Posts contrassegnato dai tag ‘williams’

La vittoria di Pastor Maldonado e della Williams è stata meritatissima e ne daremo giusto merito e risalto nelle nostre consuete pagelle. Detto questo, senza voler togliere niente all’impresa del venezuelano, in questo post vi vogliamo dar conto di alcuni errori strategici commessi dalla Ferrari e dalla Lotus,errori che, a nostro avviso, hanno privato Alonso e Raikkonen della possibilità di vincere il Gp o quantomeno di impensierire maggiormente Maldonado. (altro…)

Piccola premessa: per fortuna nessuno è rimasto seriamente ferito nell’incendio scoppiato a fine gara nel garage Williams. Solo danni materiali ed una monoposto, quella di Senna, completamente distrutta dal fuoco.

 

 

Motorsportrants ha traslocato. Vi aspettiamo QUI

Devo dire la verità, come detto anche dal f1 chief editor di autosport edd Straw, non pensavo di tornare a scrivere di una vittoria Williams, o almeno di farlo in questa stagione. Invece è successo, grazie ad una gara straordinaria di Pastor Maldonado che ha dimostrato il talento che ha, indipendentemente dai soldi che porta alla scuderia…solo Button Hamilton Vettel Rosberg e Schumacher penso non porti soldi ai loro team al giorno d’oggi.

Noi l’avevamo anticipato a chi ci segue nel nostro blog. La Williams ripartiva dal motore Renault, da un tecnico di primo livello, Mike Coughlan, da una pulizia interna dei grandi nomi, Sam Micheal ed Adam Parr, ma una pulizia necessaria. Perfino Patrick Head aveva fatto un passo indietro. MA Frank Williams era li al timone della squadra…sempre presente e convinto che prima o poi questo giorno sarebbe arrivato…tra la’ltro nel giorno del suo 70 compleanno…Tanti auguri Franco Guglielmi…e altri 70 di questi giorni…Già da Monaco?

F1: test mugello giorno 2

Pubblicato: 2 maggio 2012 da Depailler on Tyrrell P34 in autosport, Autosprint, fia, formula 1
Tag:, , , ,

Il sole fa capolino tra le colline toscane ed i team riescono a girare molto di più. Novità importanti oggi per Force India, Caterham e Williams. Tutte negli scarichi a copiare la soluzioni Sauber.

image

image

image

image

La F1 si ritroverà a Barcellona con una certezza…non ci sono certezze. Quattro gare,quattro vincitori,quattro podii diversi.Oggi è stato il turno della Redbull e del ritorno di Vettel…Noi di motorsportrants non l’abbiamo mai dato per morto e nemmeno gli abbiamo dato del fermo alla prima difficoltà. Anzi avevamo già detto in Cina che Seb nonostante l’auto aveva fatto una grande gara,coriacea e di sostanza.
Se riescono a sitemare la questione scarichi saranno cavoli amari ancora per tutti.

(altro…)

Ieri nel nostro consueto pronostico vi avevamo consigliato di scommettere “Altro” sull’autore del giro più veloce del Gp di Cina sulla base del fatto che ci aspettavamo che il gpv fosse appannaggio di un pilota Sauber.
Ebbene ci avevamo “azzeccato”, visto che alla fine il giro più veloce lo ha fatto segnare Kobayashi: chissà se qualcuno di voi ha seguito il nostro consiglio.
Scommettendo 10 euro se ne sarebbero vinti 350!
Per onestà intellettuale dobbiamo dire che l’altra giocata che vi abbiamo consigliato ieri l’abbiamo toppata alla grande, indovinando solo 2 risultati su 5.
La cosa particolare è che la giocata più rischiosa è andata a buon fine, mentre quella più scontata no. A conferma dell’imprevedibilità di questa F1.
Per esempio ieri chi avrebbe pronosticato che oggi le Sauber fossero arrivate dietro alle Williams?

