Posts contrassegnato dai tag ‘trevor bayne’

credits: Getty Images For NASCAR

Unico a scendere sotto i 50 secondi sul giro, Jeff Gordon si è aggiudicato la pole position per la Aaron’s 499, migliorando nelle fasi finali delle prove di qualificazione il tempo fatto segnare da AJ Allmendinger.

Il 40enne di Vallejo, California, è sceso in pista per 41esimo, sui 44 piloti che hanno preso parte alle qualifiche, ed ha stabilito un tempo di 49.973 secondi, pari a 191.623 miglia orarie di media. L’ottima prestazione lo ha collocato ben 134 millesimi davanti ad AJ Allmendinger, che era sceso in pista per 19esimo ed ha mantenuto la seconda posizione fino alla fine delle prove. (altro…)

Credit: Tom Pennington/Getty Images for NASCAR

Martin Truex Jr ha realizzato il miglior tempo nelle prove di qualificazione per la Samsung Mobile 500 al Texas Motor Speedway, andando a cogliere la seconda pole stagionale per il Michael Waltrip Racing.

Il 31enne di Majetta, New Jersey, è stato il 35esimo a scendere in pista, in virtù del dell’undicesimo tempo delle libere, ed ha stabilito un tempo di 28.366 secondi, pari a 190.369 miglia orarie, che gli ha consentito di scavalcare Brad Keselowski e di rimanere al comando fino alla fine.  (altro…)

Credit: Justin Edmonds/Getty Images for NASCAR

Elliott Sadler e il crew chief Luke Lambert hanno portato di nuovo in victory lane la Chevrolet Impala del Richard Childress Racing, grazie ad un’ottima combinazione di strategia e ritmo.

Il pilota di Emporia, Virginia, che a Bristol aveva già vinto  nel 2001, è rimasto in pista in occasione dell’ultima delle quattro neutralizzazioni della giornata, avvenuta al giro 264 a causa di un testacoda di Kyle Busch, ed al restart è andato ad allungare inesorabilmente, pur con gomme usurate, fino a conquistare la sua seconda vittoria di questo inizio di stagione, la settima su 168 presenze nella Nationwide Series. (altro…)

Credit: Getty Images for NASCAR

Tony Stewart ha letteralmente dominato la Kobalt Tools 400, andando a cogliere il primo successo stagionale al Las Vegas Motor Speedway, nella terza prova della Sprint Cup.

Per Stewart, quella conseguita battendo Jimmie Johnson è la prima vittoria al Las Vegas Motor Speedway, fino a ieri uno dei tre circuiti, insieme a Darlington e Kentucky, dove ancora non aveva visitato la victory lane. Si è trattato inoltre del suo 45esimo successo su 467 presenze. (altro…)

Credit: Christian Petersen/Getty Images

Una strategia vincente ha consentito a Elliott Sadler ed il pilota di Emporia ha contenuto per 25 giri il rientro di Brad Keselowski, andando a vincere la seconda prova della Nationwide Series e prendendosi la testa della classifica.

Per Sadler si tratta del ritorno in victory lane in Nationwide Series dopo 91 gare. La sua ultima vittoria nella categoria risaliva all’ottobre del 1998, al North Carolina Motor Speedway. Quello ottenuto al volante della Chevrolet Impala #2 del Richard Childress Racing è il sesto successo in 166 presenze nella serie. (altro…)

fonte immagine: cbsnews.com

Matt Kenseth ha conquistato la sua seconda 500 miglia di Daytona quasi sei ore dopo la bandiera verde, precendo in volata, in regime di green-white-checkered, Dale Earnhardt Jr. e Greg Biffle.

La 54esima edizione della Great American Race, posticipata due volte a causa del maltempo e partita alle 19 americane di lunedì, è stata una vera e propria maratona, interrotta da ben 10 bandiere gialle e da una bandiera rossa durata più di due ore. (altro…)

Credit: Chris Graythen/Getty Images for NASCAR

Dopo le sorprese riservateci dalla Camping World Truck Series e dalla Nationwide Series, ci aspetta un atro vincitore inatteso nella 500 miglia di Daytona? Possibile? Quasi probabile.

