentemente in lizza in virtù della dichiarazione resa nei giorni scorsi.
Interrogato in merito alle voci che vogliono Raikkonen in Williams il prossimo anno, il brasiliano ha commentato: “Non credo che chiunque altro, compreso Kimi, sia in grado di offrire qualcosa più di me.” (altro…)