  • Rosberg centra la prima pole al Gp numero 110 in F1 e riporta la Mercedes in pole position dai tempi di Fangio (Gran Premio d’Italia 1955). Schumacher, grazie all’arretramento di Hamilton, parte per la prima volta in prima fila dal suo ritorno in F1 (l’ultima volta gli era successo a Suzuka nel 2006, anche in quel caso era secondo). La Mercedes avrà risolto i problemi di usura delle gomme in gara?
  • La grande prestazione di Kobayashi (terzo) conferma la competitività della Sauber, Perez, un attimo appanato rispetto al team mate, partirà comunque buon ottavo. Soprattutto in prospettiva gara la monoposto svizzera ha dimostrato di preservare molto bene le Pirelli. Ancora un podio per Sauber?
  • Hamilton, penalizzato di 5 posizioni, partirà settimo, esattamente dietro un Button (quinto) sembrato qui leggermente sottotono in qualifica. Jenson uscirà come al solito alla distanza? E Lewis ci farà vedere una bella rimonta con bei sorpassi?
  • Ormai è assodato: la Red Bull è tornata tra gli “umani” e quello che sembra soffrirne di più è Vettel, che esce dalla Q1 per la prima volta dopo ben 43 gare e che perde il confronto in qualifica con Webber per la terza volta su tre quest’anno. Saprà rifarsi in gara?
  • La Ferrari riesce ad entrare per il rotto della cuffia in Q1 con Alonso, mentre Massa è ancora una volta fuori dalla top ten,ma almeno riesce a contenere a livelli decenti il distacco dal compagno di squadra. A San Fernando riuscirà di nuovo il miracolo di spremere il massimo possibile dalla Rossa? E Massa darà finalmente segnali di risveglio?
  • Settimo a Melbourne, quinto a Sepang: Raikkonen (quarto in griglia) migliorerà ancora, salendo magari sul podio? E Grosjean (decimo) sarà in grado di concludere finalmente un Gp con la Lotus?
  • Curiosamente dalla settima fila in poi la griglia vede appaiati tutti compagni di squadra (due Williams, due Force India, due Toro Rosso e cosi’ via): riuscirà qualcuno a risalire in zona punti azzardando magari una strategia alternativa?

Quella che vi presentiamo è un’analisi dagli esiti per certi versi attesi, per altri sorprendenti, per altri ancora preoccupanti,almeno per quanto riguarda Maranello e dintorni.
Abbiamo pensato di verificare eventuali progressi o passi indietro dei team di Formula 1 rispetto ad un anno fa, confrontando per ognuno di loro le prestazioni del Gp d’Australia 2012 con quelle della corsa di Melbourne del 2011: per ogni squadra abbiamo raffrontato il proprio giro più veloce in gara di quest’anno con quello dell’anno scorso e lo stesso abbiamo fatto per il miglior giro fatto segnare in qualifica.
In entrambi i casi nella nostra analisi abbiamo considerato come indicativa del potenziale di ogni squadra la miglior prestazione ottenuta dal più veloce dei due piloti di quel team in quel caso specifico: cosi’, per esempio, nel valutare la McLaren 2012 abbiamo tenuto conto in qualifica del tempo di Hamilton (migliore di quello di Button) e in gara del tempo di Button (migliore di quello di Hamilton).
Sempre avendo come obiettivo quello di raffrontare la prestazione assoluta del 2012 rispetto a quella del 2011, abbiamo utilizzato come dato della qualifica il miglior tempo assoluto fatto segnare da quel dato pilota: per esempio, Kobayashi si è qualificato tredicesimo nel Gp di quest’anno con il tempo di 1.26.590 (ottenuto in Q2), ma noi abbiamo usato come riferimento l’1.26.182 ottenuto dalla stesso giapponese in Q1, in quanto migliore.
Ebbene il risultato di questa analisi è che alcuni team hanno migliorato i loro crono rispetto allo scorso anno, altri hanno peggiorato (e lo vedremo in dettaglio) e tra questi la Ferrari è quella che ha fatto peggio. In altre parole la Ferrari è la squadra che da Melbourne 2011 a Melbourne 2012 ha compiuto più passi indietro, altro che presentare una vettura in grado di competere per la vittoria sin dalla prima gara come era nelle intenzioni (e nei proclami…) di Montezemolo, Domenicali e compagnia bella! (altro…)

La gara australiana che ha aperto il mondiale 2012 è l’occasione per noi di Motorsportrants di inaugurare una nuova rubrica nel nostro (vostro) blog: le pagelle del Gran Premio.
A dare i voti ai piloti (con un occhio anche alle scuderie) saranno i nostri depaillerontyrrellp34 e peppe1981, ognuno dei quali redigerà la propria valutazione personale. Questo in modo da presentare un’analisi il più possibile completa ed eterogenea, portatrice di punti di vista diversi e -perchè no- talvolta anche opposti, com’è nel nostro spirito di punto d’incontro e di confronto tra appassionati di motorsport.
E proprio in virtù di questo spirito vi invitiamo a commentare e a dirci la vostra.
Dopo il salto le nostre pagelle. (altro…)


