Posts contrassegnato dai tag ‘suzuka’

  • Rosberg centra la prima pole al Gp numero 110 in F1 e riporta la Mercedes in pole position dai tempi di Fangio (Gran Premio d’Italia 1955). Schumacher, grazie all’arretramento di Hamilton, parte per la prima volta in prima fila dal suo ritorno in F1 (l’ultima volta gli era successo a Suzuka nel 2006, anche in quel caso era secondo). La Mercedes avrà risolto i problemi di usura delle gomme in gara?
  • La grande prestazione di Kobayashi (terzo) conferma la competitività della Sauber, Perez, un attimo appanato rispetto al team mate, partirà comunque buon ottavo. Soprattutto in prospettiva gara la monoposto svizzera ha dimostrato di preservare molto bene le Pirelli. Ancora un podio per Sauber?
  • Hamilton, penalizzato di 5 posizioni, partirà settimo, esattamente dietro un Button (quinto) sembrato qui leggermente sottotono in qualifica. Jenson uscirà come al solito alla distanza? E Lewis ci farà vedere una bella rimonta con bei sorpassi?
  • Ormai è assodato: la Red Bull è tornata tra gli “umani” e quello che sembra soffrirne di più è Vettel, che esce dalla Q1 per la prima volta dopo ben 43 gare e che perde il confronto in qualifica con Webber per la terza volta su tre quest’anno. Saprà rifarsi in gara?
  • La Ferrari riesce ad entrare per il rotto della cuffia in Q1 con Alonso, mentre Massa è ancora una volta fuori dalla top ten,ma almeno riesce a contenere a livelli decenti il distacco dal compagno di squadra. A San Fernando riuscirà di nuovo il miracolo di spremere il massimo possibile dalla Rossa? E Massa darà finalmente segnali di risveglio?
  • Settimo a Melbourne, quinto a Sepang: Raikkonen (quarto in griglia) migliorerà ancora, salendo magari sul podio? E Grosjean (decimo) sarà in grado di concludere finalmente un Gp con la Lotus?
  • Curiosamente dalla settima fila in poi la griglia vede appaiati tutti compagni di squadra (due Williams, due Force India, due Toro Rosso e cosi’ via): riuscirà qualcuno a risalire in zona punti azzardando magari una strategia alternativa?
Annunci

Premessa. Prima che si possano scatenare fraintendimenti con gli “Hamiltoniani” e quindi conseguenti polemiche, voglio precisare che questo post non vuole criticare,offendere o denigrare l’inglese e che il contatto Hamilton/Massa di domenica scorsa serve soltanto e puramente come spunto per svolgere una considerazione di portata generale sulle valutazioni disciplinari dei commissari sportivi.
Sempre a scanso di equivoci si vuole, inoltre, ribadire quanto già riportato nei precedenti post e commenti dei giorni scorsi: ad opinione di chi scrive quel contatto è stato assolutamente non intenzionale e dovuto al fatto che Lewis,come dichiarato a fine gara, non ha visto Felipe (scusandosi molto sportivamente) e quindi bene hanno fatto i commissari a giudicarlo come semplice contatto di gara senza prendere provvedimenti disciplinari. (altro…)

Per tutti ora, Massa ed il popolo ferrarista in primis, è il cattivo ragazzo, il bullo della classe da punire, da spedire dietro la lavagna in ginocchio sui ceci e con il cappello da asino in testa. Eppure io sto con Lewis, e non perché sono un suo tifoso. Perché sono un appassionato di motorsport e  la F1 ha bisogno di un pilota genuino,aggressivo e talentuoso come lui. Purtroppo per Hamilton, si trova a correre nell’epoca che ogni toccanica o tentativo di sorpasso viene punito. Fosse stato pilota 20anni fa, le cose si sarebbero risolte tra uomini ai box e no con piagnistei dai commissari o via radio con l’ingegnere di pista che a momenti deve dire ai piloti anche quando soffiarsi il naso. Il gorilla di Monza, il nostro Vittorione Brambilla una volta in Germania ci mise 2 secondi a dare un pugno ad Hunt scesi dalla vettura (aveva il casco) reo di averlo ostacolato malamente in pista…tra i due poi nessun più problema. Lewis indubbiamente è in un anno no…inutile voler dire il contrario. Soffre le gomme di burro della Pirelli, soffre questa McLaren che non lo asseconda e soffre sicuramente un Jenson Button mai così in forma e performante. Non mettendo minimamente in dubbio le sua capacità velocistiche, in questo momento di difficoltà forse a Lewis manca una figura guida come Ron Dennis capace di calmarne i bollenti spiriti e una figura manageriale solida. Mi viene in mente un parallelo con un altro pilota britannico. Damon Hill. La stagione di Damon del 1995,

(altro…)

