Posts contrassegnato dai tag ‘Mark Martin’

credits: Getty Images For NASCAR

Dopo il primo successo del suo team nella Nationwide Series, ad opera del fratello Kurt, Kyle Busch si è imposto nella nona prova della Sprint Cup Series, rilanciando la propria stagione.

Per Busch si tratta della prima vittoria stagionale, la 24esima in carriera su 266 partenze nella Sprint Cup, la quarta consecutiva nell’appuntamento primaverile sull’ovale  da tre quarti di miglio della Virginia. (altro…)

Getty Images For NASCAR

Dopo la pole conquistata in Texas da Martin Truex Jr., è Mark Martin a riportare il Michael Waltrip Racing in pole position, battendo di 6 millesimi di secondo il tempo di Carl Edwards e acciuffando la sua seconda pole stagionale dopo quella stabilita a Phoenix.

Il pilota della Toyota Camry #55 è sceso in pista per penultimo e ha siglato un crono di 21.040 secondi, pari a 18.327 miglia orarie di media, che gli è valso la 53esima partenza al palo in una carriera che conta 837 partenze in Sprint Cup. Martin ha anche migliorato il proprio primato come più “anziano” poleman della serie, con i suoi 53 anni, 3 mesi e 19 giorni. (altro…)

credits: getty Images for NASCAR

Al Kansas Speedway va in scena un’altro test su avale da 1,5 miglia, in cui i grandi favoriti sono nuovamente Jimmie Johnson e Greg Biffle e sarà interessante capire se Tony Stewart avrà risolto i problemi riscontrati in Texas.

La partenza della STP 400 è fissata per le 19 italiane di domenica e i piloti dovranno percorrere una distanza di 400,5 miglia, pari a 267 giri.

IL CIRCUITO

Il Kansas Speedway, sede dell’ottava tappa della Sprint Cup 2012, sorge una quindicina di miglia a ovest di Kansas City, città divisa tra lo stato in cui Wyatt Earp forgiò la sua reputazione e il Missouri.

Costruito a partire dal 1999 ad opera della Turner Construction, su progetto della HNTB (stessa firma del Chicagoland Speedway, tracciato dalle caratteristiche molto simili), questo ovale da 1,5 miglia ha la classica forma a D del “Cookie Cutter”, lo stampino per i biscotti. Le curve hanno un’inclinazione di 15 gradi. Il rettilineo principale, in pratica una semicurva lunga 2685 piedi, è inclinato di 10,4 gradi, mentre il backstretch, anch’esso leggermente curvo, ha un banking di 5 gradi e una lunghezza di 2207 piedi. (altro…)

credits: Getty Images For NASCAR

La Samsung Mobile 500 del 2012 verrà ricordata negli annali  come la gara più veloce mai svolta al Texas Motor Speedway con una media di circa 160 miglia orarie, cioè 500 miglia in poco più di 3 ore.  Solo due bandiere gialle nei primi 100 giri,  poi solo green flag racing. Biffle ha vinto ma ha dovuto scontrarsi con Jimmie Johnson , che ha disputato un ottima gara, piazzandosi al secondo posto. Altro protagonista è stato Mark Martin, piazzatosi terzo, dopo una gara solida e costante nella top 10. Proprio Johnson e Martin, ex compagni di squadra all’Hendrick Motorsports, ci raccontano la gara dal loro punto di vista. (altro…)

credits: Getty Images For NASCAR

Greg Biffle si è imposto con autorità in una velocissima Samsung Mobile 500, settima prova della Sprint Cup, andando a sorpassare Jimmie Johnson quando mancavano 30 giri alla bandiera a scacchi.

La prima vittoria stagionale del pilota del Roush Fenway Racing è stata contraddistinta da una serie di primati per il Texas Motor Speedway, tra cui la media di gara più veloce (160.577 mph), il numero di bandiere gialle, appena due, tutte per detriti e tutte concentrate nei primi 100 giri, e il minor numero di giri dietro la pace-car, appena 10. Rappresenta un primato per la pista di Fort Worth anche il lunghissimo run in verde da 234 giri, che si è protratto fino alla bandiera a scacchi. (altro…)

Jared Tilton/Getty Images for NASCAR

Dopo l’ottima prestazione sfoggiata a Bristol dal pilota del North Carolina, culminata in un ottimo quinto posto, la stagione di Brian Vickers aumenta di altre due gara, sempre al volante della Toyota Camry #55 del Michael Waltrip Racing. (altro…)

credits: Getty Images for NASCAR

Sprint Cup

Ancora poche settimane al rilascio dei dati dell’EFI: John Darby, direttore della Sprint Cup Series, ha dichiarato che tra poche settimane verranno rilasciati i dati riguardanti l’EFI (il sistema elettronico di pescaggio della benzina). Darby però è un pò scettico su questi dati perché pensa che i pilotin on ne trarranno grandi vantaggi in restart. Lo stesso Darby ha dichiarato: “Non importa cosa fa un pilota durante un restart con l’acceleratore ma, al contrario, è molto importante mettere a punto le fuel map e la strategia del carburante prima e durante la gara. [….] Una volta ottenuti i dati, potremo usarli a nostro piacimento e renderli noti ad ogni gara”. Darby ha inoltre detto che ci sono stati piccolo inconvenienti con l’EFI durante le prime tre gare ma ha subito chiarito che la situazione era già sotto controllo. Il problema che Brad Keselowski ha avuto al Las Vegas Motor Speedway, non era altro che un guasto alla pompa elettrica del carburante, situata nel bagagliaio. Staremo a vedere nelle prossime settimane come la situazione evolverà, una volta che l’EFI sarà operativo al cento per cento, potremo dire che la NASCAR ha fatto un importante progresso per stare al passo con la tecnologia. (altro…)

credit: Getty Images for NASCAR

La terza tappa della Sprint Cup costituisce la prima verifica del potenziale dei team su ovali da 1.5 miglia, che rappresentano una fetta consistente del calendario e una tipologia di circuiti in cui è necessario eccellere se si vuole puntare alla vittoria in campionato.