Per la nostra consueta rubrica “Back to the future” vi vogliamo riproporre il video del Gran Premio di Australia di F1 del 2002: un modo per ingannare l’attesa per l’appuntamento di Melbourne, che domenica prossima, alle sette ora italiana, darà il via alla stagione 2012.
Sono passati esattamente 10 anni da quella gara (che segnava il debutto in F1 di Massa, Webber, Sato, McNish e della Toyota): nel frattempo solo 4 scuderie (Ferrari, Williams, McLaren e Sauber) sono sopravvissute (la Sauber attraverso il breve interregno Bmw), mentre le altre 7 sono scomparse o hanno cambiato nome e proprietà (Toyota e Arrows non ci sono più, la Minardi è diventata Toro Rosso, la Jaguar è diventata Red Bull, la Jordan prima Midland, poi Spyker e infine Force India, la Renault ora è Lotus infine la Bar ha dato vita alla Honda e quindi alla Brawn e poi ancora alla Mercedes)e solo 5 dei 22 piloti che presero parte a quel Gp sono ancora in F1 (Massa, Webber, Button, Schumacher e Raikkonen, questi ultimi due avevano nel frattempo abbandonato la F1, rispettivamente, per il ritiro dalla corse e per passare ai rally).
Quella F1 contava su 8 motoristi (Ferrari, Bmw, Mercedes, Cosworth, Renault, Honda, Toyota e Asiatech – cioè i vecchi Peugeot-), oggi ne sono rimasti la metà (ovvero Ferrari, Renault, Mercedes e Cosworth),su 2 fornitori di pneumatici (Bridgestone e Michelin), oggi ,invece, abbiamo il monogomma Pirelli; in compenso il numero dei team è passato da 11 a 12 (per la precisione nel 2002 in corso d’opera le squadre divennero 10 dopo il forfait della Arrows) e il numero delle gare in calendario da 17 a 20.
In quella F1 non esistevano drs, kers, divieto dei test; c’erano i motori V10 3 litri di cilindrata concepiti per durare un solo Gp (e qualcuno aveva anche la versione più estrema da qualifica), e quello fu l’ultimo anno della sessione domenicale del warm-up e delle qualifiche “alla Senna” con 12 giri ciascuno e tutti insieme in pista per l’intera ora.
Dopo il salto trovate gli altri video (manca solo la quinta parte, bloccata da Youtube, ma il fatto non inficia la comprensione dell’andamento della corsa). (altro…)

Ci siamo…manca poco al primo gp della stagione. Il circus riparte da Melbourne.

Oggi vorrei segnalarvi una cosa che penso sia molto interressante. Nel magico mondo di twitter, tra i molti al seguito della F1 c’ anche l’ingegnere di pista di Maldonado, Xevi Pujolar. Xevi tramite il suo profilo twitter, ci guida ad ogni g,p curva per curva, ai tracciati del mondiale con foto ed indicazioni interessanti. Ecco il link al suo profilo se volte seguirlo https://twitter.com/#!/xevipujolar. Noi per voi ogni Gp lo teniamo d’occhio. Cominciamo con Melbourne…Buona lettura

(altro…)

Sappiamo come funziona l’ibrido a batterie grazie alla F1 con il kers, sappiamo che la Toyota ha deciso di seguire la stessa via della F1 ma utilizzando capacitori al posto delle batterie…e l’ibrido Audi? L’audi come dicevamo ieri ha scelto il volano per il recupero dell’energia in frenata. Sistema prodotto dalla Williams http://www.williamshybridpower.com/news/36-press-releases/137-williams-hybrid-power-chosen-as-supplier-by-audi-sport che non lo ha mai utilizzato in F1 per motivi di ingombro in quanto il volano che gira a velocità folli deve essere racchiuso in un grande contenitore in fibra di carbonio sottovuoto e raffreddato …ma nell’edurance lo spazio per l’alloggiamento c’è eccome.

Dal sito Williams Hybrid Power http://www.williamshybridpower.com/index.php prendiamo

(altro…)

Curve Porsche…se siete a Le Mans quest’anno (noi ci saremo) sarà categorico andare li per vedere la nuova Audi r18 e-tron  quattro (magari un nome più corto…) in movimento. Perché amici? Perché il regolamento Fia-Aco impone ai prototipi ibridi di utilizzare l’energia accumulata sopra i 120 km/h e l’Audi, che andrà utilizzare questo sistema all’anteriore, trasformerà così la sua vettura in una 4×4  e proprio tra le curve Porche passerà velocissima. Purtroppo sia Audi che Toyota non sono molto contente di utilizzare l’energia sopra i 120km/h…ma in fase di stesura di regolamento fu la Pegeout a spingere verso questa regola (forse perché si resero conto di non avere una ibrida efficiente)…poi sappiamo tutti come è andata a finire, con la casa francese ritirata.

Ma diamo un occhiata alla nuova r18. Leggera lo era  anche l’anno scorso, con la sua tecnologia ultra light, ora abbiamo capito perché…infatti è già stata pensata per ospitare il peso in più del recupero di energia. Il progetto della vettura presentata ieri infatti è partito nel 2010. Ma come funziona? Vediamolo assieme

(altro…)

Qualcuno mi spieghi e mi aiuti a capire. Oggi apro Autosprint, articolo Williams. Antonini, che stimo e leggo da tempo, invece di spiegarmi tempi, novità e caratteristiche tecniche della vettura, ha perso metà articolo a (s)parlare, ennesima volta, di Coughlan e di quando, in McLaren, fotocopiava i disegni Ferrari che gli passava Stepney. Ora, fermo restando che l’atto fu grave, gravissimo, ma mi sembra che i protagonisti di allora abbiano legalmente pagato i danni fatti quella vicenda, addirittura la McLaren perse il costruttori e ricevette una multa astronomica.