IL CIRCUITO

Daytona rappresenta per le stock-cars il centro del mondo, con le sue 2,5 miglia di asfalto costruite vicino alla spiaggia di Daytona Beach, per volerer di Bill France, che hanno l’inizio ufficiale dell’epopea della NASCAR e, non a caso, occupano un posto molto speciale nel cuore degli appassionati di motori americani.

Le storie che circondano il superspeedway inaugurato nel 1959, ma ben presente nelle idee del fondatore Bill France già dal ’53, sono moltissime: una di queste racconta che France, a corto di fondi per terminare il circuito, si rivolse alla Coca-cola per ottenere un sostegno economico, che gli fu negato. Big Bill passò allora all’attacco presso la Pepsi-Cola, riuscendo a completare l’opera. Proprio in vistù di quell’accordo, fino al 2008 a Daytona non si è venduta nemmeno una bottiglia di Coca-Cola. (altro…)

Photo by Jamie Squire/Getty Images

Nella giornata di giovedì, il Daytona International Speedway vedrà i piloti della Sprint Cup sfidarsi nei Gatorade Duels, due gare da 150 miglia che assegneranno le posizioni sullo schieramento di partenza per la Daytona 500 di domenica 26 febbraio.

La prima fila è già stata decisa delle qualifiche di domenica scorsa e saranno Carl Edwards e Greg Biffle ad occuparla, mentre i Duels attribuiranno rispettivamente le posizioni sulla fila interna e su quella esterna dello schieramento.  (altro…)

fonte immagine: profilo Facebook del Roush Fenway racing

Prima fila tutta Ford in vista della Daytona 500 di domenica prossima. Carl Edwards e Greg Biffle, entrambi al volante delle Fusion del Roush Fenway Racing, si sono aggiudicati le prime due posizioni sulla griglia di partenza della Great American Race, mentre il resto dello schieramento sarà determinato dall’esito dei Gatorade Duels di giovedì.

Edwards si é aggiudicato la sua undicesima pole position in carriera su 266 presenze, stabilendo un tempo di 46.216 secondi, pari a 194.738 miglia orarie. La media sul giro ottenuta dal pilota del Missouri è la piú alta dal 1999 a questa parte. (altro…)

Jerry Markland/Getty Images for NASCAR

La NASCAR ha ufficializzato la lista degli iscritti al Budweiser Shootout, che si disputerà nella notte tra sabato e domenica sul Daytona International Speedway. Tra i piloti che avrebbero potuto disputare il tradizionale aperitivo della stagione, ma non saranno sullo schieramento di partenza, figurano Trevor Bayne e Mark Martin.

I piloti eligibili per la gara erano i migliori 25 della classifica generale della Sprint Cup 2011, più i vincitori di una gara a Daytona, che fosse la 500 miglia, la Coke Zero 400 o un precedente Shootout, per un totale di 33 piloti, ma saranno 25 le vetture al via. (altro…)

Chris Graythen/Getty Images for NASCAR

Trevor Bayne, vincitore a sorpresa della Daytona 500 2011, sarà nuovamente impegnato in Sprint Cup con il Wood Brothers Racing, anche se non è ancora chiaro quante gare affronterà ed è probabile che si tratti di un programma parziale.

L’annuncio del team WBR si inserisce in un quadro, quello dei piloti in orbita Roush Fenway Racing, che dovrà necessariamente andare incontro ad altri chiarimenti, soprattuto per quanto riguarda la posizione di Ricky Stenhouse Jr, che vede a questo punto chiudersi la porta della Sprint Cup e rischia di non essere impiegato a tempo pieno nemmeno in Nationwide Series, nonostante il titolo conquistato nella scorsa stagione. (altro…)

Chris Graythen/Getty Images for NASCAR

Anche per la Nationwide Series, questa off-season si sta rivelando ricca di incertezze, dettate principalmente dalla congiuntura economica. Molti sedili sono ancora vacanti e piloti di primissimo piano come Kyle Busch, Ricky Stenhouse Jr ed Aric Almirola non hanno ancora, per un verso o per l’altro, confermato i propri programmi, mettendo i presupposti per un “effetto domino” che presumibilmente si scatenerà nelle prime settimane del 2012.