Il Circuito

Situato alla periferia nord-orientale della città del gioco, il Las Vegas Motor Speedway, aperto nel 1996, è un classico tracciato da 1.5 miglia dalla forma a “cookie cutter”, con il rettilineo principale ad arco, lungo 2275 piedi ed il backstretch, stavolta rettilineo, lungo 1572 piedi. Il banking, in seguito ad un lavoro di ristrutturazione avvenuto nel 2006, il banking è progressivo ed è intorno ai 20 gradi. (altro…)

Credit: Tom Pennington/Getty Images for NASCAR

Il campione in carica della Nationwide Series è andato a prendersi il primo successo stagionale con un ultimo run decisamente dominante che gli ha consentito di battere Mark Martin.

Per il 24enne pilota del Roush Fenway Racing, quella ottenuta al Las Vegas Motors Speedway è la terza vittoria in carriera, la prima su uno speedway da 1.5 miglia, una tipologia di circuito fondamentale nella NASCAR moderna. (altro…)

Todd Warshaw/Getty Images

Dopo una settimana di tira e molla con Elliott Sadler, il Michael Waltrip ha annunciato che Brian Vickers guiderà la Toyota Camry #55 del Michael Waltrip Racing in sei appuntamenti della Sprint Cup 2012.

Il 28enne di Thomasville, North Carolina, appiedato dalla chiusura del team Red Bull, era rimasto alla finestra in attesa di un’occasione, che è arrivata quando il team di Michael Waltrip ha dovuto rinunciare all’accordo ormai raggiunto con con Elliott Sadler a causa del veto da parte del Richard Childress Racing. (altro…)

Credit: Todd Warshaw/Getty Images for NASCAR

Denny Hamlin si è messo definitivamente alle spalle un 2011 ricco di difficoltà, dal rapporto con le gomme Goodyear a una serie troppo lungo di motori poco affidabili, ed è andato a conquistare la vittoria nella seconda prova della Sprint Cup, disputatasi a Phoenix.

Per Hamlin, da quest’anno assistito da Darian Grubb nel ruolo di crew chief, si tratta della prima vittoria dal giugno dello scorso, quando si imposto in Michigan, la 18esima in carriera su 225 presenze nella serie, la prima al Phoenix International Raceway. (altro…)

Chris Graythen/Getty Images for NASCAR

Sarà Mark Martin, 53 anni da Batesville, Arkansas, a partire dalla pole position domani nella Subway Fresh Fit 500, seconda prova della Sprint Cup, grazie ad un tempo strepitoso di 26.313 secondi, pari a 136.814 miglia orarie di media.

Il pilota della Toyota Camry #55 del Michael Waltrip Racing è sceso in pista per 43esimo sui 44 piloti che hanno tentato la qualificazione, ed ha immediatamente migliorato di 16 centesimi il tempo di Regan Smith, in pole fino a quel momento, piazzando un primo giro magistrale, che ha reso superflua la seconda tornata. (altro…)

fonte immagine: cbsnews.com

Matt Kenseth ha conquistato la sua seconda 500 miglia di Daytona quasi sei ore dopo la bandiera verde, precendo in volata, in regime di green-white-checkered, Dale Earnhardt Jr. e Greg Biffle.

La 54esima edizione della Great American Race, posticipata due volte a causa del maltempo e partita alle 19 americane di lunedì, è stata una vera e propria maratona, interrotta da ben 10 bandiere gialle e da una bandiera rossa durata più di due ore. (altro…)

Jerry Markland/Getty Images for NASCAR

La NASCAR ha ufficializzato la lista degli iscritti al Budweiser Shootout, che si disputerà nella notte tra sabato e domenica sul Daytona International Speedway. Tra i piloti che avrebbero potuto disputare il tradizionale aperitivo della stagione, ma non saranno sullo schieramento di partenza, figurano Trevor Bayne e Mark Martin.

I piloti eligibili per la gara erano i migliori 25 della classifica generale della Sprint Cup 2011, più i vincitori di una gara a Daytona, che fosse la 500 miglia, la Coke Zero 400 o un precedente Shootout, per un totale di 33 piloti, ma saranno 25 le vetture al via. (altro…)

John Harrelson, Getty Images for NASCAR

La stagione che inizierà il prossimo fine settimana con il Budweiser Shootout si preannuncia molto combattuta e foriera di sorprese. Alcuni grandi team come il Roush Fenway Racing e il Richard Childress Racing hanno dovuto ridurre il proprio impegno, passando da quattro vetture a tre, a causa dell’abbandono di diversi sponsor, come UPS, che hanno preferito puntare su un impegno ridotto su una vettura vincente, piuttosto che sponsorizzare per un’intera stagione un team da metà schieramento. (altro…)