Il discorso però è…perché  ancora a parlare delle fotocopie? Basta, la presentazione della vettura di Frank meritava altre parole. Se vogliamo veramente ancora parlare di fotocopie ogni volta che si pronuncia il nome Coughlan, lancio una sfida ad Antonini… Perché ogni volta che scrive di Alonso non ricorda che il buon Fernando, allora anche lui in McLaren, si leggeva i dati della Ferrari, e li testava in pista scambiandosi  le e-mail con l’allora collaudatore Pedro de la Rosa? Perché non ricorda che anche Alonso faceva parte della cricca della Spy story? Oppure ora che Fernando guida per la rossa facciamo finta che quelle cose non furono successe?

(altro…)

Fernando Alonso si conferma in testa al termine della sessione conservando come miglior tempo l’ 1.18.877 fatto segnare questa mattina.
In effetti la F2012, rientrata ai box intorno alle 11.00, ne è uscita solo dopo 4 ore (impiegate,come spiegato un pò cripticamente via twitter dalla Ferrari, per “apportare alcuni cambiamenti e risolvere alcuni problemi”) per percorrere pochi giri ad andatura costante, utili per effettuare degli aero test: a fine giornata lo spagnolo è il pilota che ha girato meno di tutti (39 tornate per lui).
Vettel,dopo i problemi tecnici accusati questa mattina, è sceso nuovamente in pista solo alle 14.45, perdendo, di fatto, metà sessione, ma mostrando prestazioni molto interessanti sia in termini di passo,che di velocità assoluta.
Lo stesso si può dire di Lewis Hamilton, che ha ottenuto il suo miglior tempo con gomme medie (a differenza di Alonso, che nel suo giro veloce aveva le soft).
Quest’anno,comunque, come confermato da Rosberg (che con la Mercedes 2011 nei giorni precedenti ha portato avanti un programma incentrato sulla valutazione delle nuove Pirelli), il gap prestazionale tra le diverse mescole sarà minore rispetto alla scorsa stagione.
Stakanovisti di giornata Bruno Senna, che ha coperto ben 125 giri con la sua Williams, e Trulli (117 giri), che ha guidato per la prima volta in carriera una monoposto dotata di Kers.
Esclusi Alonso e lo stesso Trulli, gli altri 7 piloti in pista risultano compresi nello spazio di mezzo secondo: dopo il salto la lista dei tempi di questa quarta giornata di test a Jerez. (altro…)

La prima notizia della giornata è, in realtà, una conferma: come anticipato dal nostro depaillerontyrrellp34, Trulli è al volante della Caterham.
Nei giorni scorsi si erano rincorse insistenti voci di un appiedamento di Jarno in favore di Vitaly Petrov, impegnato a convincere i suoi sponsor a garantirgli il budget sufficiente a “comprare” il sedile nel team di Tony Fernandes. Cosi’ non è stato ed assalto sventato, almeno per il momento. Con buona pace di certa stampa incomprensibilmente intenta a “tirare la volata” al russo.
Tornando ai fatti della pista, la Red Bull ha accusato problemi di natura elettrica che hanno costretto Vettel ad una lunga sosta ai box dopo aver compiuto appena due giri.
Dopo che le prestazioni tutt’altro che esaltanti dei primi tre giorni cominciavano a destare preoccupazioni sulla competitività della F2012 sia tra i tifosi che all’interno della squadra (dove sia Fry che Massa avevano ammesso che il lavoro da fare era molto), sono giunti finalmente i primi,timidi segnali di risveglio da parte della Ferrari, con Alonso che ha abbassato sensibilmente il riscontro personale di ieri.
Pare che da Maranello siano arrivate nottetempo nuove componenti, che a quanto sembra hanno dato risultati positivi, anche se risulta difficile credere che questi pezzi da soli abbiano determinato un miglioramento di oltre un secondo e mezzo.
C’è da sottolineare che lo spagnolo ha fatto segnare il suo miglior crono con gomme Soft, nel primo giro di un run di sei passaggi.
Assente la Mercedes in questa ultima giornata di test a Jerez,mentre Nico Hulkenberg ha potuto finalmente prendere contatto con la nuova Force India, dopo aver dovuto,suo malgrado, saltare la giornata di ieri a causa dell’incidente del terzo pilota Bianchi.
Molto attiva la Williams con Bruno Senna che ha coperto già quasi 100 giri.
Dopo il salto la lista dei tempi aggiornata alle ore 13.00. (altro…)