Almirola lascia il JR Motorsports per passare in CUP con RPM?– In mezzo a tante situazioni incerte, Aric Almirola pareva sistemato a dovere, grazie ad un contratto per disputare tutta la prossima stagione in Nationwide con il JR Motorsports, al volante della Chevy #88. Negli ultimi giorni però le cose sono decisamente cambiate: secondo quanto riporta il Charlotte Observer, Almirola sarebbe addirittura in pole-position per prendere il posto di AJ Allmendinger al volante della Ford #43 del Richard Petty Motorsports in Sprint Cup. Il rumor vorrebbe Almirola alla corte di Petty insieme ad uno sponsor, che aiuterebbe almeno in parte a coprire il budget, ma il passaggio ad una Ford renderebbe incompatibile la sua presenza in Nationwide su una Chevrolet. Aric,  Il team RPM ha in programma di annunciare il nuovo pilota, insieme ad un nuovo sponsor, dopo le festività. (altro…)

Credit: John Harrelson, Getty Images for NASCAR

Quella appena finita è stata senza dubbio una stagione ricca di colpi di scena e di momenti memorabili, anche guardando oltre la splendida vittoria di Tony Stewart, che rappresenta comunque l’apice di un 2011 entusiasmante, in cui ci sono stati qualcosa come 131.989 sorpassi in bandiera verde ed una media di 12,8 piloti ad alternarsi al comando in gara, per una media di 27,1 sorpassi al vertice a gara.

La NASCAR ha voluto sottoporre gli eventi più significativi della stagione al voto dei giornalisti di tutto il mondo,per stilare una classifica in cui per poco la vittoria di Trevor Bayne alla Daytona 500 non ha rubato la scena all’impresa di Stewart.

1 – La vittoria di Stewart a Homestead gli consegna la Sprint Cup

Era il finale che alla NASCAR sognavano da un po’. Dopo 9 tesissime gare della Chase For The Cup, Tony Stewart è riuscito nell’impresa di soffiare il titolo a Carl Edwards, che lo precedeva di 3 punti prima della gara. Stewart è stato autore di un vero capolavoro, rimontando più volte dalle retrovie, compiendo una serie di sorpassi infinita per precedere Edwards di poco più di un secondo sotto la bandiera a scacchi. La classifica ha attribuito a entrambi 2403 punti, ma la Sprint Cup è andata a Stewart in virtù delle cinque vittorie contro una in stagione. (altro…)

Credit: By Chris Trotman, Getty Images for NASCAR

Carl Edwards, al volante della Ford Fusion #99 del Roush Fenway Racing, ha fatto segnare il miglior tempo nelle qualifiche per la Ford 400, ultimo round delle Chase For The Cup 2011, mettendo quindici posizioni in griglia tra sé e Tony Stewart, il suo unico rivale nella lotta per la Sprint Cup.

Molto veloce fin dalle libere, Edwards è sceso in pista per 47esimo, segnando un tempo di 30.775 secondi, equivalente ad una velocità media sul giro di 175.467 miglia orarie, che gli ha permesso di scavalcare Martin Truex Jr., in pole fino a quel momento, di poco più di un decimo di secondo. Per il pilota del Missouri si tratta della terza pole stagionale, la decima in carriera su 265 gare di Sprint Cup (altro…)

Credit: Rainier Ehrhardt/Getty Images for NASCAR

Ci sono voluti cinque anni di delusione e testardaggine, ma Sam Hornish Jr. alla fine è riuscito a conquistare la sua prima vittoria in NASCAR nella Wypall 200, precedendo sul traguardo il compagno di team Brad Keselowski in una doppietta tutta nel segno del Penske Racing.

Il due volte campione Indycar ha centrato l’obiettivo alla 32esima presenza nella serie, in un’annata che lo vede impegnato in un calendario parziale, alla ricerca di sponsorizzazione sufficienti ad affrontare l’intera stagione 2012. (altro…)