Per l’ennesima volta quest’anno Hamilton e Massa sono stati protagonisti di un “incontro ravvicinato” in pista, nello specifico un contatto occorso al giro 21 del Gp del Giappone che per fortuna ha comportato danni minimi alle due vetture consentendo ad entambi i piloti di proseguire e portare a termine la gara.
I commissari di gara hanno approfondito l’episodio ritenendo di non prendere provvedimenti.
Se la decisione di non comminare sanzioni ci può stare, ciò che non convince chi scrive è la motivazione alla base della decisione stessa, motivazione che ricaviamo dal documento ufficiale FIA proposto dal nostro depaillerontyrrellp34 nel suo post precedente.
Nel documento leggiamo: “Avendo visto il video di prova relativo all’azione del pilota della vettura n.3 alla curva 16 e dopo aver raffrontato la traiettoria che Lewis Hamilton ha tenuto nel giro precedente e avendo notato che la vettura n.6 di Felipe Massa stava provando a superare sulla sinistra in una curva a destra gli Stewards decidono di non prendere provvedimenti.”
Sinceramente credo di non aver mai sentito tante sciocchezze in una sola frase e trovo estremamente grave che il tutto sia il frutto di una decisione presa (anche) da un pilota- Alan Jones- ex campione del mondo di F1. (altro…)

Per non poter fare i complimenti a Vettel bisogna essere due tipi di persona:

a) ciechie e non aver seguito la stagione 2011;

b) commentatori e giornalisti rai che anche oggi hanno fatto di tutto per sminuire la vittoria mondiale del tedesco della red bull…vero  Cesare Fiorio?

Noi che non siamo ne ciechi, ne giornalisti rai,  i complimenti li facciamo molto volentieri ed applaudiamo a piene mani un ragazzo che sta ridisegnando attorno a lui e al suo team la storia della F1. BRAVO VETTEL!

Suzuka, oltre ad essere uno dei tracciati più belli del mondiale, e del mondo, è famosissimo per tutte le sfide epiche che ci ha offerto in questi anni. Il duello Senna vs Prost ha vissuto momenti epici/tragici tra il 1988 ed il 1990, passando per il tanto contestato aggancio alla triangle chicane (ex casio) del 1989. Ma se molti filmati e video di quegli anni si sono visti e rivisti, proviamo a rivivere il preambolo all’incidente della prima curva del 1990…ecco le qualifiche con commento della fuji tv…E’ in giapponese ma le immagini parlano da sole! buona visione! Sono 8 parti complessive.

(altro…)

Che carino…chi non lo regalerebbe ai propri figli per natale? 😀

In Giappone, oltre ad avere suzuka, il tracciato più bello al mondo secondo me, sono sempre molto appassionati e lo si vede anche da questa foto…Bernie Ecclestone pupazzo…chi sa dove si può trovare? Lo voglio! 😀

Da quanto sembra questa marionetta sarà in vendita ed i proventi andranno alle popolazioni vittime dello tzunami…vi faremo sapere.

Quante volte negli ultimi anni parlando dei mali della F1 e del motorsport attuale abbiamo dato la colpa ai nuovi tracciati oltre che ai regolamenti tecnici e sportivi? Tracciati moderni fa rima con Tilke ovviamente. L’architetto tedesco che Bernie Ecclestone e la FIA hanno scelto in fatto di costruzione delle nuove piste. Ma siamo sicuri che Tilke sia il vero colpevole dei tracciati senz’anima che vediamo ultimamente nascere in giro per il mondo? Per una volta cerchiamo di vedere il mondo dal punto di vista dell’architetto tedesco. Leggevo un’intervista interessantissima su motorsport magazine che vorrei riassumere e condividere con voi per sapere anche i vostri pensieri. Mettiamoci nei panni di Tilke che deve iniziare un nuovo progetto o deve ristrutturare una pista. La fantasia di certo non gli manca…e nemmeno idee da cui attingere dalle vecchie piste. Come ha spiegato nell’intervista molteplici sono i problemi che deve affrontare prima di deliberare il layout definitivo di una pista. Non ci abbiamo mai pensato? Ecco alcuni punti salienti.

  • Ristrettezze di layout in campo di sicurezza richieste dalla FIA per quanto riguarda via di fuga, disposizione dei box, rettilinei curve ecc. Ormai le vie di fuga possono essere quasi solo in asfalto. I rettilinei non lunghi più di 2km, le chicane spuntano come funghi in nome della sicurezza e le curve lente servono a volte per allungare il tempo di percorrenza del tempo sul giro e l’esposizione dei marchi delle monoposto dei marchi in tv…Vedi l’oscena prima parte di layout usata nel 2010 nel gp del Bahrain; (altro…)

Pics of the weekend – Foto del weekend

Pubblicato: 13 ottobre 2010 da Depailler on Tyrrell P34 in formula 1, pic of the week
Tag:, , , ,

questa settimana ne scelgo 2…una a tema con il diluvio di suzuka e l’altra…

A Red Bull boat sails down the pitlane during heavy rain, atmosphere, Japanese GP, Suzuka, Saturday 9 October, 2010. from autosport.com

Marshall crossing the track, atmosphere, Dunlop MSA BTCC, Brands Hatch, October 9-10, 2010.